L’arsenale nucleare cinese è passato da 320 armi nel 2020 a 350 nel 2021, secondo un rapporto pubblicato lunedì dallo Stockholm International Peace Research Institute (SIPRI).

«La Cina è nel mezzo di una significativa modernizzazione ed espansione del suo inventario di armi nucleari», secondo gli autori dello studio SIPRC . Il periodo di tempo studiato dal documento Sipri include l’intera pandemia del coronavirus, una crisi globale che ha danneggiato in modo significativo la maggior parte delle economie mondiali ma ha portato a un boom economico per il Partito Comunista Cinese (PCC).

«La Cina ora mostra pubblicamente le sue forze nucleari più frequentemente che in passato, ma rilascia poche informazioni sui numeri delle forze o sui piani di sviluppo futuri», hanno osservato gli autori.

«Nel complesso, le scorte di testate nucleari continuano a diminuire», conclude il rapporto SIPRI. «Ciò è dovuto principalmente agli Stati Uniti e alla Russia che smantellano le testate in pensione».

«Le riduzioni globali delle testate operative sembrano essersi bloccate e il loro numero potrebbe aumentare di nuovo. Allo stesso tempo, sia gli Stati Uniti che la Russia hanno in corso programmi estesi e costosi per sostituire e modernizzare le loro testate nucleari, i sistemi di lancio di missili e aerei e gli impianti di produzione di armi nucleari», secondo il rapporto.

«Alla fine del 2020 la Russia e gli Stati Uniti non si erano ancora accordati per estendere il loro ultimo trattato bilaterale sul controllo delle armi nucleari, il Trattato sulle misure per l’ulteriore riduzione e limitazione delle armi strategiche offensive (Nuovo START), che doveva scadere il 5 febbraio 2021», ha ricordato il SIPRI.

«Il destino di New START è rimasto in bilico a causa dei diversi approcci e obiettivi delle due parti: la Russia si è concentrata sulla conservazione del trattato, mentre gli Stati Uniti hanno cercato di convincere la Cina – senza successo – ad aderire all’accordo e a renderlo più completo in termini di armi coperte e misure di verifica imposte», ha osservato l’istituto.

Sotto l’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, Washington e Mosca hanno esteso New START il 3 febbraio, appena due giorni prima della scadenza dell’accordo.

Come notato lunedì dal SIPRI, l’amministrazione dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha cercato di portare Pechino all’interno del New START, ma è stata accolta con un duro rifiuto da parte del Partito comunista cinese al potere. Biden ha scelto di non continuare la campagna.

In risposta all’invito degli Stati Uniti ad unirsi a un potenziale nuovo accordo START, Pechino nel luglio 2020 ha affermato che «si sarebbe unita ai colloqui solo se gli Stati Uniti avessero ridotto il proprio arsenale per eguagliare il deterrente nucleare molto più piccolo della Cina», ha riferito l’ Agence France-Presse al tempo.

«L’opposizione della Cina ai cosiddetti negoziati trilaterali per il controllo degli armamenti è molto chiara», ha detto il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian del trattato fallito.

«Tuttavia, gli Stati Uniti continuano a tormentare la Cina, persino distorcendo la posizione della Cina».

Zhao ha affermato che la proposta di Washington per i negoziati trilaterali non è «né seria né sincera», invitandola a rispondere invece alla richiesta della Russia di un’estensione del trattato e di ridurre ulteriormente il proprio arsenale nucleare.