(AGENPARL) – Roma, 12 maggio 2022 – Il presidente della Federazione Russa è convinto che il proseguimento della politica di “ossessione delle sanzioni” nei confronti della Russia comporterà le conseguenze più complesse e difficili da invertire per i cittadini dell’Unione europea e dei paesi più poveri del mondo

Le sanzioni occidentali contro la Russia colpiscono le economie di quei paesi che le impongono e provocano anche una crisi globale, ha affermato giovedì il presidente russo Vladimir Putin in un incontro sulle questioni economiche.

“Queste sanzioni stanno in gran parte provocando una crisi globale. I loro autori, guidati da ambizioni politiche miopi e gonfiate, la russofobia, hanno colpito in misura maggiore i loro stessi interessi nazionali, le loro stesse economie, il benessere dei loro cittadini”, ha affermato .

In primo luogo, ha sottolineato il capo dello Stato russo, lo si vede dal forte aumento dell’inflazione in Europa: in alcuni paesi si è già avvicinata al 20% annuo, e nell’intera zona euro i prezzi delle materie prime sono aumentato di oltre l’11%.

Putin ha richiamato l’attenzione sul fatto che negli ultimi due mesi le autorità russe hanno tenuto una serie di incontri sulla situazione economica. “Insieme ai membri del governo, ai capi dei soggetti della Federazione, ai vertici della Banca Centrale, ai rappresentanti delle imprese, stiamo attuando un piano coerente per garantire lo sviluppo sostenibile dell’economia”, ha affermato il presidente.

Ha osservato che questo lavoro deve essere costruito tenendo conto delle difficili condizioni esterne. “Intendo sia la difficile situazione globale che la pressione delle sanzioni degli stati occidentali”, ha spiegato il capo dello stato russo.

La colpa dell’Occidente in una possibile carestia

La colpa delle conseguenze globali delle sanzioni contro la Russia, inclusa la possibile carestia in un certo numero di stati, è dei paesi occidentali che sono pronti a sacrificare il resto del mondo per il loro dominio, ha detto Putin. Ha richiamato l’attenzione sul fatto che alcuni Stati stanno già affrontando i rischi della carestia e, con il proseguimento delle sanzioni contro la Federazione Russa, potrebbero sorgere conseguenze intrattabili per l’UE. “La colpa di questo è interamente delle élite dei paesi occidentali, che sono pronte a sacrificare il resto del mondo per mantenere il loro dominio globale”, ha affermato Putin.

Il proseguimento della politica di “ossessione per le sanzioni” nei confronti della Russia porterà alle conseguenze più complesse e difficili da invertire per i cittadini dell’Unione europea e dei paesi più poveri del mondo, ritiene Putin. “Ovviamente, a causa di leggi economiche oggettive, il proseguimento dell’ossessione per le sanzioni, se così si può dire, porterà inevitabilmente alle conseguenze più complesse e difficilmente reversibili per l’Unione Europea, per i suoi cittadini, così come per gli Stati più poveri ,” Egli ha detto.

Superare le sfide esterne

A sua volta, la Russia, ha proseguito, sta affrontando con sicurezza le sfide esterne grazie sia alla politica macroeconomica responsabile degli ultimi anni sia alle decisioni sistemiche volte a rafforzare la sovranità economica, la sicurezza tecnologica e alimentare. 

“Le nostre aziende manifatturiere stanno gradualmente occupando le nicchie lasciate libere dopo la partenza di partner senza scrupoli nel mercato interno, inclusi beni di consumo, attrezzature industriali e di servizio, attrezzature per l’edilizia e l’agricoltura”, ha affermato il presidente della Federazione Russa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here