(AGENPARL) – Roma, 15 giugno 2021 – L’ex direttore dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), Robert Redfield, ha affermato di ritenere che il coronavirus sia trapelato da un laboratorio ed ha affermato che l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) era “troppo compromessa” per condurre un’indagine sulle origini del virus.

In un’intervista rilasciata a Fox News martedì, Redfield ha affermato che la diffusione del coronavirus da uomo a uomo contraddiceva il comportamento di altre malattie come la SARS.

“Ho detto prima che non pensavo fosse biologicamente plausibile che il COVID-19 fosse passato da un pipistrello a un animale sconosciuto nell’uomo e ora fosse diventato uno dei virus più infettivi”, ha detto il virologo veterano. “Questo non è coerente con il modo in cui altri coronavirus sono entrati nella specie umana. E suggerisce che c’è un’ipotesi alternativa che sia passato da un virus di pipistrello, sia entrato in un laboratorio, dove in laboratorio è stato insegnato, educato, si è evoluto, in modo che sia diventato un virus in grado di trasmettere efficacemente da uomo a uomo .”

Il mese scorso, il presidente Joe Biden ha spronato le agenzie di intelligence degli Stati Uniti a “raddoppiare gli sforzi” per indagare l’origine del coronavirus – un ordine che è venuto dopo che la CNN ha riferito che l’amministrazione di Biden ha sollecitato il Dipartimento di Stato per individuare l’origine.

L’OMS ha intrapreso la propria indagine sull’origine del virus e ha definito lo scenario di origine della fuga di laboratorio “estremamente improbabile”. L’agenzia di sanità pubblica ha affermato che l’origine più probabile è stata la trasmissione del virus dai pipistrelli all’uomo – un’opinione condivisa dal dottor Anthony Fauci,  capo dell’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive (NIAID).

Redfield ritiene che l’OMS sia “troppo compromessa” dalla Cina per indagare sull’origine del virus.