(AGENPARL) – Roma, 12 maggio 2021- La Cina taglierà ulteriormente le tasse per aumentare la vitalità delle entità del mercato, ha detto lunedì il principale pianificatore economico del paese.

La Cina mobiliterà risorse finanziarie per sostenere l’economia reale, ridurre i costi di transazione imposti dal governo e tagliare i costi del lavoro per le imprese, ha affermato una nota diffusa dalla Commissione nazionale per lo sviluppo e la riforma e altri tre ministeri.

Il paese ridurrà anche i costi logistici, annullerà o abbasserà alcune tariffe portuali per le autostrade e per l’aviazione civile e migliorerà le infrastrutture di trasporto e logistica, si legge nell’avviso.

Ha aggiunto che sarebbero stati compiuti sforzi per migliorare la rotazione del capitale delle imprese e garantire pagamenti tempestivi alle piccole e medie imprese.

La Cina manterrà la continuità e la sostenibilità delle macro politiche quest’anno per mantenere il funzionamento dell’economia entro un intervallo appropriato, secondo il rapporto di lavoro del governo di quest’anno.

Il paese continuerà ad attuare politiche sistematiche di riduzione delle tasse, estendere la durata di diverse politiche temporanee come lo sgravio dell’imposta sul valore aggiunto per i piccoli contribuenti e adotterà nuove politiche sulle riduzioni fiscali strutturali per compensare l’impatto di alcuni aggiustamenti politici, ha riferito il rapporto.

Ora in Cina la forza lavoro cinese è precipitata, secondo i risultati del settimo censimento nazionale della popolazione pubblicato martedì scorso.

Il numero della forza lavoro cinese tra i 15 ei 59 anni è sceso di circa 45 milioni a 894 milioni nel 2020 rispetto al 2010, mentre il numero di persone di età pari o superiore a 60 anni è salito a 264 milioni, da 177.

Ma la percentuale di persone di età pari o inferiore a 14 anni nella Cina continentale era del 17,95%, in aumento di 1,35 punti percentuali rispetto al censimento del 2010.

“L’età media della popolazione cinese è di 38,8 anni, che è ancora giovane ed energica. È quasi la stessa dell’età media degli Stati Uniti che è di 38 anni”, Ning Jizhe, capo del National Bureau of Statistics (NBS) , ha detto nella conferenza stampa di presentazione del censimento di martedì.

Questo era in risposta a una domanda su come il cambiamento demografico avrebbe pesato sull’economia cinese. Ning ha aggiunto che il dividendo della popolazione cinese esiste ancora e le sue risorse di lavoro sono ancora abbondanti.

“I dividendi della popolazione persistono, ma sono presentati in un modo diverso – dall’intensa attività lavorativa all’innovazione e alla tecnica”, ha detto martedì al Global Times Cao Heping, professore di economia presso l’Università di Pechino, scrollandosi di dosso le preoccupazioni che è imminente una crisi demografica che potrebbe ostacolare la crescita della Cina.

La popolazione della Cina continentale è aumentata a 1,41 miliardi nel 2020. Nonostante un tasso di crescita in calo, il numero ha comunque superato la popolazione complessiva delle principali economie sviluppate del mondo, compresi gli Stati Uniti. 

In un modello di crescita guidato dal digitale, le dimensioni della popolazione e della forza lavoro giovane sono meno significative, ma la loro capacità di consumo e livello di istruzione merita di essere osservata, secondo Cao, che ha preso atto dell’ottimizzazione della struttura demografica della Cina. 

Secondo Ning, l’ampia base demografica della Cina non è cambiata e il vantaggio del suo mercato di grandi dimensioni in patria esisterà per molto tempo.

“La qualità della popolazione è migliorata in modo significativo e il bonus talento apparirà gradualmente”, ha detto Ning, sottolineando l’urgenza di adeguare la struttura economica, lo sviluppo tecnologico e accelerare l’aggiornamento industriale. 

Cao ha osservato che i vicini asiatici della Cina come il Giappone, la Corea del Sud e Singapore hanno intrapreso un percorso simile prima di scalare la soglia delle nazioni sviluppate. “Anche la Cina potrebbe seguire questo percorso”. 

Il reddito disponibile pro capite della Cina ha raggiunto 32.189 yuan ($ 4.961) nel 2020, più del doppio del livello nel 2010 e al di sopra del livello medio dei paesi a reddito medio, secondo NBS.

È probabile che anche un aumento dei redditi delle famiglie più le dimensioni del mercato interno stimoleranno ulteriormente l’appetito per prodotti innovativi, consumi e servizi sperimentali, rimodellando il panorama economico, hanno affermato gli analisti, osservando che i nuovi driver di crescita potrebbero sostenere il PIL cinese per crescere a un ” moderatamente alto “nel prossimo decennio.

“Una coorte di giovani verrebbe probabilmente attratta da terminali intelligenti, come intelligenza artificiale, intelligenza virtuale e smartphone, che a loro volta accelereranno ulteriormente un’economia digitalizzata”, ha detto Cao, che ha chiesto ulteriori misure per stimolare il consumo del paese.

Nel frattempo, gli osservatori hanno anche previsto una domanda potenzialmente esplosiva nei settori sanitari, dalla farmaceutica, all’assistenza agli anziani, alla nanomedicina e ad altre nuove tecniche di trattamento, nonché ai servizi di gestione patrimoniale. 

Tian Yun, vice direttore della Beijing Economic Operation Association, ha previsto che la crescita annuale della spesa dei residenti nei settori dell’istruzione e della sanità sarà superiore all’8% durante il quattordicesimo periodo del piano quinquennale, superiore alla crescita media del consumo dei residenti di 6,9 per cento.

Tuttavia, un crescente invecchiamento della popolazione potrebbe anche aumentare i costi delle assicurazioni sociali, mettendo a dura prova lo scrigno del governo locale e aumentando il carico fiscale delle imprese e degli individui, hanno detto gli analisti. 

Un’altra battuta d’arresto è la questione della carenza di manodopera, in cui i produttori potrebbero lottare per assicurarsi abbastanza lavoratori per le loro fabbriche, indebolendo la posizione della Cina come macchina di esportazione mondiale, ha detto al Global Times Jia Pu, vicepresidente del Tianyi Digital Economy Think Tank.

Un manager di una fabbrica di vetro con sede a Shenzhen soprannominata Duan, ha detto martedì al Global Times che la sua azienda ha raddoppiato gli sforzi per sostituire una forza lavoro umana con linee di produzione intelligenti.  

“Ci sono onde d’urto a breve termine dovute al drenaggio di una giovane forza lavoro, ma la tendenza a sostituire la produzione di fascia bassa con la produzione intelligente è irreversibile”, ha detto Duan. “Se procediamo senza intoppi con il piano, quest’anno potremmo ridurre la forza lavoro del 30%”.