Agenparl
Image default
Home » IL CONFLITTO TRA L’ARMENIA E L’AZERBAIGIAN E LE AMBIZIONI DELLA TURCHIA

IL CONFLITTO TRA L’ARMENIA E L’AZERBAIGIAN E LE AMBIZIONI DELLA TURCHIA

(AGENPARL) – Roma, 14 ottobre 2020 – Ci sono prove sintomatiche che la Turchia sia il principale istigatore dell’attuale guerra del Karabakh.

Il paese è stato coinvolto in ogni fase del percorso, dalla preparazione all’esecuzione del piano di guerra azero.

Per più di dieci ore, dal 9 ottobre al 10 ottobre, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha presieduto negoziati duri ed estenuanti tra il ministro degli Esteri armeno Zohrab Mnatsakanyan e il ministro degli Esteri azero Jeyhun Bayramov. Colloqui si sono concentrati sulla fine della recente guerra contro la repubblica separatista del Nagorno-Karabakh (conosciuta dagli armeni come Artsakh) ed hanno portato ad un cessate il fuoco e all’impegno per ulteriori colloqui di pace. Sembrava essere un’impresa notevole per il diplomatico veterano di Mosca. Ad oggi il cessate il fuoco è stato “largamente mantenuto”, anche se è tenuto da un sottile filo.

La guerra per il Karabakh è nuova ma il conflitto non lo è.

Le sue complesse origini possono essere rintracciate nella storia passata, ma il conflitto contemporaneo risale agli anni ’80, quando Mikhail Gorbachev diede il via alla riforma dell’Unione Sovietica. Era l’era di Gorbachev della glasnost e della perestrojka, ed in risposta al nuovo corso, gli armeni del Karabakh a maggioranza armena, allora autonomi nell’Azerbaigian sovietico, cercarono di unificare la loro regione con l’Armenia sovietica.

Manifestazioni pacifiche a Yerevan e Stepanakert erano state accolte con violenza etnica anti-armena nella città azerbaigiana di Sumgait, non lontano da Baku.

Le tensioni aumentarono e ne seguirono ulteriori scontri tra armeni e azeri, che sfociarono in una guerra aperta al momento della dissoluzione sovietica nel 1991.

La guerra portò – come tutti i conflitti – alla morte, alla distruzione e alla miseria da entrambe le parti.

Un cessate il fuoco mediato dalla Russia nel 1994 ha lasciato agli armeni del Karabakh il controllo di gran parte dell’area, così come sette distretti che lo circondano, fornendo confini diretti con Armenia e Iran.

Da allora il regime di cessate il fuoco ha mantenuto la pace in modo tenue, ma l’area ha visto periodiche esplosioni di violenza, inclusa la Guerra dei Quattro Giorni del 2016.

L’attuale conflitto rappresenta la più grave escalation di violenza dall’inizio degli anni ’90, senza precedenti sia per dimensioni che per ferocia, è stato scatenato da Baku, con un supporto imponente della Turchia, alle prime ore del mattino del 27 settembre.

Ma cosa ha motivato un attacco così massiccio al Karabakh da parte dell’Azerbaigian?

Non era un segreto che l’uomo forte azerbaigiano Ilham Aliyev fosse insoddisfatto del processo di negoziazione del Karabakh, avendo definito i negoziati “privi di significato” in più di un’occasione.

Nel corso dei giorni, la crescente belligeranza nella retorica di Aliyev è stata accompagnata dall’aumento dell’acquisto di armi sofisticate, dovuto esclusivamente alle entrate impreviste del petrolio.

Tuttavia degna di tutta attenzione è il ruolo del potente alleato dell’Azerbaigian: la Turchia.

Ci sono prove significative che la Turchia è il principale istigatore dell’attuale guerra del Karabakh.

Il paese è stato coinvolto in ogni fase del percorso dalla preparazione all’esecuzione del piano di guerra azerbaigiano.

Le immagini satellitari dell’aeroporto internazionale Ganja dell’Azerbaijan pubblicate dal New York Times hanno rivelato la presenza di caccia turchi F-16, cosa che Aliyev ha successivamente ammesso in un’intervista alla CNN.

Secondo Yerevan, questi jet sono stati usati dalla Turchia contro le forze armene all’inizio del conflitto.

Inoltre, secondo alcuni resoconti dei media e valutazioni dell’intelligence francese e russa, la Turchia è stata impegnata a trasportare mercenari e jihadisti dalla Siria e dalla Libia nella zona del conflitto, compresi i membri del Fronte siriano Nusra.

Tuttavia, l’incursione di Ankara in Karabakh è solo l’ultimo episodio del suo avventurismo imperiale.

Che si tratti di presenziare ai combattimenti in corso nel bacino del Mediterraneo, reclamare Gerusalemme (città sacra per i mussulmani), soffocare la sua opposizione in Turchia, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha reso note le sue ambizioni geopolitiche.

Il suo intervento in Karabakh rischia di trasformare un conflitto inter etnico localizzato in una grande guerra regionale, con ripercussioni internazionali se non mondiali.

Con la sua presenza dietro l’Azerbaigian, sia diplomaticamente che militarmente, Erdogan è riuscito a cogliere la Russia alla sprovvista nel suo tentativo di stabilire un punto d’appoggio nel Caucaso.

Il presidente turco ha chiarito le sue intenzioni in un discorso del luglio 2020 in cui ha dichiarato che spettava a lui continuare la missione degli ottomani nella regione.

Alcuni osservatori hanno interpretato le sue osservazioni come una minaccia non così velata contro gli armeni nel contesto del genocidio armeno.

Tuttavia, le sue dichiarazioni si riferiscono non tanto al 1915 quanto ad un altro evento storico correlato, non meno traumatico per gli armeni: l’invasione militare ottomana della Transcaucasia nel 1918. In quell’episodio, l’Impero ottomano cercò di rivendicare il Caucaso in mezzo al guerra civile russa in corso.

Erdogan cerca di rilanciare questa rivendicazione storica sulla regione, alla luce dei suoi recenti conflitti con il presidente russo Vladimir Putin in Libia e Siria.

Ha apertamente descritto il suo totale sostegno all’Azerbaigian come parte della ricerca della Turchia per il suo “posto meritato nell’ordine mondiale”.

Il suo scopo è usare una nuova guerra in Karabakh per inviare un messaggio a Mosca e, se possibile, per minare l’influenza storica della Russia nel Caucaso e persino per soppiantarla potenzialmente con l’influenza turca.

Anche l’Iran è l’obiettivo di questa ultima mossa sfacciata di Erdogan.

Mentre la distensione di Ankara con Mosca svanisce nelle sabbie del Nord Africa, il Karabakh offre a Erdogan alcune opportunità.

Ankara ha prima sondato il terreno per essere intervenuta direttamente nel conflitto del Karabakh sul lato azerbaigiano durante il conflitto del Nagarno-Karabakh del 2016.

Il contesto era la rivalità della Turchia con la Russia per la guerra civile siriana e l’abbattimento dell’aereo Sukhoi Su-24 russo nello spazio aereo siriano.

A quel tempo, il primo ministro russo Dmitry Medvedev ha accusato Ankara di “aggiungere benzina al fuoco” sul Karabakh.

Questa era una semplice prova generale per quello che doveva venire.

Un sfortunato attacco azero contro la provincia nord-orientale di Tavush in Armenia a metà luglio 2020 ha provocato una scaramuccia transfrontaliera che avrebbe causato la morte del Gen. Polad Hashimov.

La rabbia per la morte di Hashimov, combinata sia con la diminuzione delle entrate petrolifere della sedicente “Dubai del Caucaso” e il declino economico della pandemia di coronavirus, ha portato Baku a rivolgersi ad Ankara.

Amareggiato dai suoi problemi economici e dalle battute d’arresto geopolitiche, Erdogan era fin troppo ansioso di aiutare.

Insieme, Turchia e Azerbaigian hanno tenuto ‘game of war’ congiunti a Baku e nell’exclave azera strategica di Nakhichevan, zona confinante con Armenia ed Iran.

Le esercitazioni, che hanno coinvolto vari sistemi di artiglieria e difesa aerea e una pattuglia di jet turchi F-16, non sono passate inosservate a Mosca.

Alla fine di settembre, solo pochi giorni prima che l’Azerbaigian lanciasse il suo assalto al Karabakh con il sostegno turco, la Russia ha condotto i giochi di guerra Kavkaz-2020.

Tenutisi nel Caucaso settentrionale, questi giochi hanno coinvolto le forze militari dell’Armenia e di altri stati ex sovietici.

Sebbene Baku avrebbe dovuto partecipare come osservatore, Aliyev respinse l’invito di Mosca a causa del conflitto del Karabakh. Probabilmente Baku era anche attenta a quelle esercitazioni Kavkaz-2020 effettuate nel Mar Caspio, in particolare quella dell’assalto anfibio della Flottiglia del Caspio.

Poiché l’attenzione della comunità internazionale si è soffermata sulla pandemia, il momento di sferrare l’attacco è sembrato quello giusto per Ankara e Baku.

Il 27 settembre, i primi rapporti dei bombardamenti aerei su Stepanakert sono iniziati ad apparire sui canali Armenian Telegram seguiti dalle ultime notizie in Armenia, Azerbaigian e, curiosamente, in Turchia.

Altrettanto curiosamente, un giornalista televisivo turco ha iniziato a raccontare in diretta da una delle zone toccate dalla guerra nel giro di un’ora.

All’inizio della guerra, l’obiettivo dell’Azerbaigian era quello di circondare il territorio dell’ex Oblast autonomo del Nagorno-Karabakh (NKAO) dell’ex repubblica socialista sovietica, attaccando da nord-ovest, sud-est e nord-est.

Le offensive di Baku a nord-ovest miravano a riconquistare i distretti strategici di Kelbajar (Karvachar) e Lachin (Berdzor), che forniscono all’Armenia un collegamento via terra critico con il Karabakh.

Tuttavia, il terreno impraticabile della catena montuosa Murov (Mrav), combinato con la dura resistenza armena, ha portato a pesanti perdite per Baku.

L’Azerbaigian è andato solo leggermente meglio sul fronte sud-est, lungo il fiume Araks e al confine con l’Iran, dove il loro obiettivo principale è stato quello di riprendere le città di Fizuli (Varanda) e Jabrayil (Jrakan).

A differenza del nord-ovest, la geografia delle pianure del sud-est è un terreno più familiare per Baku.

Tuttavia, anche in quest’area con le sue condizioni fisiche più adatte, l’Azerbaigian ha incontrato una forte resistenza armena, che ha provocato pesanti perdite e il mancato raggiungimento dei suoi obiettivi militari.

Una situazione simile si è sviluppata nel Karabakh nord-orientale, vicino alla città di Martakert, dove il villaggio di Talish è diventato il principale punto di contesa tra Baku e gli armeni del Karabakh.

Demoralizzati dalle offensive fallite, Baku e Ankara sono dovute ricorrere alla punizione dei recalcitranti del Karabakh, bombardando città e paesi e prendendo di mira i civili.

Forse nessuna città ha sofferto più della nuova guerra della capitale del Karabakh, Stepanakert, dal nome del rivoluzionario armeno Stepan Shahumyan.

Dall’inizio delle ostilità, gli abitanti di questa città di montagna hanno dovuto affrontare una serie di bombardamenti da parte delle forze azere, ovviamente con il sostegno attivo dei turchi.

Questi attacchi sono stati così implacabili che il nome “Stepanakert” è diventato sinonimo della tragedia e dell’insensatezza di questa guerra, alimentati dalle ambizioni dei leader di Ankara e Baku.

A causa dei bombardamenti spietati e indiscriminati, i cittadini della città sono stati spinti in rifugi sotterranei e nella disperazione.

Coloro che hanno avuto la fortuna di fuggire dalla carneficina hanno trovato rifugio nelle vicine città armene, come Goris e Kapan, e più a ovest a Yerevan.

La tecnica di prendere di mira deliberatamente i civili viene direttamente da Erdogan, e la stessa strategia è stato utilizzata – a quanto riferisce Amnesty International – contro i curdi nel suo stesso Paese, in Siria e in Iraq.

Anche i giornalisti internazionali non sono stati risparmiati.

Il bombardamento di Martuni da parte di Baku ha provocato il grave infortunio di due giornalisti del quotidiano francese Le Monde.

Allo stesso modo, il bombardamento dell’Azerbaigian della magnifica Cattedrale del Santo Salvatore a Shushi –già di per sé un grave crimine – ha provocato il ferimento di tre giornalisti russi, incluso uno in condizioni critiche.

Inoltre, crescono le prove di Amnesty International. Funzionari del Karabakh e giornalisti sul campo provenienti da Germania, Russia, Francia e Regno Unito hanno dimostrato che la parte azera ha utilizzato nei suoi attacchi munizioni a grappolo proibite dal diritto internazionale.

Il targeting di civili, combinato con l’uso di armi proibite a livello internazionale, sono evidenti violazioni del diritto internazionale umanitario e delle leggi di guerra. Queste azioni e la catastrofe umanitaria in atto meritano la più forte condanna da parte della comunità internazionale.

Il tentativo della Turchia di espandere la sua influenza nel Caucaso ha preoccupato la regione.

La Russia è particolarmente preoccupata dato il suo interesse per la stabilità e la sicurezza del Caucaso.

Avere una “zona cuscinetto” di stati amici a sud del suo Caucaso settentrionale tenuemente stabile è l’obiettivo strategico principale di Mosca.

In quanto tale, il Cremlino apprezza molto le sue relazioni sia con Yerevan che con Baku e, di conseguenza, qualsiasi conflitto regionale tra questi due stati e il potenziale caos e instabilità che creerebbe, sarebbe contro gli interessi di sicurezza russi.

La forte incursione unilaterale della Turchia nel Karabakh minaccia di destabilizzare la regione e mettere in discussione la posizione di negoziatore della Russia tra Yerevan e Baku. Tuttavia, per il momento, la Russia ha affrontato la situazione in modo cauto e diplomatico. Si è astenuta dallo schierarsi pubblicamente, riaffermando i suoi obblighi di difesa in dell’Armenia.

Tuttavia, le azioni di Ankara rappresentano senza dubbio una seria minaccia per la sicurezza russa.

Mosca è allarmata non solo dalla flagrante decisione della Turchia di entrare nel conflitto, ma anche dall’introduzione di mercenari e jihadisti stranieri nella zona del conflitto del Karabakh.

La presenza di tali combattenti così vicini ai confini russi rappresenta un pericolo chiaro e diretto per la Russia, portando la guerra siriana proprio alle porte di Mosca, molto vicino alla sua regione più sensibile.

La minaccia che il Karabakh esploda in una guerra regionale più vasta rimane una delle principali preoccupazioni per Mosca.

L’Iran condivide la posizione della Russia e molte delle sue preoccupazioni. Teheran non solo è stata apertamente preoccupata per l’uso di combattenti jihadisti siriani, ma anche per la vicinanza del conflitto così vicino alle sue frontiere settentrionali, dove si sono già verificate alcune ricadute.

Non è un caso che il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov e il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif abbiano discusso la questione al telefono, sottolineando soprattutto il pericolo che il dispiegamento della Turchia di combattenti jihadisti rappresenta nel quartiere del Caucaso.

Il presidente Hassan Rouhani ha parlato al telefono con il presidente azero e il primo ministro armeno e li ha invitati alla pace e alla riconciliazione, il che dimostra la saggezza e la strategia dell’Iran.

Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha espresso timori di una “guerra regionale” e l’ha elogiato il recente cessate il fuoco negoziato da Lavrov.

Sia l’Iran che la Russia hanno anche popolazioni armene e azere significative e, date le recenti risse tra le comunità della diaspora armena e azera istigate da Baku, entrambi temono i potenziali problemi di sicurezza interna che potrebbero derivare da un nuovo conflitto istigato dalla Turchia.

L’Iran condivide la posizione della Russia e molte delle sue preoccupazioni.

Teheran dopo che sono stati pubblicati rapporti sulla Turchia che schierava forze jihadiste dalla Siria nella regione, sono emerse preoccupazioni. Yerevan ha affermato che la Turchia ha portato 4.000 combattenti per procura nel Nagorno-Karabakh, cosa che è stata respinta da Baku e Ankara.

Il numero può essere esagerato – riferisce l’Agenzia Irna – ma si è visto che il rifugio sicuro per estremisti e terroristi si forma quando l’autorità centrale viene ferita o diventa instabile. Considerando i fatti che lo scontro si sta svolgendo vicino al Medio Oriente e la presenza di estremisti dalla Cecenia e dall’Abkhazia, l’area ha il potenziale per un nuovo rifugio sicuro per i terroristi.

Le differenze religiose possono anche essere un pretesto e un catalizzatore per la presenza di estremisti nella regione, motivo per cui il presidente Rouhani ha insistito per una rapida soluzione del problema.

Il prolungamento della crisi e la presenza di forze extraregionali possono portare a una maggiore complessità e concorrenza nella regione.

Sia l’Iran che la Russia hanno anche popolazioni armene e azere significative e, date le recenti risse tra le comunità della diaspora armena e azera istigate da Baku, entrambi temono i potenziali problemi di sicurezza interna che potrebbero derivare da un nuovo conflitto istigato dalla Turchia.

Resta da vedere se il tenue cessate il fuoco mediato da Lavrov reggerà e per quanto tempo.

Se la guerra riprenderà su vasta scala, Ankara e il suo alleato Baku, potrebbero finire per perdere molto di più da questa ambiziosa avventura.

La Turchia sta già combattendo troppe guerre contemporaneamente e su troppi fronti.

L’opposizione di Teheran e Mosca, molto più potenti, alla richiesta della Turchia per la conquista dell’influenza regionale prima o poi si ripercuoterà anche contro di essa.

Infine, sul campo pratico, dopo due settimane di pesanti combattimenti, Baku non è riuscita a raggiungere nessuno dei suoi obiettivi militari contro gli armeni del Karabakh e ha solo ulteriormente atterrito la popolazione locale contro questa situazione.

Qualsiasi ripresa delle ostilità, lungi dal giovare a Erdogan, potrebbe preannunciare la fine della sua nostalgia di grandezza ottomana, una prospettiva decisamente incresciosa.

Post collegati

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More