Agenparl
Image default
Home » AMAZON RIMUOVERà PARLER DAL SUO SERVIZIO DI WEB HOSTING

AMAZON RIMUOVERà PARLER DAL SUO SERVIZIO DI WEB HOSTING

(AGENPARL) – Roma, 10 gennaio 2021 – Amazon sta rimuovendo la piattaforma di social media Parler dal suo servizio di web hosting Amazon Web Services (AWS), e metterà la piattaforma offline domenica fino a quando non troverà un nuovo host.

Amazon dice che i contenuti del sito di social media violano i suoi termini di servizio, aggiungendo che non crede che Parler abbia una buona strategia per reprimere il discorso sulla sua piattaforma, secondo un’email ottenuta da BuzzFeed News.
“Recentemente, abbiamo visto un costante aumento di questo contenuto violento sul vostro sito web, che viola i nostri termini”, ha detto Amazon nella sua e-mail a Parler. “E’ chiaro che Parler non ha un processo efficace per rispettare i termini di servizio di AWS”.

“Sembra anche che Parler stia ancora cercando di determinare la sua posizione sulla moderazione dei contenuti”, ha aggiunto l’email. “Rimuovete alcuni contenuti violenti quando venite contattati da noi o da altri, ma non sempre con urgenza”.

L’e-mail continua come segue:

Il vostro CEO ha recentemente dichiarato pubblicamente che non “si sente responsabile di nulla di tutto questo, e non dovrebbe sentirsi responsabile nemmeno la piattaforma”. Questa mattina, avete condiviso che avete un piano per moderare in modo più proattivo i contenuti violenti, ma prevedete di farlo manualmente con i volontari. È nostra opinione che questo nascente piano di usare i volontari per identificare e rimuovere prontamente i contenuti pericolosi non funzionerà alla luce del rapido aumento del numero di messaggi violenti. Ciò è ulteriormente dimostrato dal fatto che non avete ancora eliminato gran parte dei contenuti che vi abbiamo inviato. Considerati gli sfortunati avvenimenti della scorsa settimana a Washington, D.C., c’è il serio rischio che questo tipo di contenuti incitino ulteriormente alla violenza.

“Non possiamo fornire servizi a un cliente che non è in grado di identificare e rimuovere in modo efficace i contenuti che incoraggiano o incitano alla violenza contro gli altri”, ha aggiunto l’e-mail. “Poiché Parler non può rispettare i nostri termini di servizio e rappresenta un rischio molto reale per la sicurezza pubblica, abbiamo in programma di sospendere l’account di Parler a partire da domenica 10 gennaio, alle 23:59 PST”.

Parler è già sede di diversi legislatori repubblicani e di personaggi di alto profilo dei media conservatori, nonché di membri della famiglia del Presidente Donald Trump.

La decisione di Amazon di bandire Parler dal suo servizio di web hosting arriva sulla scia di Google e Apple che hanno bandito Parler dai loro app store, escludendo di fatto l’applicazione dagli smartphone Android e iPhone.

La decisione di Amazon, Google e Apple di bandire Parler arriva sulla scia di Twitter che bandisce definitivamente il presidente Trump dalla sua piattaforma, così come Facebook e Instagram che bloccano il presidente dai suoi account “a tempo indeterminato”.
“Domenica (domani) a mezzanotte Amazon spegnerà tutti i nostri server nel tentativo di rimuovere completamente la libertà di parola da internet”, ha detto il CEO di Parler John Matze in una dichiarazione. “C’è la possibilità che Parler non sia disponibile su internet per una settimana, mentre noi ricostruiamo da zero”. Ci siamo preparati ad eventi come questo senza mai affidarci alle infrastrutture proprietarie di Amazon e alla costruzione di prodotti in metallo nudo”.

“Faremo del nostro meglio per passare a un nuovo fornitore in questo momento, dato che abbiamo molti concorrenti per il nostro business, tuttavia Amazon, Google e Apple lo hanno fatto di proposito come uno sforzo coordinato, sapendo che le nostre opzioni sarebbero state limitate e sapendo che questo avrebbe inflitto i danni maggiori proprio quando il presidente Trump è stato bandito dalle aziende tecnologiche”, ha continuato Matze.

“Si è trattato di un attacco coordinato da parte dei giganti della tecnologia per uccidere la concorrenza sul mercato”, ha aggiunto il CEO. Abbiamo avuto troppo successo troppo in fretta”. Ci si può aspettare che la guerra alla concorrenza e alla libertà di parola continui, ma non contate su di noi”.

Post collegati

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More