Agenparl
Image default

USA, RATCLIFFE (DNI): LA CINA HA INTERFERITO NELLE ELEZIONI FEDERALI DEL 2020. ALTI FUNZIONARI DELLA CIA HANNO FATTO PRESSIONE SUGLI ANALISTI PER RITIRARE LA VALUTAZIONE

USA, Ratcliffe (DNI): La Cina ha interferito nelle elezioni federali del 2020. Alti funzionari della CIA hanno fatto pressione sugli analisti per ritirare la valutazione

(AGENPARL) – Roma, 18 gennaio 2021- Il direttore del National Intelligence (DNI) John Ratcliffe ha valutato che la Cina ha interferito nelle elezioni federali del 2020, secondo una lettera trasmessa al Congresso.

Nella lettera (pdf), Ratcliffe sostiene che l’intelligence sull’interferenza elettorale della Cina è stata soppressa dal management della CIA, che ha fatto pressione sugli analisti perché ritirassero la loro valutazione.

Citando un rapporto del difensore civico analitico della Comunità di intelligence Barry Zulauf, il direttore dell’intelligence nazionale ha affermato che alcuni analisti erano riluttanti a descrivere le azioni della Cina come interferenze elettorali perché in disaccordo con le politiche del presidente Donald Trump.

The Washington Examiner ha pubblicato la lettera di Ratcliffe e il rapporto del difensore civico il 17 gennaio, 10 giorni dopo la pubblicazione di un rapporto originale sui documenti. L’ODNI non ha risposto immediatamente alle richieste di autenticare i documenti.

“Sulla base di tutte le fonti di intelligence disponibili, con definizioni applicate in modo coerente, e raggiunte indipendentemente da considerazioni politiche o da indebite pressioni – ha scritto Ratcliffe – che la Repubblica Popolare Cinese ha cercato di influenzare le elezioni federali del 2020 negli Stati Uniti”.

Il rapporto di Zulauf è stato inviato al Congresso il 7 gennaio, insieme a una valutazione della comunità di intelligence sulle interferenze nelle elezioni del 2020. Nel rapporto (pdf), Zulauf afferma che gli analisti che lavorano su Russia e Cina hanno applicato standard diversi ai loro rapporti sulle interferenze elettorali. Pur etichettando l’attività della Russia come chiara interferenza elettorale, gli analisti erano riluttanti a fare lo stesso per la Cina.

“Date le differenze analitiche nel modo in cui gli analisti di Russia e Cina hanno esaminato i loro obiettivi, gli analisti cinesi sono apparsi esitanti nel valutare le azioni cinesi come un’indebita influenza o interferenza”, ha scritto Zulauf.

“Questi analisti sono apparsi riluttanti a far avanzare la loro analisi sulla Cina perché tendevano a non essere d’accordo con le politiche dell’Amministrazione, dicendo in effetti, non voglio che la nostra intelligenza venga usata per sostenere quelle politiche”.

Né il rapporto del difensore civico né la lettera di Ratcliffe contengono dettagli sull’ingerenza della Cina.

Il rapporto del difensore civico analitico valuta che la politicizzazione è avvenuta in relazione all’interferenza elettorale sia della Russia che della Cina. Zulauf ha valutato che né i leader delle comunità di intelligence né gli analisti sono colpevoli, dando invece la colpa all’atmosfera iperpartisan degli Stati Uniti.

“Nella maggior parte dei casi, quello che vediamo è che l’intero sistema risponde e resiste alle pressioni esterne, piuttosto che ai tentativi di politicizzare l’intelligence da parte dei nostri leader o analisti”.

Il rapporto afferma che gli analisti che hanno valutato l’interferenza elettorale della Russia si sono lamentati che la gestione della comunità di intelligence era riluttante a fornire le proprie valutazioni ai clienti del governo perché il lavoro non era “ben accolto”.

“Gli analisti lo vedevano come una soppressione dell’intelligence, al limite della politicizzazione dell’intelligenza dall’alto”, scriveva Zulauf.

Il 3 dicembre, Ratcliffe ha detto che il PCC “rappresenta la più grande minaccia per l’America di oggi, e la più grande minaccia alla democrazia e alla libertà in tutto il mondo dalla seconda guerra mondiale”.

“L’intelligence è chiara: Pechino intende dominare gli Stati Uniti e il resto del pianeta economicamente, militarmente e tecnologicamente”, ha scritto. “Molte delle principali iniziative pubbliche della Cina e delle aziende di spicco offrono solo uno strato di mimetismo alle attività del Partito comunista cinese”.

Il Congresso ha certificato Joe Biden come presidente eletto il 7 gennaio. Nei due mesi precedenti la certificazione, Trump ha contestato l’esito delle elezioni in sette Stati, citando modifiche incostituzionali alle leggi elettorali e potenzialmente votando illegalmente.

Post collegati

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More