31.7 C
Rome
lunedì, Giugno 27, 2022

Usa, CDC: Moderna e Pfizer preferiti a Johnson & Johnson.

Must read

(AGENPARL) – Roma, 17 dicembre 2021 – Un gruppo di consiglieri dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) ha votato all’unanimità giovedì per raccomandare all’agenzia di dire al pubblico che i vaccini Moderna e Pfizer COVID-19 sono preferiti a quello di Johnson & Johnson (J&J).

Oggi, il CDC sta approvando le raccomandazioni aggiornate formulate dall’Advisory Committee on Immunization Practices (ACIP) per la prevenzione di COVID-19, esprimendo una preferenza clinica per le persone a ricevere un vaccino COVID-19 mRNA rispetto al vaccino COVID-19 di Johnson & Johnson. La raccomandazione unanime dell’ACIP ha fatto seguito a una solida discussione sulle ultime prove sull’efficacia del vaccino, sulla sicurezza del vaccino e sugli eventi avversi rari e sulla considerazione della fornitura di vaccini negli Stati Uniti. La fornitura statunitense di vaccini mRNA è abbondante, con quasi 100 milioni di dosi sul campo per l’uso immediato. Questa raccomandazione CDC aggiornata segue raccomandazioni simili di altri paesi, tra cui Canada e Regno Unito. Dato lo stato attuale della pandemia sia qui che nel mondo, l’ACIP ha ribadito che ricevere qualsiasi vaccino è meglio che non essere vaccinati. Gli individui che non possono o non vogliono ricevere un vaccino mRNA continueranno ad avere accesso al vaccino COVID-19 di Johnson & Johnson.

Quanto segue è attribuibile al Direttore del CDC, Dr. Rochelle Walensky 

“Abbiamo fatto passi da gigante nell’anno dall’inizio del programma di vaccinazione contro il COVID-19. Più di 200 milioni di americani hanno completato la loro serie di vaccini primari, fornendo protezione contro COVID-19, prevenendo milioni di casi e ricoveri e salvando oltre un milione di vite. La raccomandazione aggiornata di oggi sottolinea l’impegno del CDC a fornire informazioni scientifiche in tempo reale al pubblico americano. Continuo a incoraggiare tutti gli americani a farsi vaccinare e potenziare”.

I consiglieri hanno votato dopo aver ascoltato le presentazioni su una grave combinazione di coagulazione del sangue e bassi livelli di piastrine nel sangue che è stata osservata a tassi superiori a quelli di base nelle persone che hanno ricevuto il vaccino J&J.

Il collegamento ha provocato una pausa quasi a livello nazionale nella somministrazione del vaccino ad aprile, ma le agenzie sanitarie hanno revocato la pausa dopo aver determinato che i benefici del vaccino superavano i suoi rischi.

Da allora, tuttavia, il numero di casi confermati di trombosi post-vaccinazione con sindrome da trombocitopenia (TTS) è aumentato, in particolare nelle donne di mezza età, hanno detto gli esperti del CDC.

I dati del sistema di segnalazione degli eventi avversi del vaccino mostrano il tasso più alto, un caso ogni 100.000 dosi somministrate, tra le donne di età compresa tra 30 e 49 anni.

A partire da giovedì, nel Paese sono state somministrate circa 17 milioni di dosi di iniezione di J&J.

Dei 54 casi confermati fino al 31 agosto negli Stati Uniti in seguito alla somministrazione del vaccino J&J, 26 erano in donne di età inferiore ai 50 anni, secondo le presentazioni del CDC.

Oltre la metà dei pazienti ha manifestato un tipo di coagulo sanguigno chiamato trombosi del seno venoso cerebrale (CVST).

Nove persone sono morte con TTS dopo aver ricevuto il vaccino a iniezione singola, ha affermato il CDC, e sette hanno anche CVST.

Sebbene il CDC e la FDA affermino ancora che i benefici del vaccino J&J superano ancora i rischi, l’alto tasso di mortalità e il fatto che gli americani possano ottenere altri due vaccini COVID-19 hanno portato i membri del panel a preferire i vaccini Moderna e Pfizer.

“Non posso proprio raccomandare un vaccino associato a una condizione che potrebbe portare alla morte. Penso che abbiamo altri vaccini”, ha detto durante l’incontro il dottor Pablo Sanchez, professore di pediatria presso l’Ohio State University-Nationwide Children’s Hospital e membro del panel.

Alcuni membri hanno affermato di pensare che solo le persone con controindicazioni ai vaccini a base di mRNA dovrebbero ottenere un vaccino J&J andando avanti. I funzionari del CDC hanno affermato che le loro raccomandazioni sarebbero state incorporate nelle linee guida cliniche aggiornate per gli operatori sanitari che somministrano i vaccini.

All’inizio di questa settimana, le autorità di regolamentazione dei farmaci statunitensi hanno elencato il TTS come controindicazione per il colpo di J&J.

Una controindicazione è un termine che significa che alcune persone non dovrebbero usare un prodotto, in questo caso un vaccino.

L’unica controindicazione ai vaccini Pfizer e Moderna al momento è una grave reazione allergica, sebbene l’infiammazione cardiaca post-vaccinazione si sia verificata a tassi più elevati del previsto nelle persone dopo aver ricevuto quei vaccini, in particolare dopo il secondo colpo del regime primario a due dosi . Il tasso di miocardite post-vaccinazione, una forma di infiammazione cardiaca, per i maschi di 16 o 17 anni, ad esempio, era di 69,1 per milione di dosi di Pfizer somministrate il mese scorso.

Le persone sotto i 40 sono in realtà a più alto rischio di ottenere miocardite dal vaccino Moderna di COVID-19 stesso, secondo un recente studio.

La dottoressa Lynn Bahta, un altro membro del panel che lavora per il Minnesota Department of Health, ha affermato che il panel sta trattando la TTS in modo diverso dall’infiammazione cardiaca a causa della differenza nel tasso di mortalità.

“Vediamo una maggiore frequenza di miocardite”, ma la gravità della TTS è “un fattore trainante per questa raccomandazione”, ha detto.

- Advertisement -

Correlati

- Advertisement -

Ultimi articoli