Agenparl
Image default
Home » L’INDUSTRIA DEGLI IDROCARBURI SOSTIENE TRUMP

L’INDUSTRIA DEGLI IDROCARBURI SOSTIENE TRUMP

(AGENPARL) -Roma, 08 agosto 2020 – L’industria petrolifera e del gas sostiene in modo schiacciante il presidente degli Stati Uniti Donald Trump per le elezioni presidenziali del 2020, rispetto al presunto candidato democratico Joe Biden, secondo i dati del Center for Responsive Politics.

Secondo i dati dell’agosto 2020, il presidente Trump ha ricevuto 936.155 dollari di contributi dall’industria petrolifera e del gas, rispetto ai soli 265.397 dollari che l’industria ha donato a Joe Biden.

Nel ciclo elettorale precedente, la differenza tra i candidati repubblicani e democratici era significativamente inferiore. Il presidente Trump aveva ricevuto 1,2 milioni di dollari in contributi dall’industria petrolifera e del gas nel 2016, rispetto a 1 milione di dollari ricevuto da Hillary Clinton.

In cima alla lista dei contributi dell’industria petrolifera e del gas a tutti i candidati e partiti politici nel ciclo elettorale del 2020 c’è, non sorprende, Koch Industries, secondo i dati del Center for Responsive Politics. Altri importanti contributori includono Chevron, Marathon Petroleum, Energy Transfer Partners, ExxonMobil e ConocoPhillips.

Da quando è diventato presidente, Trump ha mostrato sostegno all’industria petrolifera e ai principali progetti di oleodotto, aprendo anche più aree federali alla perforazione e rilanciando il progetto dell’oleodotto Keystone XL che il presidente Obama aveva respinto.

Keystone XL continua ad avere ostacoli legali all’avvio della costruzione, ma l’amministrazione Trump ha sostenuto l’industria petrolifera e del gas più di qualsiasi altra amministrazione nella storia recente.

L’accordo del governo per fornire supporto finanziario alla TC Energy Corporation, con sede a Calgary  , aiuterà a consentire il completamento critico del gasdotto KXL. Questo investimento include $ 1,5 miliardi di investimenti azionari nel 2020, seguito da una garanzia di prestito di $ 6 miliardi nel 2021.

Questo investimento ha già portato al completamento del valico di frontiera tra Canada e Stati Uniti di 2,2 chilometri e la costruzione è ora in corso sul segmento Alberta del gasdotto.

Il progetto dovrebbe essere completato e in servizio nel 2023.

Durante i prossimi due anni di costruzione, KXL vedrà circa 2.000 lavoratori edili assunti in Alberta, stimolando migliaia di posti di lavoro aggiuntivi e una maggiore attività economica nei settori associati, vendita al dettaglio e servizi di ospitalità lungo il percorso di costruzione.

Complessivamente, il progetto contribuirà con circa $ 2,4 miliardi al PIL canadese e genererà più di $ 7 milioni di tasse sulla proprietà nel primo anno di servizio. Si stima che il progetto genererà 30 miliardi di dollari di entrate fiscali e di royalty per le generazioni attuali e future di Albertani.

Una volta operativo, KXL fornirà al Nord America una fornitura stabile e sicura di petrolio greggio, riducendo la dipendenza dall’OPEC. L’oleodotto trasporterà 830.000 barili al giorno di greggio dai giacimenti petroliferi del Canada occidentale alle raffinerie della costa del Golfo negli Stati Uniti, dove soddisferà le esigenze critiche per la produzione di beni che migliorano la vita – dagli smartphone e dagli elettrodomestici ai farmaci e ai prodotti per la casa – nonché carburante per il trasporto.

Insieme al completamento programmato della linea 3 di Enbridge nel prossimo anno e al progetto di espansione di Trans Mountain alla fine del 2022, KXL rappresenterebbe un altro passo significativo per aumentare la capacità di asporto dell’Alberta e l’accesso ai mercati internazionali. Ciò contribuirà a proteggere il valore delle risorse energetiche della provincia e ad attrarre nuovi investimenti.

Il governo dell’Alberta contribuirà fino a 1,5 miliardi di dollari in investimenti azionari nel 2020.

Il governo sosterrà il progetto KXL fino a un massimo di 6 miliardi di dollari, tramite una garanzia di prestito, nel 2021. Qualsiasi superamento del progetto sarà di responsabilità di TC Energy.

Una volta completata la costruzione, Alberta potrà vendere le nostre azioni con un profitto.

L’oleodotto KXL offre un modo sicuro, affidabile e rispettoso dell’ambiente per fornire petrolio greggio dal Canada occidentale alle raffinerie della costa del Golfo degli Stati Uniti.

Il progetto si estenderà da Hardisty, Alberta, a Steele City, Nebraska e coprirà 1.947 chilometri. A partire da luglio, nei prossimi due anni saranno costruiti in Alberta un totale di 269 chilometri di condotte e cinque stazioni di pompaggio.

Mappa del percorso del gasdotto Keystone XL

Mappa del percorso del gasdotto Keystone XL

Il presidente Trump ha sostenuto l'”indipendenza energetica” americana, grazie alla produzione di scisto, e recentemente ha promesso in un discorso a Midland, in Texas, che l’industria petrolifera non farebbe mai più affidamento su fornitori stranieri ostili.

Biden, da parte sua, ha recentemente presentato un pacchetto di energia pulita da 2 trilioni di dollari, ma ha detto che non vieterebbe il fracking se diventasse presidente.

Tuttavia, l’industria petrolifera in Texas teme un presidente come Biden. I dirigenti del petrolio e del gas del Texas hanno molte cose per la testa in questo momento, ma la loro peggiore paura per i prossimi dodici mesi non è né la recessione né la pandemia: è la possibilità che il presidente Biden conquisti la Casa Bianca.

Secondo un recente sondaggio della Hobby School of Public Affairs dell’Università di Houston tra i membri della Texas Oil and Gas Association (TXOGA), il 76% dei dirigenti del settore petrolifero e del gas in Texas afferma che l’elezione di Joe Biden è la principale minaccia per il benessere economico delle loro aziende.

Come non dargli ragione…..

Post collegati

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More