Agenparl
Image default
Home » COME IL CORONAVIRUS STA ACCELERANDO LE RIFORME

COME IL CORONAVIRUS STA ACCELERANDO LE RIFORME

COME IL CORONAVIRUS STA ACCELERANDO LE RIFORME

(AGENPARL) – Roma, 22 ottobre 2020 – Non è semplicemente che il mondo sta ora vivendo la sua più profonda recessione economica negli ultimi tempi.

Non si tratta neanche del fatto che la ripresa economica mondiale sta già mostrando segni di ripresa, proprio mentre una seconda ondata di pandemia minaccia di arrecare ulteriori danni all’economia globale.

È anche che le banche centrali mondiali sembrano essere a corto di soluzioni per fornire all’economia un ulteriore sostegno alla politica monetaria.

Con i tassi di interesse mondiali già pari o prossimi allo zero, sembra esserci poco spazio per un’ulteriore riduzione dei tassi di interesse. In compenso, con i prezzi delle attività già a livelli elevati e con i mercati del credito già distorti, le banche centrali mondiali rischierebbero di contribuire ulteriormente alle vulnerabilità dei mercati finanziari mondiali se dovessero aumentare il ritmo degli acquisti dei titoli di Stato.

Ecco quindi che il Fondo monetario internazionale (FMI) sta rendendo un grande servizio al mondo chiedendo ai suoi membri la necessità di un forte sostegno della politica fiscale in un momento in cui la pandemia di coronavirus sta facendo precipitare l’economia mondiale nella sua peggiore recessione economica dagli anni ’20.

La pandemia COVID-19 ha spinto i livelli del debito a nuovi livelli. Rispetto alla fine del 2019, si prevede che il rapporto debito / PIL medio del 2021 aumenterà del 20% nelle economie avanzate, del 10% nelle economie dei mercati emergenti e di circa il 7% nei paesi a basso reddito.

Questi aumenti si aggiungono ai livelli del debito che erano già storicamente elevati.

Sebbene molte economie avanzate abbiano ancora la capacità di contrarre prestiti, i mercati emergenti e i paesi a basso reddito devono affrontare limiti molto più severi alla loro capacità di portare debito aggiuntivo.

In effetti, circa la metà dei paesi a basso reddito e diverse economie dei mercati emergenti erano già a rischio o erano ad alto rischio di una crisi del debito e l’ulteriore aumento del debito è allarmante.

Proprio mentre stanno iniziando a riprendersi dalla pandemia, molti di questi paesi potrebbero subire una seconda ondata di difficoltà economiche, innescata da insolvenze, fuga di capitali e austerità fiscale.

Prevenire una simile crisi può fare la differenza tra perdere un decennio e una rapida ripresa che pone i paesi su una traiettoria di crescita sostenibile.

Come la ricerca del FMI ha recentemente dimostrato, aspettare per ristrutturare il debito fino a quando non si verifica un default è associato a cali più ampi del PIL, degli investimenti, del credito del settore privato e degli afflussi di capitali rispetto alle ristrutturazioni preventive del debito.

Non si è ancora verificata alcuna crisi del debito grazie alle azioni politiche decisive delle banche centrali, delle autorità fiscali, dei creditori bilaterali ufficiali e delle istituzioni finanziarie internazionali nei primi giorni della pandemia.

Queste azioni, sebbene essenziali, stanno rapidamente diventando insufficienti.

In primo luogo, le iniziative intraprese finora sono temporanee per definizione.

La G20 Debt Service Suspension Initiative, che è stata una risposta molto gradita a un appello del FMI e della Banca mondiale, scade alla fine di quest’anno.

L’FMI ha anche fornito circa 31 miliardi di dollari in finanziamenti di emergenza a 76 paesi, inclusi 47 paesi a basso reddito, nonché un servizio di alleggerimento del debito ai paesi più poveri nell’ambito del Catastrophe Containment and Relief Trust.

Con esigenze che si prevede rimarranno elevate, i paesi in via di sviluppo richiederanno ulteriori finanziamenti a basso costo nel 2021 e oltre.

In secondo luogo, la maggior parte delle misure finora si è concentrata sulla liquidità: mantenere l’accesso dei paesi ai finanziamenti, sia da fonti ufficiali che di mercato.

Ma mentre la crisi continua, i problemi di solvibilità – l’incapacità di ripagare i debiti – vengono sempre più in primo piano.

L’impatto economico della pandemia è stato enorme.

L’ultimo Regional Economic Outlook per l’Europa prevede un calo del 7% del PIL europeo nel 2020. La ripresa da questa crisi sarà irregolare e parziale. Mentre si prevede che il PIL reale rimbalzerà del 4,7% nel 2021, sarebbe ancora inferiore del 6,3% per il 2021 rispetto alle proiezioni pre-pandemiche, il che implica una perdita del PIL di quasi 3 trilioni di euro. Gran parte di questa perdita non sarà recuperata a medio termine.

La Politica deve fare tutto il necessario per contenere la pandemia e il suo danno economico e non ritirare prematuramente il sostegno per evitare di ripetere l’errore della crisi finanziaria globale.

Nel tempo, il sostegno dovrebbe diventare più mirato e anche più flessibile per facilitare la riallocazione delle risorse e la trasformazione dell’economia.

La protezione della salute delle persone rimane un imperativo, anche attraverso la cooperazione internazionale.

I programmi di sostegno al reddito e di mantenimento del lavoro dovrebbero rimanere in vigore.

Mentre la pandemia si evolve e l’economia inizia a riprendersi, i programmi dovrebbero essere adattati dalla protezione dei posti di lavoro al sostegno dei lavoratori, anche attraverso programmi di riqualificazione.

Per le aziende, le politiche devono ora andare oltre il sostegno alla liquidità e garantire che le imprese insolventi ma redditizie possano rimanere in attività.

Il nostro rapporto rileva che nelle economie avanzate circa un terzo del deficit di solvibilità indotto dalla pandemia potrebbe essere affrontato da politiche annunciate, come sussidi salariali, sovvenzioni o riduzioni fiscali. Pertanto, è necessario attuare politiche che facilitino le rapide ristrutturazioni del debito all’interno o all’esterno del fallimento o, in alcuni casi, mettano a disposizione del capitale le imprese redditizie.

L’inflazione a lungo termine che è generalmente ancorata intorno o al di sotto degli obiettivi e un considerevole ristagno economico suggeriscono che le banche centrali dovrebbero mantenere politiche monetarie altamente accomodanti.

L’allentamento macroprudenziale dovrebbe essere risolto solo gradualmente.

Le banche europee sono entrate nella pandemia con forti riserve di capitale e di liquidità e si sono dimostrate resilienti allo shock senza precedenti.

La loro resilienza, insieme alla forte risposta politica, ha contribuito a prevenire una stretta creditizia.

Il buon senso suggerisce che in assenza di nuovi shock, il coefficiente di capitale medio delle grandi banche dell’UE dovrebbe rimanere ben al di sopra dei requisiti patrimoniali minimi. Tuttavia, i prestiti in sofferenza aumenteranno e i responsabili politici dovranno facilitarne lo smaltimento efficiente. E le banche dovranno impegnarsi con gli azionisti nello sviluppo di una strategia credibile per raccogliere capitali a medio termine.

Questo è anche il momento di progettare riforme che stimolino la crescita della produttività e politiche che aiutino a trasformare l’economia, per raccogliere anche i frutti della digitalizzazione.

I sistemi sociali possono essere migliorati e resi più robusti in modo che possano affrontare meglio la dislocazione dei lavoratori e le esigenze di riqualificazione derivanti dall’automazione e dal cambiamento tecnologico.

Le politiche, compresa una migliore focalizzazione del sostegno fiscale, dovranno anche affrontare gli effetti perniciosi della crisi e un probabile forte aumento della disuguaglianza, soprattutto perché i giovani, le donne e i meno istruiti sono stati colpiti in modo sproporzionato.

Senza una risposta politica eccezionalmente forte e multiforme, la recessione potrebbe essere ancora più pesante in Europa.

È necessario mantenere un forte sostegno politico perché la pandemia si sta intensificando e la ripresa economica ancora è debole.

Una volta che le risorse fiscali saranno attuate liberando dall’oppressione le persone e imprese, dovrebbero essere ridistribuite agli investimenti pubblici che costruiranno un’economia più resiliente, più intelligente e più inclusiva per il domani.

Post collegati

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More