AUKUS, Il dispiacere della Francia non è solo il progetto cancellato da 90 miliardi di dollari…

(AGENPARL) – Roma, 20 settembre 2021 –  Chissà se il dispiacere della Francia per il patto trilaterale AUKUS non riguarda solo il progetto sottomarino (cancellato) da 90 miliardi di dollari.

Come soleva dire Giulio Andreotti, a pensare male degli altri si fa peccato, ma spesso si indovina..

Vediamo più da vicino l’accordo AUKUS.

Indubbiamente il patto rappresenta un significativo passo avanti nel contrastare Pechino, ma al tempo stesso potrebbe destabilizzare gli sforzi francesi ed europei nel mantenere l’ “autonomia strategica” nei confronti del regime comunista cinese.

«I francesi sono molto arrabbiati, non solo per il sottomarino. Hanno cercato di evitare di scegliere tra Washington e Pechino. Vogliono la propria ‘autonomia strategica» ha detto a Sky News Australia il 20 settembre Joseph Siracusa, professore a contratto di diplomazia internazionale alla Curtin University.

«L’Europa pensava di poter fare l’onesto mediatore tra Washington e Pechino, e poi svegliarsi una mattina e scoprire che gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e l’Australia hanno stretto un accordo con questo accordo sul nucleare e, naturalmente, sta costringendo l’Europa a prendere decisioni che non vuole prendere», ha detto.

Siracusa ha osservato che la perdita del programma Future Submarine da 90 miliardi di dollari da parte di un appaltatore francese, Naval Group, è stata semplicemente una “goccia nel mare” per un paese come la Francia ma non la vera fonte della sua rabbia.

Da sottolineare che l’Australia aveva ingaggiato il gruppo navale francese per modificare e riadattare il suo sottomarino nucleare di classe Barracuda su un modello diesel-elettrico. Tuttavia, il programma è stato perseguitato da ritardi costanti e aumenti dei costi che hanno visto ritardi nei tempi di consegna.

Quello che è cambiato è che ora l’Australia ha capito che doveva affidarsi a un progetto di sottomarino standard e collaudato, mentre finora si erano appiattiti ai politici che avevano incaricato un costruttore di sottomarini proveniente dalla Francia, e non ad uno più stretti alleati, di progettare qualcosa di nuovo e radicale.

In primo luogo, è stato il sottomarino di classe Collins del Partito laburista nei primi anni ’90, che non è stato certo un successo ed è stato acquisito e mantenuto a costi enormi.

Ma poi nel 2016, il governo di coalizione di Malcolm Turnbull non solo ha ripetuto l’errore del partito Labourista, ma lo ha anche ingigantito proponendo che i sottomarini nucleari francesi di classe Barracuda fossero convertiti in sottomarini diesel-elettrici e dotati di armi americane.

Alcuni esperti sollevarono alcune perplessità sul fatto se valeva davvero la pena spendere miliardi per una flotta di sottomarini Barracuda meno i loro motori a propulsione nucleare, ma soprattutto che i sottomarini non sarebbero ancora stati consegnati in tempo per il futuro re, Guglielmo V, per rivedere la flotta per le commemorazioni del centenario della vittoria nel Pacifico del 2045.

Non c’è da stupirsi che i francesi ridacchiassero su “le contrat du siècle”  il contratto del secolo.

«Penso che fosse l’unica opzione (per l’Australia) perché i francesi non avrebbero infastidito o irritato inutilmente Pechino. Volevano relazioni commerciali, economiche e di investimento», ha detto il prof. Siracusa.

I leader europei, tra cui il presidente francese Emmanuel Macron, hanno seguito una politica di “autonomia strategica” negli ultimi anni, preferendo concentrarsi sui propri interessi di politica estera e sulle minacce regionali.

Di conseguenza, l’Unione Europea (UE) ha inviato “segnali contrastanti” sui suoi rapporti con Pechino, con un rapporto di August Rabobank , che dichiara: «L’UE non sta ancora tagliando fuori la Cina, o addirittura dimostrando di avere un unificato e strategia coerente nei confronti di Pechino».

La Cina è il principale partner commerciale dell’UE e nel dicembre 2020 ha concluso, in linea di principio, l’accordo globale sugli investimenti, che sarebbe stato un accordo commerciale ambizioso tra i due blocchi, e che è stato fortemente contrastato dagli Stati Uniti.

Tuttavia, la ratifica dell’accordo ha avuto difficoltà negli ultimi mesi poiché la posizione dell’UE nei confronti della Cina è gradualmente cambiata, con il blocco che si è unito a Stati Uniti, Regno Unito e Canada nell’imporre sanzioni a quattro funzionari cinesi legati al genocidio uiguro, oltre a condannare il genocidio di Pechino. attacchi informatici.

Le nazioni della regione indo-pacifica, di fronte a una matrice di minacce molto diversa da quella del regime cinese, hanno adottato una posizione più dura e aperta contro la crescente aggressione di Pechino.

Siracusa notò che l’unico vero deterrente efficace per la marina cinese era l’attacco ai sottomarini.

«Ora, l’Australia avrà la capacità di affondare la marina cinese in 72 ore; ecco di cosa si tratta», ha detto.

«I cinesi sanno di essere stati superati e sono molto arrabbiati», ha aggiunto. «Quindi, in un brevissimo periodo di tempo, l’Australia è passata da uno zerbino a qualcosa di molto considerevole: è uno sviluppo straordinario».

La mossa renderebbe l’Australia uno dei pochi paesi al mondo – al di fuori di Stati Uniti, Regno Unito, Cina, Russia, Francia, India – ad operare sottomarini a propulsione nucleare, nonostante sia una potenza non nucleare.

Un alto funzionario della Casa Bianca ha osservato che la condivisione della tecnologia di propulsione nucleare degli Stati Uniti e l’impegno con un’altra nazione a questo livello erano “rari”.

«L’abbiamo già fatto solo una volta, come ho indicato. È stato quasi 70 anni fa con la Gran Bretagna», ha detto il funzionario ai giornalisti il ​​16 settembre, in riferimento alla mossa del 1958 di condividere la tecnologia con il Regno Unito.

«Questa tecnologia è estremamente sensibile. Questa è, francamente, un’eccezione alla nostra politica sotto molti aspetti. Non prevedo che ciò verrà intrapreso in altre circostanze in futuro. Lo consideriamo una tantum».

E l’Italia in tutto questo? Il nostro Paese dovrebbe fare attenzione a seguire ciecamente ‘la bella del ballo’, perchè la Francia sta trascinando l’Europa in continui fallimenti.

Quando un giornalista gli ha chiesto se l’America fosse tornata, il presidente francese Emmanuel Macron ha risposto dicendo: «È fantastico avere un presidente degli Stati Uniti che fa parte del club e molto disposto a collaborare».

Il patto AKUS significa chiaramente che gli USA non vogliono far parte davvero del club…