Agenparl

Energia: In arrivo la tempesta perfetta di blackout continui in estate per miliardi di persone

(AGENPARL) – Roma, 26 maggio 2022 – Si prevede un’estate molto ma molto calda e non solo per temperature torride.

Quest’estate, le reti elettriche in tutto il mondo non produrranno elettricità a sufficienza per soddisfare l’impennata della domanda, minacciando più di un miliardo di persone con dei blackout continui.

Le reti elettriche sono ridotte a causa della carenza di combustibili fossili, siccità e ondate di caldo, interruzioni delle materie prime e aumento dei prezzi dovuto alla guerra in Ucraina e alla fallita transizione all’energia verde, visto che molti operatori di rete hanno chiuso gli impianti di generazione di combustibili fossili su indicazioni dei rispettivi Governi.

Tale situazione da come risultato una tempesta perfetta di blackout continui che sta minacciando gran parte dell’emisfero settentrionale.

E la crisi energetica, che colpisce una vasta fetta del mondo e le principali economie, potrebbe arrivare a meno di un mese quando l’estate inizierà il 21 giugno.

Bloomberg ha mappato alcune regioni che sono l’Asia, l’Europa e gli Stati Uniti, dove non c’è abbastanza energia per andare in giro quando la domanda di ‘fresco’ è destinata a salire mentre le famiglie abbassano le temperature del condizionatore dell’aria per sfuggire al caldo soffocante. 

Secondo Bloomberg «l’ondata di caldo in Asia ha causato blackout giornalieri di ore, mettendo a rischio più di 1 miliardo di persone in Pakistan, Myanmar, Sri Lanka e India, con pochi soccorsi in vista. Sei centrali elettriche del Texas si sono guastate all’inizio di questo mese quando il caldo estivo è iniziato ad arrivare, offrendo un’anteprima di ciò che verrà. Almeno una dozzina di stati degli Stati Uniti, dalla California ai Grandi Laghi, sono a rischio di interruzioni di corrente quest’estate. Le forniture di energia saranno limitate in Cina e Giappone. Il Sudafrica è pronto per un anno record di interruzioni di corrente. E l’Europa si trova in una posizione precaria trattenuta dalla Russia: se Mosca interrompe il gas naturale nella regione, ciò potrebbe innescare interruzioni continue in alcuni paesi».

«La guerra e le sanzioni stanno bloccando la domanda e l’offerta, e questo è accompagnato da condizioni meteorologiche estreme e una ripresa economica dal Covid che aumenta la domanda di energia», ha affermato Shantanu Jaiswal, analista di BloombergNEF. 

«La confluenza di così tanti fattori è piuttosto singolare. Non riesco a ricordare l’ultima volta che sono accaduti tutti insieme», ha sottolineato.

Quindi da una parte l’inizio di una tempesta perfetta di insieme di fattori e dall’altra quella di una crisi di potere globale che è già in fase avanzata.

Se quest’estate si propagassero importanti blackout in tutto il mondo, questo potrebbe innescare una qualche forma di crisi umanitaria in termini di carenza di cibo ed energia su una scala che non si vedeva da decenni.

Se gli Stati Uniti sono un leader per le reti elettriche vacillanti del mondo e come hanno affermato la scorsa settimana le autorità di regolamentazione, la metà del paese potrebbe subire blackout dai Grandi Laghi alla costa occidentale.

Il motivo? La mancanza di produzione di energia e a una mega siccità.

Le cause vanno ricercate alla fragilità dovuta alla mancanza di investimenti in combustibili fossili e alla riduzione degli impianti di generazione di energia da combustibili fossili, giacchè le reti tentano di passare a fonti di energia più pulite e più ecologiche.

A ciò si aggiunge che gli impianti a combustibili fossili vengono chiusi rapidamente. 

«Sarai di fronte a uno spavento di approvvigionamento ogni volta che ci sono nuvole o tempeste o una siccità di vento per una settimana», ha detto Whitworth. «Ci aspettiamo davvero che questi problemi peggiorino nei prossimi cinque anni».

Alex Whitworth, analista di Wood Mackenzie Ltd, sottolinea che quando le reti passano all’energia verde, la mancanza di accumulo della batteria quando il sole non splende o il vento non soffia creerà instabilità e più stress sulle reti alla volta.

Martedì scorso Fox News è stato molto più schietto, citando gli operatori della rete elettrica del Michigan che hanno avvertito i loro clienti che una transizione frettolosa all’energia eolica e solare potrebbe portare a carenze durante l’estate. Non solo queste fonti di energia rinnovabile sono vulnerabili agli elementi, ma il resto della vecchia rete elettrica ha alcuni problemi di compatibilità con i parchi eolici e solari.

Il Consiglio mondiale dell’energia ha affermato la scorsa settimana che uno «shock energetico globale» senza precedenti è stato innescato dall’invasione russa dell’Ucraina, che ha causato un aumento dei prezzi del petrolio e la rottura delle catene di approvvigionamento. 

A differenza dei precedenti shock energetici degli anni ’70, questo sta arrivando sulla scia della pandemia di coronavirus che ha lasciato le economie in crisi specie nei paesi in via di sviluppo. Il World Energy Council ha osservato che l’aumento dei prezzi dell’energia alimenterà le spirali dell’inflazione, rendendo il cibo e altri beni vitali sempre più inaccessibili.

In alcune parti del Terzo Mondo, i blackout estivi saranno resi ancora più pericolosi dalle crisi alimentari e mediche.

Bloomberg fornisce una fotografia istantanea della maggior parte dei problemi che potrebbero causare enormi blackout di alimentazione quest’estate.

Le forniture di gas naturale, il combustibile per centrali elettriche n. 1 negli Stati Uniti, sono limitate a livello nazionale e i prezzi sono in aumento. Secondo la North American Electric Reliability Corporation, l’energia in gran parte del paese e in parte del Canada sarà ridotta. È tra le valutazioni più terribili ancora da parte dell’organismo di regolamentazione. Ai consumatori verrà chiesto per aiutare a mantenere stabili le reti di ridurre i loro consumi.

In California, lo stato più popoloso, le forniture di gas sono ulteriormente ridotte a causa della rottura di un gasdotto l’anno scorso che ha limitato le importazioni. Inoltre, il cambiamento climatico sta alimentando la siccità, frenando gravemente l’approvvigionamento idroelettrico. Il California l’Independent System Operator ha dichiarato questo mese che lo stato potrebbe essere a rischio di blackout per le prossime estati in condizioni climatiche estreme.

Sulla rete a 15 stati gestita dal Midcontinent Independent System Operator (MISO), i consumatori in 11 stati sono a rischio di interruzioni. MISO, che serve circa 42 milioni di persone, ha previsto di avere una produzione di energia “insufficiente” per soddisfare i periodi di maggiore domanda quest’estate, specialmente nei suoi stati del Midwest. La rete non ha mai dato un avviso di questo tipo in vista dell’inizio della domanda estiva.

In Texas, la rete “è ancora a rischio” di carenze nonostante la corsa dello Stato per migliorare la resilienza dopo una tempesta invernale del febbraio 2021 che ha lasciato milioni di persone all’oscuro per giorni, ha affermato Gary Cunningham, direttore delle ricerche di mercato presso l’intermediazione Tradition Energy.

L’invecchiamento delle infrastrutture e i ritardi di manutenzione durante la pandemia si sono aggiunti ai problemi di condizioni meteorologiche più rigide, ha affermato Teri Viswanath, economista capo per energia, energia e acqua presso CoBank ACB.

«Gli Stati Uniti stanno subendo più interruzioni a livello globale rispetto a qualsiasi altra nazione industrializzata», ha affermato. «Circa il 70% della nostra rete si sta avvicinando alla fine del ciclo di vita».

Quando gli impianti sulla rete elettrica del Texas si sono guastati questo mese, i prezzi all’ingrosso dell’energia elettrica a Houston sono balzati brevemente al di sopra dei $ 5.000 per megawattora, con un aumento di 22 volte superiore al costo medio dell’energia di picco che era stata assicurata per la giornata.

L’epicentro delle interruzioni finora è stato il sud e il sud-est asiatico, dove le brutali ondate di caldo hanno messo in moto i condizionatori d’aria a tutto volume. I blackout sono stati fondamentalmente a livello nazionale in Pakistan, Sri Lanka e Myanmar, dove vivono un totale di 300 milioni di persone. E in India, 16 dei 28 stati della nazione – che ospitano oltre 700 milioni di persone – sono stati alle prese con interruzioni da due a 10 ore al giorno, ha detto questo mese un funzionario statale.

Il governo indiano ha recentemente ordinato alle aziende di aumentare gli acquisti di costoso carbone estero, e allo stesso tempo di annullare i protocolli ambientali per l’espansione delle miniere per cercare di aumentare la fornitura di carburante. Ma resta da vedere se queste mosse allevieranno la tensione. L’imminente stagione dei monsoni dovrebbe portare temperature più fresche e ridurre la domanda di energia, sebbene possa anche inondare le regioni minerarie e ostacolare l’approvvigionamento di carburante.

Martedì l’ Hindustan Times ha riportato interruzioni di corrente a Delhi dovute a forti piogge e forte vento. I funzionari della compagnia elettrica hanno affermato che alcune delle interruzioni sono state imposte deliberatamente come misura di sicurezza, mentre altre sono state causate da danni causati da temporali alle linee elettriche.

In Vietnam, l’utility statale si sta preparando alla scarsità di energia da più di un mese poiché la domanda aumenta mentre l’offerta nazionale di carbone è diminuita e i costi del carburante estero sono aumentati.

In Cina, dove lo scorso anno la carenza di carbone ha portato a diffuse riduzioni di energia, i funzionari hanno promesso di mantenere le luci accese nel 2022 e hanno spinto i minatori di carbone a portare la produzione verso un nuovo record. Anche così, i funzionari del settore hanno avvertito che la situazione energetica sarà tesa quest’estate nel sud altamente industrializzato del paese, che è lontano dai centri minerari interni e quindi più dipendente da costosi carbone e gas stranieri.

Il Giappone ha avuto un problema di energia a marzo, quando un’ondata di freddo ha innescato un aumento della domanda pochi giorni dopo che un terremoto aveva messo fuori servizio diverse centrali a carbone e gas. L’offerta di energia dovrebbe essere limitata durante i prossimi mesi estivi e la domanda probabilmente supererà di nuovo l’offerta anche il prossimo inverno, secondo le previsioni della rete. Il governo metropolitano di Tokyo ha avviato una campagna per il risparmio energetico, chiedendo ai residenti di adottare misure come guardare meno la televisione.

Il rischio di blackout all’inizio era più basso in Europa, perché meno persone usano l’aria condizionata in casa. Il continente sta però anche correndo per riempire il suo deposito di gas. 

Ma c’è poco spazio per l’errore.

Una primavera secca in Norvegia ha limitato la fornitura di energia idroelettrica. Ad aumentare la pressione sui prezzi e sulle forniture ci sono le prolungate interruzioni dei reattori nucleari di Electricite de France SA. Il più grande produttore della regione ha tagliato per la terza volta il suo obiettivo di produzione nucleare quest’anno, l’ultimo segnale che la crisi energetica in Europa sta peggiorando.

Se la Russia interrompesse le forniture di gas naturale alla regione, ciò potrebbe essere sufficiente per innescare blackout continui in alcuni paesi, ha affermato Fabian Ronningen, analista dei mercati energetici per Rystad Energy.

Sebbene abbia affermato che le possibilità che la Russia faccia quella mossa audace sono “improbabili”, le sue opinioni sono diventate più pessimistiche mentre la guerra in Ucraina continua; due mesi fa, ha detto, avrebbe messo le possibilità a “altamente improbabili”.

Alcuni paesi hanno ricevuto enormi importazioni di gas naturale liquefatto e probabilmente avrebbero forniture adeguate per assorbire il colpo, tra cui Spagna, Francia e Regno Unito. La storia potrebbe essere diversa nell’Europa orientale, dove nazioni tra cui Grecia, Lettonia e Ungheria utilizzano il gas per una parte significativa della loro energia e dipendono fortemente dalle forniture russe. È qui che il potenziale di blackout sarebbe più alto, ha detto Ronningen.

«Non credo che i consumatori europei possano nemmeno immaginare uno scenario del genere», ha affermato. «Non è mai successo in vita nostra».

Se la situazione si stressa e si rompe quest’estate, sarebbe un segnale inquietante per le cose a venire a partire da quest’inverno. 

Uno scorcio di un spiacevole futuro è fornito dallo Sri Lanka, che soffre di carenza di carburante, blackout e una crescente crisi alimentare, in parte perché la pandemia e l’invasione russa dell’Ucraina hanno inferto colpi corporali a un’economia che era già stata divorata da spesa pubblica irresponsabile, debito e corruzione.

I prezzi del carburante alle stelle e la carenza di carburante stanno letteralmente uccidendo gli Sri Lanka mentre l’isola si ferma. Gli aumenti dei prezzi imposti questa settimana per aiutare a bilanciare i conti del governo hanno portato i costi del carburante ai massimi storici, minacciando di peggiorare ulteriormente l’inflazione con l’impennata dei prezzi di quasi tutti i beni e servizi.

Martedì Amin Nasser, CEO della compagnia petrolifera nazionale dell’Arabia Saudita Aramco, ha introdotto un altro cupo presagio osservando che alcuni settori dell’economia globale affamati di energia stanno appena iniziando a riprendersi dalla pandemia, in particolare l’industria aeronautica, che è ancora in corso 2,5 milioni di barili al giorno al di sotto del consumo medio di carburante prima che colpisse il coronavirus.

Nasser ha inoltre affermato che le compagnie petrolifere non sono ben posizionate per aumentare la loro capacità di produzione e raffinazione per soddisfare l’impennata della domanda, perché il passaggio all’energia verde le ha rese riluttanti a investire in progetti a lungo termine sui combustibili fossili.

«La pressione e la retorica sono: non investire, avrai risorse bloccate. Per gli amministratori delegati è difficile fare investimenti» ha spiegato.

L’inviato per il clima dell’amministrazione Biden, John Kerry, ha esortato il World Economic Forum (WEF) a Davos, in Svizzera,  a non soddisfare l’impennata della domanda sviluppando asset energetici più affidabili, un atteggiamento che garantirebbe la profezia del CEO di Saudi Aramco di uno shock energetico ingestibile.

«Non possiamo essere sedotti nel credere che questa sia improvvisamente una porta aperta per tornare indietro e fare ciò che stavamo facendo che ha creato la crisi in primo luogo», ha insistito Kerry, sicuro della consapevolezza che personalmente non dovrà affrontare alcun blackout.

Un’altra bomba energetica in procinto di esplodere può essere trovata in Cina, che presto inizierà a emergere dalla sua ultima ripresa di lockdown draconiani per il coronavirus, con un corrispondente aumento della domanda di energia industriale e carburante per i trasporti.

Il vicepresidente di S&P Global Daniel Yergin ha dichiarato martedì che se l’economia cinese si riprenderà fortemente dai blocchi, con un aumento della domanda dei consumatori e della produzione, «questo aumenterà davvero la domanda globale di petrolio e eserciterà maggiore pressione sul mercato». 

«Ciò in realtà aumenterebbe i problemi per l’economia mondiale e certamente si aggiungerebbe a questo problema inflazionistico con cui il mondo sta lottando in questo momento», ha affermato Yergin.

«L’unica cosa che spingerebbe verso il basso il prezzo sarebbe una recessione, che nessuno vuole», ha aggiunto.

Martedì, in una tavola rotonda del WEF a Davos, Yergin ha affermato che l’incombente crisi energetica globale è così formidabile che «l’amnesia sulla sicurezza energetica è stata messa da parte» – in altre parole, i grandiosi piani per le transizioni forzate verso economie verdi in diminuzione vengono spostati verso il dimenticatoio poiché le popolazioni spaventate richiedono un maggiore accesso a fonti di energia comprovate.

Il panel di Yergin ha osservato che parte di questo rinnovato interesse per la sicurezza energetica è il risultato del fatto che la Cina scava sfacciatamente montagne di carbone e acquista tutti i beni petroliferi che può ottenere, senza la minima cura per le preoccupazioni del movimento per il cambiamento climatico. 

Il resto del mondo sta notando che Pechino non è disposta a rischiare la sua potenza industriale per interruzioni di corrente causate dal passaggio all’energia eolica e solare.

Una crisi energetica globale per quest’estate, mentre l’inflazione sale alle stelle e gli standard di vita crollano in tutto il mondo occidentale, probabilmente acuirà ulteriormente questo interesse.

L’inflazione è una tassa che si paga tutti i giorni ed è il risultato di una serie di politiche economiche fallite dei Governi.

Inutile chiudere gli oleodotti e i gasdotti ed iniettare denaro nell’economia e incoraggiare le persone a non lavorare.

Questo che è stato fatto finora da molti Governi che hanno tirato fuori soldi gettandoli dalla finestra e che ora sono a caccia di beni da tassare. Beni che non ci sono perché le persone sono state incoraggiate di non produrre e a ‘stare a casa’ grazie al reddito di cittadinanza.

È questo che ha portato all’inflazione che stiamo avendo in questo momento.

È questo che ha portato a carenze e interruzioni nella catena di approvvigionamento, in modo che l’intera serie di problemi economici si manifesti ai nostri tavoli in cucina e alle nostre pompe di benzina.

Il mio messaggio è molto chiaro: bisogna cambiare rotta prima che sia troppo tardi.

Ho sentito persone che hanno un reddito fisso e dicono che hanno difficoltà a permettersi le cose di base come cibo e gas.

Bisogna attuare le politiche economiche sull’ incoraggiamento di una maggiore partecipazione della forza lavoro, togliendo il reddito di cittadinanza.

Così non stiamo riducendo il numero di disoccupazione, stavamo aumentando i problemi e distruggendo la partecipazione della forza lavoro.

Abbiamo bisogno di più forza lavoro e cioè di persone per uscire dalla crisi e dobbiamo creare gli incentivi per farlo.

È impensabile che in Italia non si trovano cuochi o camerieri nei ristoranti perché percepiscono il reddito di cittadinanza e preferiscono stare a casa anziché lavorare.

L’Italia e gli italiani al centro dell’Agenda del Governo.

Exit mobile version