Agenparl
Image default
Home » USA, GIULIANI: C’ERA UN PIANO DA UN LUOGO CENTRALIZZATO PER COMMETTERE FRODI ELETTORALI NELLE CITTà CONTROLLATE DAI DEMOCRATICI. LE MACCHINE PER IL VOTO SAREBBERO DI PROPRIETà DI SOROS

USA, GIULIANI: C’ERA UN PIANO DA UN LUOGO CENTRALIZZATO PER COMMETTERE FRODI ELETTORALI NELLE CITTà CONTROLLATE DAI DEMOCRATICI. LE MACCHINE PER IL VOTO SAREBBERO DI PROPRIETà DI SOROS

Usa, Giuliani: C’era un piano da un luogo centralizzato per commettere frodi elettorali nelle città controllate dai Democratici. Le macchine per il voto sarebbero di proprietà di Soros

(AGENPARL) – Roma, 19 novembre 2020 – Poteva essere un tranquillo giovedì ma non lo è stato. Negli Usa si attendeva questo momento da diverso tempo, cioè quando fosse liberato il Kraken. E oggi è stato liberato perchè gli USA sono pronti.

La giornata è iniziata  con Trump che ha anticipato la conferenza stampa in un tweet giovedì mattina.

«Importante conferenza stampa oggi da parte di avvocati su un percorso molto chiaro e praticabile verso la vittoria. I pezzi stanno andando molto bene», ha detto Trump:

Rudy Giuliani e altri avvocati che rappresentano il comitato elettorale del presidente Donald Trump hanno delineato il loro caso giovedì secondo cui le elezioni presidenziali del 3 novembre erano così profondamente imperfette in diversi stati chiave che i risultati dovrebbero essere ribaltati a favore del Presidente.

Giuliani ha detto che c’era un modello per le presunte irregolarità negli stati chiave che suggerivano, ha detto, un “piano da un luogo centralizzato” per commettere frodi elettorali nelle città controllate dai Democratici.

Ha detto che l’adozione diffusa del voto per corrispondenza ha permesso ai democratici di adottare pratiche di corruzione nelle grandi città a livello nazionale. «Hanno scelto i posti in cui potevano farla franca».

Ecco le principali accuse presentate dagli avvocati:

  1. Agli osservatori sarebbe stato impedito di assistere all’apertura delle schede per posta. Giuliani ha detto che molte schede per corrispondenza sono state aperte senza che gli osservatori potessero controllare che fossero firmate correttamente, una protezione fondamentale contro le frodi. Quei voti, ha detto, erano “nulli”, soprattutto dove le buste erano state scartate, rendendo inutili i riconteggi.
  2. Applicazione presumibilmente ineguale della legge nelle contee democratiche. In Pennsylvania, la cui corte suprema dello stato ha creato nuove e rilassate regole di voto prima delle elezioni, Giuliani ha affermato che agli elettori assenti nelle contee democratiche era consentito “curare” i difetti nelle loro schede, mentre gli elettori nelle contee repubblicane, che obbedivano alla legge dello stato come scritta, non erano.
  3. Gli elettori sarebbero arrivati alle urne per scoprire che altre persone avevano votato per loro. Giuliani ha detto che molte schede provvisorie espresse a Pittsburgh sono state presentate da persone che si sono presentate per votare di persona, solo per scoprire che hanno già votato. Ha affermato che i democratici avevano compilato schede per assenti per altre persone, sperando che non si presentassero.
  4. Ai funzionari elettorali sarebbe stato detto di non cercare difetti nelle schede elettorali e di retrodatare le schede.  Giuliani ha citato una dichiarazione giurata di un funzionario che ha giurato che le era stato detto di non escludere schede assenti per difetti e di retrodatare le schede in modo che non sembrassero ricevute dopo il giorno delle elezioni, per evitare un ordine della Corte Suprema di sequestrare quelle schede.
  5. Le schede elettorali che esprimevano voti per Joe Biden e nessun altro candidato sarebbero state passate più volte attraverso macchine. Giuliani ha detto che c’erano 60 testimoni nel Michigan che avrebbero attestato che le schede venivano “prodotte” rapidamente e contate due o tre volte. Ha detto che sarebbero stati colpiti un minimo di 60.000 schede e un massimo di 100.000 schede.
  6. Le votazioni per assenza sono state accettate in Wisconsin senza che fossero state richieste per prime. Giuliani ha osservato che la legge dello stato del Wisconsin era più severa per quanto riguarda le schede per assenti rispetto alla maggior parte degli altri stati, ma ha affermato che sono state contate 60.000 schede per assente nell’area di Milwaukee e 40.000 nell’area di Madison, senza che siano state richieste adeguatamente dagli elettori che le hanno espresse.
  7. Ci sono state presunte “overvote”, con alcuni distretti che avrebbero registrato più elettori che residenti, tra gli altri problemi. Giuliani ha detto che c’è stato un numero insolitamente elevato di overvote nei distretti del Michigan e del Wisconsin, che secondo lui era la ragione per cui i repubblicani del Wayne County Board of Canvassers si erano rifiutati di certificare i risultati lì questa settimana. Ha anche affermato che c’erano alcuni elettori fuori dallo stato in Georgia e persone che avevano votato due volte lì.
  8. Le macchine per il voto e il software sarebbero di proprietà di società legate al regime venezuelano e al donatore di sinistra George Soros.  Sidney Powell ha sostenuto che i voti degli Stati Uniti venivano contati all’estero e che le macchine per il voto del Dominio e il software Smartmatic erano controllati da interessi stranieri, manipolando algoritmi per modificare i risultati. Powell ha osservato in particolare che i proprietari di Smartmatic includevano due cittadini venezuelani, che secondo lei avevano legami con il regime di Hugo Chavez e Nicolas Maduro. Il team legale ha affermato che c’erano anomalie statistiche, come enormi lotti di voti per Biden, che non potevano essere spiegati se non come manipolazione – cosa che, hanno affermato, avveniva nelle prime ore del mattino quando il conteggio dei voti si era bloccato. (Le società hanno contestato queste accuse vigorosamente.)
  9. La Costituzione prevede un processo per l’elezione di un presidente se il voto è corrotto. Jenna Ellis ha sostenuto che i media avevano usurpato il potere di dichiarare il vincitore delle elezioni. Ha sottolineato, citando il federalista n. 68 , che il processo costituzionale di selezione di un presidente aveva garanzie procedurali contro la corruzione e l’influenza straniera.
    Giuliani ha affermato che la campagna riteneva che un numero sufficiente di voti fossero viziati – più del doppio dei margini tra Biden e Trump negli stati chiave – che il presidente avesse una strada verso la vittoria.

Giuliani ha presentato prove sotto forma di dichiarazioni giurate, citandone due e rilevando che la campagna ne aveva molte di più da privati.

Ha notato che diverse cause legali che erano state archiviate erano state presentate da privati, non direttamente dalla campagna. Ha detto che le cause potrebbero essere intentate in Arizona, e che la campagna stava esaminando anche le irregolarità nel New Mexico e in Virginia, anche se ha detto che non pensava che ci fossero abbastanza voti contestati in quest’ultima.

Giuliani ha anche affrontato i media, sostenendo di aver fornito informazioni fuorvianti e di aver tollerato le minacce contro il team legale di Trump.

Certamente una situazione e soprattutto uno scenario completamente diverso da quello illustrato dai media mainstream.

Post collegati

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More