29.6 C
Rome
giovedì, Giugno 30, 2022

Putin ha ordinato di fornire gas a paesi ostili solo per rubli. Germania e i Paesi Bassi hanno affermato che l’UE non può tagliare il petrolio in questo momento

Must read

(AGENPARL) – Roma, 23 marzo 2022 – Il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato mercoledì che la Russia inizierà ad addebitare in rubli i paesi che considera “ostili” per il suo gas naturale.

«La Russia rifiuterà di accettare pagamenti per forniture di gas naturale in valute che si sono compromesse, inclusi dollari ed euro, e passerà ai pagamenti in rubli». Lo ha annunciato mercoledì il presidente russo Vladimir Putin in un incontro con il governo.

«Ho deciso di attuare una serie di misure per trasferire i pagamenti – iniziamo da questo – per il nostro gas naturale fornito ai cosiddetti Paesi ostili, per i rubli russi il prima possibile», ha affermato. Cioè, ha spiegato Putin, si prevede di abbandonare tutte le valute compromesse in tali calcoli.

Allo stesso tempo, il capo dello Stato ha sottolineato che la Russia continuerà a fornire gas naturale «in base ai volumi e ai prezzi, secondo i principi di tariffazione fissati nei contratti conclusi in precedenza». 

«A differenza di alcuni colleghi, apprezziamo la nostra reputazione aziendale come partner e fornitore affidabile», ha affermato Putin.

Ha nuovamente chiarito che le modifiche riguarderanno solo la valuta di pagamento, sarà cambiata in rublo russo. Il Presidente ha incaricato il Gabinetto dei Ministri di emanare una corrispondente direttiva a Gazprom sulla modifica dei contratti esistenti.

Il presidente russo, il cui elenco di Stati “ostili” comprende gli Stati Uniti, tutti gli Stati membri dell’UE, Svizzera, Canada, Norvegia, Corea del Sud, Giappone e molti altri.

Non ha senso che la Russia esporti merci nell’UE o negli Stati Uniti in dollari USA o euro, ha aggiunto Putin. 

Gli Stati Uniti hanno già vietato le importazioni di prodotti energetici russi, inclusi petrolio, carbone e GNL.

All’inizio di questa settimana, i ministri degli Esteri degli Stati membri dell’UE non sono riusciti a raggiungere un accordo sull’opportunità di punire Putin con un embargo petrolifero. Alcuni piccoli membri dell’UE, inclusa la Lituania, hanno spinto per un embargo, ma la più grande economia, la Germania, era contraria.

Gabrielius Landsbergis, ministro degli Affari esteri della Lituania, ha twittato lunedì:

“Perché l’Europa dovrebbe dare a Putin più tempo per guadagnare più soldi da petrolio e gas? Più tempo per utilizzare i porti europei? Più tempo per utilizzare le banche russe non autorizzate in Europa? È ora di staccare la spina”.

Ma la Germania e i Paesi Bassi hanno affermato che l’UE non può tagliare il petrolio e il gas russo in questo momento. L’Unione Europea e la sua più grande economia, la Germania, sono state finora riluttanti a vietare le importazioni di energia russa o a imporre sanzioni alle esportazioni russe di petrolio e gas, considerando che l’Europa dipende dalla Russia per oltre un quarto della sua fornitura di petrolio e per un terzo la sua fornitura di gas naturale.    

- Advertisement -

Correlati

1 COMMENT

  1. Putin vuole rafforzare il Rublo, a Livello delle altre monete. Non mi pare che stia perdendo questo schifo di guerra. Io vorrei che le contese che avvengono fuori dalla Nato fossero regolate dai paesi che non fanno parte di essa. Dobbiamo finire tutti a rotoli per loro? Perchè chiamare a lavorare medici ucraini quando molti dei nostri sono a spasso?

Comments are closed.

- Advertisement -

Ultimi articoli