Agenparl
Image default
Home » LO SCONTRO DEL NAGORNO-KARABAKH POTREBBE PRECIPITARE NELLA REGIONE

LO SCONTRO DEL NAGORNO-KARABAKH POTREBBE PRECIPITARE NELLA REGIONE

(AGENPARL) – Teheran, 14 ottobre, IRNA – Armenia e Azerbaigian hanno infine concordato un cessate il fuoco con gli sforzi di pace russi. Se la tregua instabile continua senza un piano internazionale completo, il conflitto e la crisi umanitaria potrebbero attraversare l’intera regione.

Entrambe le parti del conflitto nel Nagorno-Karabakh avevano le proprie ragioni per non ritirarsi dall’area, ma il 10 ottobre hanno finalmente ceduto al cessate il fuoco.

L’Azerbaigian ha basato le proprie argomentazioni sul principio di sovranità e l’Armenia sulla questione della salvaguardia dei diritti delle persone di etnia armena residenti nell’area.

Indipendentemente da ciò che potrebbe accadere al Nagorno-Karabakh, la continuazione del conflitto potrebbe lasciare impatti sulla sicurezza della regione e anche molto oltre.

L’Azerbaigian dice che una parte della sua terra è stata occupata dall’Armenia. Baku tiene conto di quattro risoluzioni approvate dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Lo scontro ha avuto un allineamento speciale. Come il più grande alleato straniero di Baku, la Turchia ha apertamente sostenuto l’Azerbaigian ed è abbastanza naturale che il tradizionale alleato dell’Armenia, cioè la Russia, appoggi Yerevan in questa situazione.

Ovviamente, quello che è successo nelle ultime due settimane è stata la positiva imparzialità di Mosca nello scontro. Sebbene l’Armenia abbia un accordo di difesa con la Russia, non ha mai interferito apertamente nel conflitto. Hanno semplicemente insistito affinché entrambe le parti accettassero il cessate il fuoco e riducessero le tensioni.

La politica estera russa sotto Sergei Lavrov ha fatto sedere i ministri degli esteri di Azerbaigian e Armenia uno di fronte all’altro al tavolo dei negoziati a Mosca, che si è riflesso in tutto il mondo e sostenuto da tutti i paesi.

Anche l’Iran ha avuto un ruolo positivo nel guidare la crisi verso la pace. La posizione del governo iraniano e dei media ha avuto un ruolo diretto nell’attuale pace che prende forma nel Nagorno-Karabakh.

Lo scontro stava avvenendo appena in prossimità dei confini iraniani. Fin dall’inizio del conflitto, Teheran ha incoraggiato entrambe le parti dell’ostilità a mantenere la calma. Il presidente Hassan Rouhani ha parlato al telefono con il presidente azero e il primo ministro armeno e li ha invitati alla pace e alla riconciliazione, il che dimostra la saggezza e la strategia dell’Iran.

Quando sono stati pubblicati rapporti sulla Turchia che schierava forze jihadiste dalla Siria nella regione, sono emerse preoccupazioni. Yerevan ha affermato che la Turchia ha portato 4.000 combattenti per procura nel Nagorno-Karabakh, cosa che è stata respinta da Baku e Ankara.

Il numero può essere esagerato, ma si è visto che il rifugio sicuro per estremisti e terroristi si forma quando l’autorità centrale viene ferita o diventa instabile.

Considerando i fatti che lo scontro si sta svolgendo vicino al Medio Oriente e la presenza di estremisti dalla Cecenia e dall’Abkhazia, l’area ha il potenziale per un nuovo rifugio sicuro per i terroristi.

Le differenze religiose possono anche essere un pretesto e un catalizzatore per la presenza di estremisti nella regione, motivo per cui il presidente Rouhani ha insistito per una rapida soluzione del problema.

Il prolungamento della crisi e la presenza di forze extraregionali possono portare a una maggiore complessità e concorrenza nella regione.

La disputa tra Azerbaigian e Armenia riguardava originariamente la regione montuosa del Nagorno-Karabakh. Nella guerra dei sei anni, l’Armenia prese il controllo della regione e di sette contee circostanti.

Nel maggio 1994, i due paesi hanno accettato un cessate il fuoco, ma gli sforzi internazionali dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE), alias Gruppo di Minsk, sono stati finora inutili.

Il Gruppo di Minsk non è riuscito a riportare la pace nella regione, il che suggerisce che per qualche motivo alcuni paesi occidentali non sono disposti a porre fine alla controversia. Hanno sicuramente un certo interesse per la regione e possono salvarli se la regione sta affrontando una crisi in corso.

Qualsiasi pretesa dell’Occidente, in particolare degli Stati Uniti, per risolvere la crisi nella regione è in realtà per espandere la cintura di sicurezza attorno ad alcuni paesi, come Iran e Russia, per monitorare le loro mosse da una distanza più ravvicinata, oltre a ottenere il controllo dell’energia. e giacimenti petroliferi del Caucaso meridionale e del Mar Caspio.

Pertanto, i paesi occidentali stabiliscono la loro presenza nella regione mantenendo la crisi in corso. Baku e Yerevan sono entrambi ben consapevoli del fatto che l’Occidente, in particolare gli Stati Uniti, non ha mai cercato e non tenterà mai di risolvere la controversia.

Sembra che con una corretta comprensione della regione, l’Azerbaigian e l’Armenia dovrebbero prima mettere da parte la loro ostilità e formare un gruppo di lavoro speciale per discutere la crisi a un tavolo. E se è necessario coinvolgere altri attori nei negoziati, solo i paesi regionali possono prendere in considerazione gli interessi di entrambe le parti e fermare ulteriori danni e perdite di vite umane.

Post collegati

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More