(AGENPARL) – Roma, 06 ottobre 2021 – Il ministero della Difesa di Taiwan ha dichiarato mercoledì che la Cina potrebbe acquisire la capacità di bloccare lo stretto di Taiwan e le sue vicinanze già nel 2025, ponendo una “grave sfida” alle operazioni di difesa aerea e marittima dell’isola.

Il ministro della Difesa Chiu Kuo-cheng ha dichiarato che le tensioni militari con la Cina sono le peggiori da oltre 40 anni e che la Cina sarebbe pienamente in grado di organizzare un’invasione di Taiwan nel 2025.

Il ministro ha chiesto il massimo impegno per rafforzare la difesa dell’isola.

La proiezione su un blocco cinese dello stretto che divide la Cina continentale da Taiwan è stata fatta in un rapporto presentato al legislatore in un momento in cui il governo dell’isola ha visto decine di aerei da guerra cinesi entrare nella sua zona di identificazione della difesa aerea negli ultimi giorni.

Chiu ha fatto le osservazioni a un comitato che esamina un budget speciale del valore di 240 miliardi di dollari NT (8,6 miliardi di dollari) per la produzione di armi indigene, inclusi missili e navi da guerra.

Il rapporto del ministero afferma che la Cina sta facendo preparativi incentrati sul montaggio di un attacco a Taiwan mentre continua ad espandere le attività militari e le operazioni della “zona grigia” che si fermano prima di un attacco armato.

Il ministero ha aggiunto che un totale di circa 380 aerei da guerra cinesi sono entrati nella zona di identificazione della difesa aerea designata dall’isola lo scorso anno e che oltre 600 aerei militari cinesi lo hanno fatto quest’anno.

Il rapporto ha anche osservato che la Cina ha due portaerei e ha aumentato la produzione di sottomarini e cacciatorpediniere, accelerando la formazione di navi d’assalto anfibie in un’unità.

Il Global Times ha pubblicato un editoriale dal titolo «Tsai di Taiwan si rivolge ai maestri per chiedere aiuto per paura di conseguenze catastrofiche».

Scrive il Global Times «Martedì il leader regionale di Taiwan Tsai Ing-wen ha pubblicato un articolo, intitolato “Taiwan e la lotta per la democrazia”, ​​su Foreign Affairs Magazine, affermando che “Se Taiwan dovesse cadere, le conseguenze sarebbero catastrofiche per la pace regionale e il sistema di alleanze democratiche”. .” Sembra che le autorità di Tsai siano davvero spaventate, anticipando che il loro tentativo secessionista è arrivato praticamente a un vicolo cieco. Loro, in quanto avamposto anti-cinese della strategia indo-pacifica degli Stati Uniti, prima o poi saranno spazzati via dalla Cina continentale, ma hanno una grave sfiducia che gli Stati Uniti e i loro alleati difenderanno completamente l’isola. In questo contesto, Tsai ha scritto l’articolo per sottolineare l’attuale pericolo, invitando gli Stati Uniti ei suoi alleati a rafforzare il loro impegno per l’isola di Taiwan e a scoraggiare la Cina continentale».

Tsai ha ripetutamente usato la parola “democrazia” nell’articolo, come un cultista riguardo a ciò che lei chiamava “democrazia” come un talismano. Tuttavia, tutti possono vedere che il Partito Democratico Progressista (DPP) ha dirottato la democrazia di Taiwan e l’ha trasformata in un’ideologia estrema per affrontare la Cina continentale. È chiaro a tutti che Taiwan ha morso più di quanto possa masticare. C’è stato un periodo di cooperazione pacifica tra la Cina continentale e l’isola di Taiwan durante il quale entrambe le parti hanno cercato uno sviluppo condiviso. Ma è stato rovinato dal DPP, che ora sta dissetando con il veleno. Le pratiche di Taiwan di agire come avamposto strategico contro la Cina in cambio della protezione degli Stati Uniti sono la scommessa più folle nella storia della politica internazionale.

Ora hanno anche la paura di perdere tutto. In un’intervista rilasciata lunedì all’ABC News australiana, Joseph Wu, leader degli affari esteri dell’isola di Taiwan, ha affermato che l’isola si sta preparando alla guerra con la Cina continentale, attingendo all’aiuto dell’Australia. E Tsai, sulla rivista Foreign Affairs, avverte che la “caduta” di Taiwan sarà catastrofica per gli Stati Uniti e i suoi alleati. Il loro destino è destinato a essere una catastrofe quando tentano di separare Taiwan dalla Cina. Più le autorità del DPP percorrono il percorso in collusione con le forze esterne, più si avvicinano alla loro tomba.

Non c’è forza al mondo la cui volontà di “difendere Taiwan” sia più forte della volontà della Cina di combattere la secessione e raggiungere la riunificazione. Per essere precisi, sono completamente incomparabili. La Cina osa lottare all’ultimo sangue contro qualsiasi forza che ostacoli la nostra riunificazione, ma nessuna forza osa o è disposta a combattere fino alla morte contro la seconda economia più grande del mondo, nonché una potenza nucleare, per impedire che la Cina ricongiungimento.

Le autorità Tsai capiscono questo punto. Quando non dicono mai zio, tremano silenziosamente e si rivolgeranno sempre più spesso ai loro padroni per chiedere aiuto.

Sono iniziati i venti di guerra?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here