Agenparl
Image default
Home » GLOBAL TIMES (PCC): LE AZIENDE DI MODA ITALIANE PUNTANO SUL MARCHIO “MADE IN ITALY” IN CINA

GLOBAL TIMES (PCC): LE AZIENDE DI MODA ITALIANE PUNTANO SUL MARCHIO “MADE IN ITALY” IN CINA

Global Times (PCC): Le aziende di moda italiane puntano sul marchio “Made in Italy” in Cina

(AGENPARL) – Roma, 03 dicembre 2020 – Il Global Times, quotidiano di proprietà del Governo di Pechino, ha pubblicato un articolo dal titolo «Le aziende di moda italiane puntano sul marchio “Made in Italy” in Cina».

«L’industria della moda italiana sta lavorando duramente per garantire che rimanga di moda in Cina, il mercato principale in più rapida crescita al mondo per abbigliamento e accessori di fascia alta. I principali attori del settore hanno detto a Xinhua che la Cina è un mercato sempre più importante per le case di moda italiane».

Il mercato in Cina “è una delle poche aree in cui possiamo dire che le cose stanno effettivamente andando piuttosto bene per le aziende di moda”, ha detto in un’intervista Mario Boselli, presidente della Fondazione Italia Cina. «Le aziende italiane sono tra i principali attori del mercato e stanno prendendo le misure necessarie per mantenere le cose in questo modo».

Secondo Nicola Guerini, direttore generale del Milan Fashion Institute, il successo dei prodotti di moda italiani e di altri marchi italiani non di moda in Cina offre alle aziende una solida base su cui costruire.

«Il marchio ‘Made in Italy’ ha valore in Cina», ha detto Guerini a Xinhua. «I consumatori cinesi sono sempre più interessati ai prodotti di fascia alta e il tag ‘Made in Italy’ su un prodotto è un segnale che qualcosa è di un certo livello».

Boselli concorda: «Le due chiavi principali per il successo non solo in Cina ma nella maggior parte dei mercati sono che un prodotto dovrebbe avere un bel design e che dovrebbe essere ben fatto», ha detto. «Questo è ciò che rappresenta il ‘Made in Italy’».

L’importanza del mercato cinese è amplificata dal fatto che l’economia cinese è una delle pochissime al mondo ad essere sopravvissuta alla pandemia di coronavirus relativamente indenne.

Secondo uno studio pubblicato questa estate da GlobalData, la Cina è destinata a uscire dalla pandemia come il più grande mercato mondiale per la moda di fascia alta. L’anno scorso, prima dell’inizio della pandemia, il rapporto di GlobalData mostrava che la Cina era seconda agli Stati Uniti.

Ma mentre il mercato globale dell’abbigliamento e quello degli Stati Uniti dovrebbero entrambi contrarsi drasticamente, il mercato cinese è molto meno influenzato. Un funzionario di GlobalData ha confermato a Xinhua che le tendenze nel rapporto erano ancora rilevanti.

«Le vendite di abbigliamento impiegheranno un po ‘di tempo a riprendersi, a causa del calo della fiducia dei consumatori, della crisi del turismo e della minaccia di un’imminente recessione globale e di alti livelli di disoccupazione», ha affermato in un comunicato l’analista di GlobalData Vijay Bhupathiraju. «Ma alcuni mercati in Cina stanno già registrando un ritorno nei negozi dall’80 al 100 percento dei livelli pre-COVID».

Guerini ha detto che i cambiamenti nel mercato globale della moda potrebbero finire per lavorare a vantaggio di alcune case di moda.

«Prima della pandemia, un consumatore cinese poteva acquistare un prodotto mentre viaggiava a Milano, Roma o Parigi, e quella sarebbe stata la fine della transazione», ha detto Guerini. «Ora conoscono i marchi e li acquistano da un negozio locale nella loro città natale. Questo può creare una relazione perché il negozio può dire loro quando sono disponibili nuovi prodotti, o quando ci sono saldi o eventi speciali».

Boselli ha affermato che le aziende italiane faranno bene fintanto che la domanda da parte dei clienti cinesi rimarrà alta. Ma ha detto che le crescenti richieste rivelano altre aree deboli.

«Le aziende dovranno migliorare i propri canali di distribuzione nel tempo», ha affermato.

Post collegati

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More