(AGENPARL) – Roma, 14 ottobre 2021 – «Carenza di chip per computercongestione portuale e una grave mancanza di personale che guida i camion, rivela che le interruzioni di approvvigionamento faranno aumentare i costi per i consumatori prima che la crisi si risolva da sola, forse nel 2023 secondo quanto riportato dalla CNN mercoledì.

Le delicate catene di approvvigionamento del mondo sono sottoposte a uno stress estremo. L’incubo della catena di approvvigionamento sta alzando i prezzi per i consumatori e rallentando la ripresa economica globale. Sfortunatamente, Moody’s Analytics avverte che le interruzioni della catena di approvvigionamento “peggioreranno prima di migliorare”.”Mentre la ripresa economica globale continua a prendere vigore, ciò che è sempre più evidente è come sarà ostacolata dalle interruzioni della catena di approvvigionamento che ora si stanno manifestando ad ogni angolo”, ha scritto Moody’s in un rapporto di lunedì».

Moody’s ha anche affermato che «I controlli alle frontiere e le restrizioni alla mobilità, l’indisponibilità di un pass vaccinale globale e la domanda repressa dal rimanere bloccati in casa si sono combinati per una tempesta perfetta in cui la produzione globale sarà ostacolata perché le consegne non vengono effettuate in tempo, i costi e i prezzi aumenteranno e Di conseguenza, la crescita del PIL mondiale non sarà così robusta”, ha scritto Moody’s nel rapporto.Moody’s ha affermato che “l’anello più debole” potrebbe essere la carenza di camionisti, un problema che ha contribuito alla congestione nei porti e ha causato l’esaurimento delle stazioni di servizio nel Regno Unito. Sfortunatamente, Moody’s ha avvertito che ci sono “nuvole oscure in arrivo” perché diversi fattori rendono particolarmente difficile il superamento dei vincoli di offerta.

In primo luogo, Moody’s ha indicato le differenze nel modo in cui i paesi stanno combattendo il Covid-19, con la Cina che mira a zero casi mentre gli Stati Uniti sono “più disposti a convivere con il Covid-19 come malattia endemica”.

«Questo rappresenta una seria sfida per l’armonizzazione delle regole e dei regolamenti con cui i lavoratori dei trasporti si muovono dentro e fuori dai porti e dagli hub di tutto il mondo», hanno scritto gli analisti.

In secondo luogo, Moody’s ha citato la mancanza di uno “sforzo globale concertato per garantire il buon funzionamento” della rete mondiale di logistica e trasporti.Altri sono molto più ottimisti sulle prospettive della catena di approvvigionamento.

Il CEO di JPMorgan Chase Jamie Dimon ha dichiarato lunedì che questi intoppi della catena di approvvigionamento svaniranno rapidamente.”Questo non sarà affatto un problema il prossimo anno”, ha detto Dimon durante una conferenza tenuta dall’Institute of International Finance, secondo quanto riportato dalla CNBC. “Questa è la parte peggiore. Penso che i grandi sistemi di mercato si adatteranno come hanno fatto le aziende”.

Poiché le consegne non vengono effettuate in tempo, i costi e i prezzi aumenteranno e di conseguenza la crescita del PIL mondiale non sarà così robusta. Ciò rappresenta una sfida seria per l’armonizzazione delle norme e dei regolamenti con cui i lavoratori dei trasporti si spostano dentro e fuori dai porti e dagli hub di tutto il mondo.

Nel frattempo, martedì un funzionario dell’amministrazione Biden-Harris ha accusato il settore privato della crisi della catena di approvvigionamento.

«La catena di approvvigionamento è essenzialmente nelle mani del settore privato, quindi abbiamo bisogno che il settore privato si faccia avanti per aiutare a risolvere questi problemi”, ha detto al Financial Times un alto funzionario dell’amministrazione Biden.

Ma i critici affermano che la carenza di camionisti è dovuta ai soldi della disoccupazione che hanno impedito ai conducenti di tornare al lavoro. Molti conducenti stanno guadagnando più soldi di quanto farebbero lavorando. E l’amministrazione Biden-Harris lo ha  ammesso martedì al New York Times .

«I funzionari dell’amministrazione hanno riconosciuto martedì in una telefonata con i giornalisti che il pacchetto di aiuti economici da 1,9 trilioni di dollari firmato da Biden a marzo ha contribuito ai problemi della catena di approvvigionamento aumentando la domanda di beni», ha scritto il giornale .

Tuttavia, il presidente Joe Biden ha annunciato che il porto di Los Angeles dovrebbe rimanere aperto 24 ore su 24, 7 giorni su 7, per aumentare la capacità delle aziende di spostare le merci dai porti. Ma come ha sottolineato il Financial Times , “il porto di Long Beach in California ha adottato misure per operare con un programma 24 ore su 24, 7 giorni su 7, circa tre settimane fa”. Non è chiaro come i porti aperti con orari più lunghi aiuteranno le aziende di autotrasporto a spostare le merci più velocemente senza dipendenti.

E in Italia siamo pronti a sostenere l’ondata d’urto in arrivo con il costo del petrolio e del metano salita e i prezzi delle materie prime in forte crescita?