Agenparl
Image default
Home » CORONAVIRUS, INFEZIONI PER LA SECONDA VOLTA A WUHAN METTONO IN DUBBIO L’ACCURATEZZA DEGLI STRUMENTI DIAGNOSTICI

CORONAVIRUS, INFEZIONI PER LA SECONDA VOLTA A WUHAN METTONO IN DUBBIO L’ACCURATEZZA DEGLI STRUMENTI DIAGNOSTICI

(AGENPARL) – Roma, 28 marzo 2020 – Una serie di misteriose infezioni per seconda volta sta mettendo in dubbio l’accuratezza degli strumenti diagnostici COVID-19, mentre la Cina si prepara a revocare le misure di quarantena per consentire ai residenti di lasciare l’epicentro del suo focolaio il mese prossimo.

Una questione che sta sollevando forti preoccupazioni per una possibile seconda ondata di casi.

Dal 18 al 22 marzo, la città cinese di Wuhan non ha segnalato nuovi casi di virus all’interno della Cina, ovvero l’infezione non è passata da una persona all’altra.

Il risultato è stato visto come una svolta negli sforzi per contenere il virus, che ha infettato oltre 80.000 persone in Cina. Wuhan è stato particolarmente colpito, con oltre la metà di tutti i casi confermati nel paese.

Ma alcuni residenti di Wuhan che si erano dimostrati positivi in precedenza e poi si erano ripresi dalla malattia si stanno dimostrando positivi per il virus una seconda volta. Sulla base dei dati provenienti da diverse strutture di quarantena della città, che ospitano i pazienti per ulteriori osservazioni dopo la dimissione dagli ospedali, circa il 5% -10% dei pazienti dichiarati «guariti» sono risultati nuovamente positivi.

Alcuni di quelli che hanno ripetuto il test positivo sembrano essere portatori asintomatici – quelli che portano il virus e sono probabilmente infettivi ma non presentano alcun sintomo associato alla malattia – suggerendo che l’epidemia a Wuhan non è vicina alla fine.

Alcuni pazienti sono stati testati una seconda volta per il coronavirus domenica 22 marzo, come condizione preliminare per la ricerca di cure mediche per problemi di salute non correlati, e sono risultati positivi per il coronavirus anche se non hanno mostrato nessuno dei sintomi tipici, come la febbre o tosse secca. Il tempo che intercorre tra il loro recupero e il rilascio e la ripetizione del test è variato di pochi giorni a qualche settimana.

Quel secondo test positivo potrebbe significare un secondo ciclo di infezione? I virologi pensano che sia improbabile che un paziente COVID-19 possa essere nuovamente infettato così rapidamente dopo il recupero, ma attenzione che è troppo presto per saperlo.

In base alle sue più recenti linee guida sulla prevenzione COVID-19, la Cina non include nel suo conteggio giornaliero complessivo per il totale e per i nuovi casi coloro che si ritestano positivi dopo essere stati rilasciati dalle cure mediche. Anche la Cina non include casi asintomatici nel conteggio dei casi.

È possibile che gli sia stato inizialmente dato un risultato del test falso negativo, cosa che può accadere se il tampone utilizzato per raccogliere campioni del virus manca frammenti del virus.

Il dottor Li Wenliang, un medico che in seguito morì a causa del virus stesso a febbraio, è risultato più volte negativo per il coronavirus prima di essere accuratamente diagnosticato.

A febbraio, Wang Chen, direttore dell’Accademia cinese delle scienze mediche gestita dallo stato, ha stimato che i test dell’acido nucleico utilizzati in Cina erano accurati nell’identificare casi positivi di coronavirus solo il 30% -50% delle volte.

Un’altra teoria è che, poiché il test amplifica minuscoli frammenti di DNA, il virus residuo dell’infezione.

Ma quanto è reale la ripresa della Cina?

Martedì, la provincia di Hubei, dove Wuhan è la capitale, ha dichiarato che allenterà le misure di blocco che sono in atto da più di due mesi e inizieranno a consentire ai residenti di lasciare le città il giorno seguente. Le autorità di Wuhan hanno affermato che avrebbero iniziato a revocare le misure di quarantena e a lasciare che i residenti se ne andassero due settimane dopo l’8 aprile.

Per lasciare Wuhan, i residenti devono prima essere negativi al coronavirus, secondo le autorità municipali. Tali screening identificheranno alcuni portatori di virus asintomatici rimanenti. Ma l’alto tasso di falsi negativi citati dai medici cinesi significa che molti con il virus potrebbero passare inosservati.

Giovedì scorso, le autorità di Wuhan hanno riferito per la prima volta dall’inizio dell’epidemia di non aver avuto nuovi casi di virus dal giorno prima – una pietra miliare negli sforzi di contenimento del virus in Cina. La città ha riportato un aumento zero in nuovi casi per i seguenti quattro giorni.

Ma Caixin, un’agenzia di stampa cinese indipendente, ha riferito all’inizio di questa settimana che gli ospedali di Wuhan stavano continuando a vedere nuovi casi di portatori di virus asintomatici, citando un funzionario sanitario che ha affermato di aver visto una dozzina di casi al giorno.

Rispondendo alle domande su come la città contava i casi asintomatici, la commissione sanitaria di Wuhan ha detto lunedì che sta mettendo in quarantena nuovi pazienti asintomatici in reparti specializzati per 14 giorni. Tali pazienti sarebbero inclusi nei nuovi conteggi giornalieri se sviluppassero sintomi durante quel periodo, hanno detto le autorità.

«Sulla base dei dati disponibili dell’Organizzazione mondiale della sanità, le nuove infezioni sono principalmente trasmesse da pazienti che hanno sviluppato sintomi. Pertanto [i casi asintomatici] potrebbero non essere la principale fonte di trasmissione», ha affermato la commissione.

Un ricercatore della commissione sanitaria cinese ha detto martedì ai giornalisti che i portatori asintomatici «non causerebbero la diffusione» del virus.

Rivolgendosi alla crescente preoccupazione pubblica per i pazienti asintomatici, durante la riunione del governo di alto livello di giovedì il primo ministro cinese Li Keqiang ha esortato «i dipartimenti competenti devono … in modo veritiero, tempestivo e apertamente»” rispondere alle domande, ad esempio se questi pazienti sono contagiosi e in che modo l’epidemia può cambiare.

La ricerca suggerisce che la diffusione può essere causata da portatori asintomatici. Gli studi condotti su pazienti di Wuhan e di altre città cinesi a cui è stata diagnosticata la diagnosi all’inizio dell’epidemia suggeriscono che i portatori asintomatici del virus possono infettare quelli con cui hanno stretti contatti, come i familiari.

Post collegati

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More