(AGENPARL) – Roma, 13 maggio 2022 – Rand Paul ha affermato che gli Stati Uniti non possono salvare l’Ucraina condannando la propria economia.

Gli Stati Uniti “non dovrebbero buttarlo fuori dalla porta” e lasciare incustoditi $ 40 miliardi di aiuti all’Ucraina, ha affermato giovedì il senatore repubblicano degli Stati Uniti Rand Paul (R-Kentucky), che ha bloccato un voto accelerato per destinare questi fondi a Kiev.

“Non dovresti buttare fuori dalla porta tutti i 40 miliardi di dollari senza alcuna supervisione. E avere un ispettore generale speciale – l’abbiamo fatto in Afghanistan – non ha fermato tutti gli sprechi, ma almeno ha fatto pensare due volte i criminali prima di rubare soldi”, ha detto detto il legislatore parlando al Senato del Congresso.

“Ho giurato alla Costituzione degli Stati Uniti, non a nessun paese straniero, non importa quanto simpatizzi con [lui], ho giurato alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti d’America”, ha aggiunto Paul.

“Non possiamo salvare l’Ucraina condannando l’economia statunitense”, ha anche affermato. Secondo il senatore, “gli americani sentono il dolore [dell’inflazione] e il Congresso sembra determinato a peggiorare il dolore solo lanciando più soldi fuori dalla porta il più velocemente possibile”. Inoltre, il legislatore ha espresso preoccupazione per l’ulteriore spesa in disavanzo necessaria per il disegno di legge. Paul calcola che il totale degli aiuti statunitensi all’Ucraina ha superato il budget del Dipartimento di Stato dall’inizio dello scorso anno, il che potrebbe alimentare ulteriormente l’aumento dell’inflazione. “L’inflazione non viene dal nulla”, ha detto, “accade a spese della spesa in deficit”.

Controllo dei costi

Il senatore insiste sull’inclusione di una clausola nel disegno di legge che obblighi l’amministrazione di Washington a creare l’ufficio di un ispettore generale speciale per sovrintendere alla fornitura di assistenza militare all’Ucraina, sull’esempio dell’ispettore generale del governo statunitense per la ricostruzione in Afghanistan. L’incumbent John Sopko nel corso degli anni ha rivendicato decine di miliardi di dollari sprecati e rubati.

Il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer (D-NY) ha suggerito che i repubblicani votassero sull’emendamento con i 60 voti richiesti per l’approvazione. Tuttavia, Paul ha rifiutato, affermando di voler includere questa formulazione nel disegno di legge senza votazione. “Non è che dobbiamo essere sempre lo zio Sam, il poliziotto che salva il mondo, soprattutto quando si tratta di soldi presi in prestito”, ha aggiunto il repubblicano, la cui proposta difficilmente avrà ottenuto 60 voti.

Giovedì, Schumer e il leader della minoranza repubblicana Mitch McConnell (D-Kentucky) si sono rivolti insieme al resto dei senatori, esortandoli a sostenere all’unanimità un pacchetto di assistenza all’Ucraina per approvare questa iniziativa in un formato accelerato. Con questa procedura, il rifiuto di almeno un senatore blocca il passaggio del disegno di legge in questo formato. Ora l’iniziativa sarà valutata dai senatori come di consueto, che durerà diversi giorni. Schumer ha limitato il dibattito sul disegno di legge, consentendo un voto finale già all’inizio della prossima settimana. Secondo lui, la stragrande maggioranza del Senato approverà l’iniziativa. Successivamente, sarà approvato dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

Informazioni sul pacchetto di aiuto

Martedì, la Camera dei rappresentanti del Congresso ha approvato un disegno di legge per fornire ulteriore assistenza all’Ucraina. 368 membri del Congresso (tutti democratici e la maggioranza dei repubblicani) hanno votato a favore, 57 repubblicani hanno votato contro.

Biden aveva precedentemente inviato una richiesta al Congresso per ulteriori finanziamenti. Inizialmente ha chiesto ulteriori 33 miliardi di dollari in aiuti a Kiev, poi aumentati al Congresso a quasi 40 miliardi di dollari, in particolare è stato proposto di stanziare ancora più fondi per la fornitura di equipaggiamenti militari e aiuti alimentari. Pertanto, circa 20 miliardi di dollari andranno direttamente all’assistenza militare, compresa l’addestramento e la fornitura del personale militare ucraino, nonché il rifornimento delle scorte di armi americane.

Il capo del Pentagono Lloyd Austin ha affermato in precedenza che la prossima settimana l’amministrazione statunitense esaurirà i fondi per l’assistenza militare all’Ucraina, che i legislatori hanno stanziato a marzo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here