Agenparl
Image default
Home » SCUOLA GIAPPONE, OLTRE LA META’ DEGLI STUDENTI AFFERMA CHE C’E’ UN DIVARIO NELL’APPRENDIMENTO

SCUOLA GIAPPONE, OLTRE LA META’ DEGLI STUDENTI AFFERMA CHE C’E’ UN DIVARIO NELL’APPRENDIMENTO

(AGENPARL) – Roma, 19 giugno 2020 – La venticinquesima puntata del sondaggio sulla consapevolezza dei giovani di 18 anni, lanciato dalla Fondazione Nippon nell’ottobre 2018, è stato realizzato a metà aprile sul tema del “Nuovo Coronavirus”. Il sondaggio ha mostrato che una grande maggioranza degli intervistati stava rispettando la richiesta del governo di astenersi dall’andarsene, il 91% ha dichiarato che la chiusura e le cancellazioni delle scuole e il ridimensionamento dell’ingresso alla scuola e le cerimonie di laurea erano inevitabili, e il 58% ha ritenuto che andare avanti, tutti dovrebbero essere più consapevoli di prendere precauzioni per proteggersi. Inoltre, il 67% degli intervistati si aspettava che il Giappone cambiasse dopo che la crisi è stata messa sotto controllo, con il governo, l’assistenza medica e l’economia come le aree principali in cui è necessario il cambiamento.

Il sondaggio online, condotto dall’organizzazione no profit Nippon Foundation di Tokyo, ha rilevato che il 58,6 per cento degli intervistati di età compresa tra 17 e 19 anni ha riscontrato una disuguaglianza nell’istruzione durante la pandemia, con alcuni che hanno notato la mancanza di lezioni online in alcune scuole durante le chiusure .

Nel sondaggio dal 26 al 28 maggio che ha riguardato 1.000 persone, alcuni hanno affermato che c’erano enormi discrepanze a seconda della posizione e hanno citato la situazione familiare degli studenti, come se avessero i mezzi per garantire le attrezzature necessarie per l’apprendimento online.

Per quanto riguarda ciò che li preoccupava delle chiusure scolastiche estese, coloro che erano preoccupati per i loro studi rappresentavano il numero più grande al 37,4 per cento, mentre per il 20,3 per cento comunicava con gli amici. Gli intervistati erano preoccupati per gli esami di ammissione all’istruzione superiore o le loro prospettive di lavoro sono arrivati al 17,8 per cento.

In una sezione che raccoglieva commenti, alcuni studenti hanno scritto che erano titubanti riguardo alle loro prime lezioni online e che non erano in grado di fare nuove amicizie da quando avevano iniziato l’università.

In una domanda a risposta multipla su potenziali soluzioni per compensare i ritardi negli studi, la risposta più condivisa (52,5 per cento) era l’aumento delle lezioni online.

Il 38,8 per cento ha affermato che le scuole dovrebbero ridurre il numero di vacanze, come abbreviare le vacanze estive, una mossa che un certo numero di comuni sta prendendo in considerazione o ha deciso di attuare.

In caso di chiusura di un’altra scuola, il 50,8 per cento ha affermato che le scuole dovrebbero implementare e mantenere lezioni online.

«Nonostante siano titubanti riguardo alle loro prime lezioni virtuali, potrebbero aspettarsi che ciò possa eliminare le disuguaglianze o i ritardi nell’istruzione causati dalla diffusione del virus», ha affermato la fondazione Nippon Foundation di Tokyo.

Sarebbe interessante conoscere le opinioni degli studenti italiani….

Post collegati

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More