Agenparl
Image default
Home » ONU: TASSO DI POVERTA’ MONDIALE IN AUMENTO DOPO 22 ANNI A CAUSA DEL CORONAVIRUS

ONU: TASSO DI POVERTA’ MONDIALE IN AUMENTO DOPO 22 ANNI A CAUSA DEL CORONAVIRUS

(AGENPARL) – Roma, 24 luglio 2020 – Il numero di persone in condizioni di estrema povertà in tutto il mondo dovrebbe aumentare quest’anno per la prima volta in 22 anni a causa della pandemia di coronavirus, secondo un recente rapporto delle Nazioni Unite.

Si prevede che la percentuale della popolazione mondiale che vive al di sotto di $ 1,90 al giorno salirà all’8,8 per cento nel 2020 dall’8,2 per cento nel 2019, secondo il Rapporto sugli obiettivi di sviluppo sostenibile 2020 pubblicato all’inizio di questo mese dal Dipartimento delle Nazioni Unite per gli affari economici e sociali.

Secondo le stime di un funzionario delle Nazioni Unite, il tasso di povertà estrema dovrebbe registrare il suo primo aumento dal 1998, quando è salito di 0,4 punti percentuali al 29,7 per cento, a seguito della crisi finanziaria asiatica dell’anno precedente, iniziata in Thailandia e colpita duramente le economie della regione.

L’ultima stima è superiore alla previsione iniziale del 7,7 per cento fatta prima della pandemia, con il rapporto che prevede che circa 71 milioni di persone saranno respinte in estrema povertà quest’anno, poiché la diffusione del virus è destinata a causare “la peggiore ricaduta economica dal Grande depressione “negli anni ’30.

Molti dei 71 milioni di persone sono lavoratori che vivono di economie informali, i cui redditi sono stimati in calo del 60% nel primo mese di crisi. Includono circa 32 milioni nell’Asia meridionale e circa 26 milioni nell’Africa sub-sahariana, secondo il rapporto.

Sebbene le Nazioni Unite abbiano ammesso che il mondo non è stato “sulla buona strada” per raggiungere l’obiettivo di porre fine alla povertà estrema entro il 2030, come stipulato nei suoi SDG anche prima della pandemia, l’epidemia di COVID-19 sta “annullando anni di costante miglioramento”, rapporto ha detto.

Il tasso di povertà è notevolmente migliorato dal 15,7 per cento nel 2010 e dal 10,0 per cento nel 2015.

“L’importanza di solidi sistemi di protezione sociale per la salvaguardia dei poveri e dei vulnerabili sta diventando più chiara che mai”, ha aggiunto il rapporto.

Inoltre, donne e bambini, specialmente nei paesi in via di sviluppo, sono anche “tra quelli che hanno il peso maggiore degli effetti della pandemia”, afferma il giornale.

Secondo il rapporto, 118 nazioni a basso e medio reddito potrebbero vedere un aumento del 9,8-44,8 per cento nelle morti di bambini di età inferiore ai 5 anni e un aumento dell’8,3-38,6 per cento nelle morti materne per un periodo di sei mesi nel 2020 , se la loro assistenza sanitaria di routine viene interrotta e l’accesso al cibo diminuisce.

Anche l’impatto sull’istruzione è grave, secondo il rapporto, con circa il 90 percento di tutti gli studenti, o circa 1,57 miliardi, fuori dalla scuola a causa di chiusure in risposta alla diffusione del virus, e almeno 500 milioni esclusi dall’apprendimento a distanza da quando uno fuori di cinque paesi non forniscono tale soluzione.

“Sebbene il coronavirus colpisca ogni persona e le comunità, non lo fa allo stesso modo. Al contrario, ha esposto e aggravato le disuguaglianze e le ingiustizie esistenti”, ha affermato il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres nel rapporto.

“Ora, a causa di COVID-19, una crisi sanitaria, economica e sociale senza precedenti sta minacciando vite e mezzi di sussistenza, rendendo ancora più arduo il raggiungimento degli Obiettivi (sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite”), ha affermato Guterres.

La relazione annuale sugli SDG è stata compilata con il contributo di organizzazioni internazionali e regionali tra cui agenzie, fondi e programmi delle Nazioni Unite, con la partecipazione di statistici ed esperti del settore privato.

Adottati nel 2015, gli OSS consistono in 17 obiettivi da raggiungere entro il 2030, come assenza di povertà, fame zero, uguaglianza di genere, città e comunità sostenibili e azione per il clima.

Il bilancio delle vittime globale di COVID-19, la malattia respiratoria causata dal virus rilevato per la prima volta nella città cinese di Wuhan alla fine dello scorso anno, ha superato i 610.000, con un numero di casi di infezione confermati pari a circa 15 milioni, secondo un conteggio di Johns Hopkins University.

Post collegati

1 comment

maria luigia 27 Luglio 2020 at 12:24

Per quello che riguarda la povertà da virus, anche se allarmante, ci si aspettava una ricaduta pesante sulle economie di tutti gli stati. Naturalmente questi devono prendere opportune misure per riequilibrare lo status , e secondo quello che io posso aver letto da vari giornali, che evidenziano il disordine e l’indigenza triplicata per i cittadini d’Italia, bisognerebbe in modo immediato e tassativo fare due cose: ridurre o togliere le tasse, soprattutto quelle sul lavoro, Cancellare, fin che si può, tutte le varie leggi e leggine burocratiche: per colpa di esse, è come essere immersi fino alle ginocchia nella colla. Si ricomincerebbe senz’altro a muoversi. E poi, senza ulteriori indugi, seguire la Costituzione e separare in modo netto la carriera della magistratura da quella politica: un altra colla sono i vari intabarrati signori che cercano di far guerra a chi vuole che lo Stato migliori.
Ritrovare l’antico e giustificato entusiasmo per la Nazione che abitiamo

Reply

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More