(AGENPARL) – Roma, 14 maggio 2021 – Il 78% delle aziende nel Regno Unito non ha intenzione di richiedere i certificati di vaccinazione Covid, indica un nuovo studio.Un sondaggio condotto dalla BCC su oltre 1.000 aziende del Regno Unito mostra che solo il 5% delle aziende ha già implementato i propri requisiti per la prova della vaccinazione

Le imprese con più di 50 dipendenti avevano maggiori probabilità rispetto alle imprese più piccole di aver implementato o di considerare l’introduzione di requisiti per la prova della vaccinazione, ma quasi 7 su 10 (69%) non hanno ancora intenzione di farlo

Più di 3 a 4 aziende (76%) si aspettano anche per mantenere distanziamento sociale in atto nel corso del prossimo anno, 5 4 % ha detto lo stesso di rivestimenti faccia

Le Camere di Commercio britanniche hanno pubblicato giovedì nuovi dati di sondaggio che mostrano che la stragrande maggioranza delle aziende che hanno risposto non ha in programma di richiedere prove di vaccinazione da parte di clienti, fornitori o dipendenti. La BCC ha quindi invitato il governo a definire piani al più presto possibile per ciò che le condizioni operative saranno sia per le imprese dopo la fase finale della tabella di marcia in modo che le aziende possono pianificare in modo efficace .

I dati, da un sondaggio di più di 1 , 000 imprese attraverso una varietà di settori e di base in tutte le parti del Regno Unito, anche spettacoli che distanziamento sociale e la mano sanitis ING sono le aziende Covid-19 misure sono state più probabile che si aspettano di continuare a da avere in vigore nei prossimi 12 mesi.

Alla domanda se la loro azienda avesse in programma di richiedere la prova della vaccinazione da parte di clienti, fornitori o dipendenti, il 78% degli intervistati ha affermato di non avere intenzione di farlo. 5% ha dichiarato di aver già attuato tali misure, il 6% ha detto che erano propensi a fare in modo in futuro e l’11% ha detto di aver bisogno di più informazioni.

Le aziende più piccole avevano più probabilità di quelle più grandi di non avere intenzione di farlo – con l’80% delle aziende con meno di 50 dipendenti che ha fornito questa risposta. Solo il 4% delle aziende più piccole ha affermato di aver già richiesto una vaccinazione di prova e il 6% ha affermato che probabilmente lo farà in futuro.

Per le aziende con più di 50 dipendenti , la percentuale che aveva già implementato un requisito per la prova della vaccinazione è salita al 9%, con l’8% che ha affermato di poterlo introdurre in futuro e il 13% ha affermato di aver bisogno di maggiori informazioni. Tuttavia, il 69% ha ancora affermato di non avere alcuna intenzione di richiedere la prova della vaccinazione da parte di clienti, fornitori o dipendenti.

Quando è stato chiesto separatamente quali misure Covid-19 si aspettassero di avere in atto o attuare nei prossimi 12 mesi, la risposta più alta è stata il distanziamento sociale al 76%. Il 61% si aspettava di avere a disposizione un disinfettante per le mani e oltre la metà, con il 54%, si aspettava che i rivestimenti per il viso facessero parte delle loro misure. Solo il 9% delle imprese prevede di non adottare alcuna misura nei prossimi 12 mesi.

Le pratiche di lavoro sembrano destinate a continuare a essere interrotte , poiché il 46% per cento riferisce l’aspettativa di continui cambiamenti al proprio spazio di lavoro, come schermi o disposizioni delle scrivanie socialmente distanti , e il 45% dichiara di voler limitare l’accesso ai propri uffici / locali.

Viste delle aziende

Gareth Jones, Managing Director di In-Comm, un fornitore di servizi di formazione , ha detto “ io t potuto essere difficile per noi per implementare un requisito per la prova della vaccinazione. La sicurezza è fondamentale per noi, ma i processi amministrativi coinvolti sarebbero laboriosi. Avremmo anche grandi preoccupazioni per le risorse umane su dove questo collocherebbe le persone che non desiderano avere il vaccino a causa delle loro convinzioni personali “.

“Quando si tratta di altre misure t egli problema principale per noi è che i numeri sono fondamentali per la nostra sostenibilità e la crescita come un business. Le azioni che dobbiamo intraprendere per ridurre il nostro numero di studenti hanno un impatto reale su di noi , quindi speriamo di tornare alle dimensioni della nostra coorte originale non appena sarà sicuro farlo. Le misure devono essere adatte allo scopo e praticabili da attuare. 

Phil Calcutt , Direttore di A&M EDM, una società di soluzioni ingegneristiche, ha dichiarato: “Siamo preoccupati che i ‘passaporti per i vaccini’ siano problematici da implementare. Non avremmo alcuna sanzione legale per garantire la conformità e ci aspetteremmo che un caso di prova si trascinasse in tribunale. Se il NHS e le case di cura non sono stati in grado di implementare questo tipo di cose, come ci si può aspettare che le aziende lo facciano? “

Rispondendo ai risultati, il co-direttore esecutivo delle Camere di commercio britanniche, Hannah Essex, ha dichiarato: 

“ Le aziende hanno lavorato duramente per mantenere i loro clienti e dipendenti sicuro durante la pandemia e si continuerà a farlo. Questa ricerca dimostra che il governo deve rapidamente chiarire quali misure saranno necessarie per le imprese a mantenere gli standard di sicurezza dopo si raggiunge la fase finale della tabella di marcia il 21 giugno st . In particolare , devono risolvere il dibattito in corso sull’uso della certificazione dei vaccini, fornendo una guida chiara e decisiva alle imprese.

“ Ci sono stati molti segnali contrastanti sulla questione della richiesta alle aziende di richiedere la prova della vaccinazione da parte di clienti, fornitori o dipendenti. I nostri dati mostrano che allo stato attuale la stragrande maggioranza delle aziende non ha in programma un simile scenario. Quindi, se il governo sta davvero pianificando di rendere questo un requisito, allora deve agire rapidamente per informare le imprese in modo che possano adattarsi e prepararsi.

“ In questo momento, molte aziende stanno lavorando sul presupposto che essi saranno continuando con una serie di misure Covid-sicure nel corso dei prossimi 12 mesi, tra cui distanziamento sociale, maschera che indossa e va rious altri interventi. Molte di queste misure hanno un costo per le imprese e possono limitare la capacità delle imprese di negoziare a pieno regime. Governo deve definire con precisione quando, e in che modo, sarà essere sicuri di cambiare queste pratiche in modo che le imprese possano svolgere pienamente la loro parte nella ripresa economica dalla pandemia. “

Il primo ministro Boris Johnson ha dichiarato martedì scorso che il governo “dirà di più alla fine del mese su come sarà esattamente il mondo e quale ruolo potrebbe esserci, se ce ne sarà, per la certificazione e le distanze sociali”, in modo che le aziende possano avere maggiori chiarimenti.