(AGENPARL) – Roma, 21 gennaio 2021 – Ore dopo aver prestato giuramento, il presidente Joe Biden ha firmato mercoledì un ordine esecutivo che concede ampi “diritti” a uomini e donne che vogliono vivere come il sesso biologico opposto, permettendo anche a questi individui transgender di competere nello sport.

“Il primo giorno, Biden sventra unilateralmente gli sport femminili”, ha scritto l’autrice Abigail Shrier su Twitter. “Qualsiasi istituzione educativa che riceve finanziamenti federali deve ammettere atleti biologicamente maschi a squadre femminili, borse di studio per donne, ecc.
“Un nuovo soffitto di vetro è stato appena posto sopra le ragazze”, ha detto il tweet.

“Ogni persona dovrebbe essere trattata con rispetto e dignità e dovrebbe essere in grado di vivere senza paura, non importa chi sia o chi ami”, ha scritto Biden nell’ordine esecutivo, usando il punto di discussione usato durante l’amministrazione Obama.

L’ordine renderà anche spazi come i bagni e gli spogliatoi aperti a tutti gli individui in base al loro sesso percepito piuttosto che al loro sesso biologico.

“I bambini dovrebbero essere in grado di imparare senza preoccuparsi se verrà loro negato l’accesso alla toilette, allo spogliatoio o agli sport scolastici”, ha scritto Biden.

L’ordine riguardava anche il posto di lavoro, assicurando che le persone non saranno “licenziate, degradate o maltrattate a causa di chi va a casa o perché come si vestono non è conforme agli stereotipi basati sul sesso”.

L’ordine cita statuti federali che Biden ha detto di sostenere il suo ordine, tra cui il Titolo IX, che è in realtà il contrario del suo ordine perché lo statuto è quello di vietare alle scuole che ricevono finanziamenti federali la discriminazione contro le donne, anche nello sport.

L’ordine sostiene anche che la legge sui diritti civili del 1964 che ha impedito la discriminazione basata su razza, colore, religione, sesso o origine nazionale, si applica anche all'”orientamento sessuale”. Biden cita il caso Bostock contro Clayton County della Corte Suprema degli Stati Uniti, che ha dichiarato: “Un datore di lavoro che licenzia un individuo solo perché è gay o transgender viola il titolo VII della legge sui diritti civili del 1964”.

“È la politica della mia amministrazione di prevenire e combattere la discriminazione sulla base dell’identità di genere o dell’orientamento sessuale, e di applicare pienamente il Titolo VII e altre leggi che vietano la discriminazione sulla base dell’identità di genere o dell’orientamento sessuale”, ha detto l’ordine. “È anche la politica della mia amministrazione di affrontare le forme di discriminazione che si sovrappongono”.

L’ordine è destinato ad essere applicato in tutto il governo federale, richiedendo alle agenzie di rispettarlo.

La Human Rights Campaign, che per anni ha fatto pressioni per ottenere diritti speciali per le persone in base alle loro preferenze sessuali, ha lodato l’ordine di Biden:

L’ordine esecutivo di Biden è il più sostanziale e ampio ordine esecutivo riguardante l’orientamento sessuale e l’identità di genere mai emesso da un presidente degli Stati Uniti”, ha dichiarato Alphonso David, presidente della Human Right Campaign. “Oggi, milioni di americani possono tirare un sospiro di sollievo sapendo che il loro presidente e il loro governo credono che la discriminazione basata sull’orientamento sessuale e l’identità di genere non sia solo intollerabile, ma illegale. Con la piena attuazione della storica sentenza della Corte Suprema in Bostock, il governo federale applicherà la legge federale per proteggere le persone LGBTQ dalla discriminazione in materia di occupazione, assistenza sanitaria, alloggio e istruzione, e altri settori chiave della vita.

“Mentre l’implementazione dettagliata in tutto il governo federale richiederà tempo, questo ordine esecutivo inizierà a cambiare immediatamente la vita di milioni di persone LGBTQ che cercano di essere trattate allo stesso modo secondo la legge”, ha detto David. “La serie completa di ordini esecutivi del primo giorno segna un gradito passaggio dalla politica di xenofobia e discriminazione a un’amministrazione che abbraccia il nostro mondo, la sua gente e i suoi sognatori. Non vediamo l’ora di continuare ad impegnarci con la Casa Bianca, il Dipartimento di Giustizia e altre agenzie per garantire che Bostock sia adeguatamente implementato in tutto il governo federale”.

Il presidente Biden ha appena emesso un ordine esecutivo che protegge gli americani dalla discriminazione sulla base dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere – un punto di svolta nella nostra lotta per l’uguaglianza sotto la legge.

https://t.co/fSuxT8dF8w

Ma Tony Perkins, presidente del Family Research Council, ha detto che quella di Biden minaccia le persone di fede e va contro i fatti.

“Con un tratto di penna, il presidente Joe Biden ha capovolto una legislazione sui diritti civili di 50 anni fa, svuotando le protezioni per le persone di fede”, ha detto Perkins in una dichiarazione. “Il presidente Biden sta attuando unilateralmente un cambiamento politico radicale che non ha mai ottenuto l’approvazione del Congresso, l’organo che la Costituzione incarica di approvare effettivamente le leggi”.

“Purtroppo, l’amministrazione Biden sta progettando di andare molto oltre nel suo assalto alla realtà biologica e ci si aspetta che ordini alle scuole di abolire gli sport femminili e costringere ragazzi e ragazze ad usare le stesse docce e spogliatoi, e forse anche a dormire insieme durante le gite scolastiche”, ha detto Perkins. “Il partito che sostiene di essere il partito della scienza sta avanzando il primo giorno politiche che negano la realtà”.