Agenparl
Image default
Home » USA, LA CORTE SUPREMA SI SCHIERA CON I GRUPPI RELIGIOSI CONTRO ANDREW CUOMO, 5-4

USA, LA CORTE SUPREMA SI SCHIERA CON I GRUPPI RELIGIOSI CONTRO ANDREW CUOMO, 5-4

Usa, La Corte Suprema si schiera con i gruppi religiosi contro Andrew Cuomo, 5-4

(AGENPARL) – Roma, 26 novembre 2020 – Mercoledì sera la Corte Suprema degli Stati Uniti ha concesso un’intimazione contro le restrizioni ai servizi religiosi del governatore di New York Andrew Cuomo in una decisione 5-4 che ha visto il giudice Amy Coney Barrett con la maggioranza conservatrice e il giudice capo John Roberts schierarsi dalla minoranza liberale.

La Corte ha risposto a una richiesta di ingiunzione di emergenza da parte della diocesi cattolica romana di Brooklyn e dell’Agudath Israel of America, un gruppo ebraico ortodosso, contro le restrizioni che limitano i servizi a dieci persone in alcune aree e 25 persone in altre.

All’inizio di ottobre, Cuomo ha minacciato apertamente di “chiudere le sinagoghe” se non avessero rispettato i suoi ordini.

La decisione recitava , in parte:

Citando una serie di osservazioni fatte dal governatore, Agudath Israel sostiene che il governatore ha preso di mira specificamente la comunità ebraica ortodossa e ha disegnato i confini delle zone rosse e arancioni per garantire che le aree fortemente ortodosse fossero incluse. Sia la diocesi che Agudath Israel sostengono che i regolamenti trattano i luoghi di culto in modo molto più duro di strutture secolari comparabili. E ci dicono senza contraddizione che hanno rispettato tutte le linee guida di salute pubblica, hanno implementato misure precauzionali aggiuntive e hanno operato al 25% o al 33% per mesi senza un singolo focolaio.

I ricorrenti hanno chiaramente stabilito il loro diritto alla riparazione in attesa della revisione in appello. Hanno dimostrato che è probabile che le loro affermazioni del Primo Emendamento prevalgano, che negare loro il risarcimento porterebbe a un danno irreparabile e che la concessione del risarcimento non danneggerebbe l’interesse pubblico.

In una zona rossa, mentre una sinagoga o una chiesa non può ammettere più di 10 persone, le attività classificate come “essenziali” possono ammettere tutte le persone che desiderano. E l’elenco delle attività “essenziali” include cose come strutture di agopuntura, campeggi, garage, così come molti i cui servizi non sono limitati a quelli che possono essere considerati essenziali, come tutti gli impianti che producono prodotti chimici e microelettronica e tutte le strutture di trasporto .

Fermare la diffusione di COVID-19 è senza dubbio un interesse irresistibile, ma è difficile vedere come le normative contestate possano essere considerate “strettamente adattate”. Sono molto più restrittivi di qualsiasi regolamento relativo al COVID che è stato precedentemente presentato alla Corte 2, molto più severo di quelli adottati da molte altre giurisdizioni duramente colpite dalla pandemia, e molto più severo di quanto sia stato dimostrato prevenire la diffusione del virus presso i servizi dei richiedenti.

I membri di questa Corte non sono esperti di sanità pubblica e dovremmo rispettare il giudizio di coloro che hanno competenze e responsabilità speciali in questo settore. Ma anche in caso di pandemia, la Costituzione non può essere archiviata e dimenticata.

Il giudice Neil Gorsuch ha emesso un’opinione concordante, così come il giudice Brett Kavanaugh.

Roberts ha scritto un’opinione dissenziente in cui ha osservato che il governatore aveva modificato le restrizioni il giorno dopo che la causa è stata presentata. Il giudice Kavanaugh, tuttavia, ha sottolineato che l’ordine esecutivo sottostante era ancora in vigore, il che significa che il governatore doveva essere costretto a modificare nuovamente i regolamenti in attesa dell’esito della causa.

I giudici Stephen Breyer, Elena Kagan e Sonia Sotomayor si sono uniti in un dissenso che ha citato la gravità della pandemia di coronavirus e la tradizionale deferenza della Corte verso i funzionari locali su questioni che coinvolgono competenze scientifiche.

Anche Kagan e Sotomayor hanno emesso un dissenso separato.

Il governatore Cuomo ha ricevuto questa settimana un premio Emmy internazionale, poiché Hollywood ha celebrato la sua leadership nella pandemia di coronavirus.

– ———————

Dato che sono stati presentati molteplici esposti legali in risposta alle elezioni del 2020, con ulteriori sfide attese ed entrambi i candidati hanno rivendicato la vittoria in alcuni stati, ma sembra sempre più probabile che queste elezioni verranno risolte in tribunale.

Per questo motivo, AGENPARL non dichiarerà un vincitore delle elezioni presidenziali né Biden né Trump fino a quando tutti i risultati non saranno certificati e le eventuali controversie legali non saranno risolte.

Post collegati

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More