Agenparl
Image default
Home » USA, 40 STATI GUIDATI DA NY PRESENTERANNO UNA CAUSA ANTITRUST CONTRO FACEBOOK

USA, 40 STATI GUIDATI DA NY PRESENTERANNO UNA CAUSA ANTITRUST CONTRO FACEBOOK

Usa, 40 Stati guidati da NY presenteranno una causa antitrust contro Facebook

(AGENPARL) – Roma, 04 dicembre 2020 – Un recente rapporto della CNBC afferma che potrebbe essere intentata una causa contro il gigante dei social media Facebook già dalla prossima settimana. Un gruppo di 40 stati guidati da New York ha indagato su Facebook per possibili violazioni dell’antitrust e prevede di intentare una causa contro la società, secondo quattro fonti.

La causa sarebbe la seconda per importanza intentata contro una grande azienda tecnologica quest’anno dopo la causa del Dipartimento di Giustizia contro Google a ottobre. Secondo quanto riferito, oltre 40 stati intendono firmare la causa nei confronti di Facebook, ha detto una fonte, ma non fornirebbe l’elenco degli stati.

Fonti giornalistiche nazionali statunitensi hanno riferito all’inizio di questa settimana che le autorità stavano preparando fino a quattro altri casi riguardanti Google o Facebook entro la fine di gennaio 2021. Secondo quanto riferito, le cause si concentrano sul fatto che il gigante della tecnologia abbia abusato del proprio potere nell’economia di Internet, concentrandosi sulla posizione di Google nel ricerca e industria della pubblicità e il dominio di Facebook nel mercato dei social media.

Entrambe le società hanno negato di utilizzare il loro potere in modo anticoncorrenziale, affermando di operare in mercati estremamente competitivi e che i loro servizi vanno a vantaggio dei consumatori. Nonostante le indagini e le cause legali in corso, Facebook e Google sono entrambi impegnati ad acquistare rivali e startup tecnologiche.

Facebook ha affrontato le critiche sia dei repubblicani che dei democratici al Congresso, così come del presidente Trump e del candidato presidenziale democratico Joe Biden. I democratici affermano che il gigante dei social media è stato troppo libero nel discorso che consente sulla sua piattaforma, mentre molti repubblicani sottolineano che il sito di social media ha spesso soppresso le voci conservatrici. Facebook afferma che mira a sostenere la libertà di parola limitando al contempo “incitamento all’odio” e contenuti dannosi.

Post collegati

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More