31.7 C
Rome
lunedì, Giugno 27, 2022

Un membro dell’Osservatorio sui vaccini del Regno Unito afferma di essere scettico sulle dosi di richiamo COVID

Must read

(AGENPARL) – Roma, 20 agosto 2021 – Un membro dell’agenzia di controllo del Comitato congiunto del Regno Unito per le vaccinazioni e l’immunizzazione ha espresso scetticismo sui richiami dei vaccini Covid-19 per tutti gli adulti, quando i funzionari sanitari federali degli Stati Uniti hanno affermato che avrebbero iniziato a spingere i richiami a partire dal prossimo mese.

Parlando in un programma della BBC, il professor Adam Finn ha dichiarato: «Decideremo imminentemente che ci saranno alcune persone che avranno bisogno di una terza dose, in particolare le persone che sappiamo è molto improbabile che siano ben protette da quelle prime due dosi».

Tuttavia, durante l’intervista, Finn, un membro del comitato, ha affermato di essere scettico sul lancio generale nel Regno Unito

di dosi di richiamo COVID-19. Servono più dati, ha detto.

«Abbiamo bisogno di ulteriori prove prima di poter prendere una decisione ferma su un programma di richiamo molto più ampio», ha affermato Finn. E, ha aggiunto, il Regno Unito deve «concentrarsi sugli individui che hanno maggiori probabilità, se lo si desidera, di ammalarsi di nuovo se non hanno un richiamo».

Il suo commento è arrivato quando i capi dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), della Food and Drug Administration (FDA) e del National Institutes of Health hanno affermato che raccomanderanno colpi di richiamo per tutti gli americani otto mesi dopo aver ricevuto entrambe le dosi di un vaccino mRNA.

L’annuncio ha suscitato critiche indirette dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), che in precedenza aveva chiesto una moratoria sui colpi di richiamo invece di fornire vaccini per i paesi più poveri. Diversi funzionari dell’OMS questa settimana hanno espresso preoccupazione per la spinta dei paesi più ricchi per la terza dose del vaccino.

Negli Stati Uniti, diversi scienziati hanno espresso preoccupazione per i messaggi del governo federale sui booster.

«Il messaggio che ho ricevuto dalla lettura di tutti e tre gli studi è stato che potrebbe esserci una certa riduzione della protezione dalle infezioni con Delta nelle case di cura, ma nessun dato sulla diminuzione della protezione da malattie gravi o dal ricovero in ospedale», il dott. Walid Gellad, professore di medicina presso ha scritto su Twitter la School of Medicine dell’Università di Pittsburgh.

Dopo l’annuncio del richiamo da parte della Casa Bianca, un altro esperto, il professore della Johns Hopkins Marty Makary, che ha sostenuto un diverso programma di dosaggio per i vaccini mRNA, ha accusato il CDC, la FDA e le principali aziende farmaceutiche di essere una “oligarchia medica” e ha annunciato: «Io non riceverò il richiamo».

«I funzionari della sanità pubblica avrebbero dovuto ascoltare il coro di medici che raccomandavano di somministrare la seconda dose tre mesi dopo la prima, come ha fatto il Regno Unito (e che ho fatto per me stesso). Avrebbe salvato molte più vite mentre razionava il vax ed evitava la necessità della dose», ha detto venerdì.

Nel frattempo, il rappresentante degli Stati Uniti Thomas Massie (R-Ky.), che ha affermato che non verrà vaccinato perché ha già contratto il COVID-19, ha twittato che la FDA e il CDC stanno fuorviando il pubblico.

«Proprio il mese scorso, CDC e FDA hanno affermato che non era necessario alcun richiamo. All’epoca, erano preoccupati che la verità sull’efficacia del vaccino a lungo termine avrebbe causato “esitazione vaccinale”, ha scritto il repubblicano del Kentucky. «Hanno ignorato i dati ampiamente disponibili e i produttori di farmaci, perché entrambi indicavano che l’efficacia era diminuita in modo significativo».

- Advertisement -

Correlati

- Advertisement -

Ultimi articoli