Home » OMAN, MUORE IL SULTANO ALL’ETA’ DI 79 ANNI
Agenparl Italia Editoriale Facebook Politica Estera Top News Twitter

OMAN, MUORE IL SULTANO ALL’ETA’ DI 79 ANNI

(AGENPARL) – Roma, 11 gennaio 2020 – Il Sultano Qaboos bin Said dell’Oman, il regnante che ha governato più lungo del mondo arabo, è morto venerdì all’età di 79 anni.

La morte, annunciata dall’agenzia di stampa ufficiale Oman, è arrivata dopo una lunga battaglia con quello che si credeva fosse il cancro del colon.

Il sultano è il principale decisore in Oman. Ricopre anche le posizioni di primo ministro, comandante supremo delle forze armate, ministro della difesa, ministro delle finanze e ministro degli affari esteri.

All’età di 29 anni ha rovesciato suo padre, Said bin Taimur, un sovrano solitario e ultra-conservatore che ha vietato una serie di cose, tra cui l’ascolto della radio o l’uso di occhiali da sole, e ha deciso chi poteva sposarsi, essere istruito o lasciare il paese .

Sultan Qaboos dichiarò immediatamente che intendeva istituire un governo moderno e usare i soldi del petrolio per sviluppare un paese dove all’epoca c’erano solo 10 km (sei miglia) di strade asfaltate e tre scuole.

Nei primi anni del suo governo, con l’aiuto delle forze speciali britanniche, represse un’insurrezione nella provincia meridionale di Dhofar da parte di uomini della tribù sostenuti dalla Repubblica democratica popolare marxista dello Yemen.

Descritto come carismatico e visionario, ha intrapreso un percorso neutrale negli affari esteri ed è stato in grado di facilitare colloqui segreti tra gli Stati Uniti e l’Iran nel 2013 che hanno portato a un accordo nucleare di riferimento due anni dopo.

Un certo malcontento è emerso nel 2011 durante la cosiddetta primavera araba. Non ci sono stati grandi sconvolgimenti in Oman, ma migliaia di persone sono scese in piazza in tutto il paese per chiedere salari migliori, più posti di lavoro e la fine della corruzione.

Le forze di sicurezza hanno inizialmente tollerato le proteste, ma in seguito hanno usato gas lacrimogeni, proiettili di gomma e munizioni vive per disperderle. Due persone sono state uccise e dozzine di persone sono rimaste ferite. Centinaia sono stati perseguiti a norma di legge che criminalizzava “riunioni illegali” e “insultava il sultano”.

Le proteste non sono riuscite a produrre nulla in termini di grandi cambiamenti. Ma il Sultano Qaboos ha rimosso diversi ministri di lunga data percepiti come corrotti, ha ampliato i poteri del Consiglio consultivo e ha promesso di creare più posti di lavoro nel settore pubblico.

Da allora, le autorità hanno continuato a bloccare giornali e riviste locali indipendenti critici nei confronti del governo, confiscare libri e molestare gli attivisti, secondo Human Rights Watch.

A Qaboos è ampiamente attribuito lo sviluppo delle riforme in Oman, è stato lui infatti a trasformare una nazione lacerata dalla guerra civile in un paese stabile, esportatore di petrolio situato strategicamente nel Golfo Persico che è stato in grado di fare la pace con i vicini.

«Non abbiamo alcun conflitto e non accendiamo il fuoco quando la nostra opinione non è d’accordo con qualcuno», aveva detto Qaboos a un quotidiano kuwaitiano in un’intervista del 2008.

Ha anche supervisionato le riforme nel Paese che hanno superato quelle di molti vicini del Golfo dell’Oman, come quella di dare alle donne il diritto di voto negli anni ’90 e consentire loro di candidarsi a cariche pubbliche.

Related posts

EMBAJADOR DE DINAMARCA EN COLOMBIA, ERIK HOEG, PRESENTó COPIAS DE CARTAS CREDENCIALES ANTE LA CANCILLER CLAUDIA BLUM

Redazione

UN CASO SOSPETTO DI CORONAVIRUS RICOVERATO AL SAN JACOPO A PISTOIA

YEMEN – ESCALATION OF VIOLENCE: MINISTER FOR THE MIDDLE EAST STATEMENT

Redazione

PROVINCIAL GROWTH FUND SUPPORTS WAIKATO YOUTH INTO CONSTRUCTIONPROVINCIAL GROWTH FUND SUPPORTS WAIKATO YOUTH INTO CONSTRUCTION TWO PROJECTS FOCUSSED ON SUPPORTING WAIKATO YOUTH INTO THE CONSTRUCTION INDUSTRY HAVE BEEN GIVEN COMBINED FUNDING OF JUST OVE

Redazione

PRESS RELEASE: FOREIGN SECRETARY MEETS FAMILY OF HARRY DUNN, 27 JANUARY 2020

Redazione

BILL C-3 – INDEPENDENT REVIEW OF THE CANADA BORDER SERVICES AGENCY

Redazione

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More