Agenparl
Image default
Home » NUOVA ZELANDA, JACINTA ARDERN NUOVAMENTE PREMIER CON IL 64 SEGGI SU 120

NUOVA ZELANDA, JACINTA ARDERN NUOVAMENTE PREMIER CON IL 64 SEGGI SU 120

NUOVA ZELANDA, JACINTA ARDERN NUOVAMENTE PREMIER CON IL 64 SEGGI SU 120

(AGENPARL) – Roma, 18 ottobre 2020 – Jacinda Ardern continuerà la sua carriera politica come primo ministro della Nuova Zelanda per un secondo mandato con il partito laburista di centrosinistra che ottiene una vittoria schiacciante nelle elezioni generali del paese che si sono tenute sabato scorso.

Secondo la commissione elettorale neozelandese, i laburisti stanno per conquistare 64 seggi, cioè più della metà dei seggi nel parlamento del paese (120 seggi).

Un’impresa mai uguagliata da nessun partito da quando la Nuova Zelanda è passata all’attuale sistema elettorale nel 1996.

«Il risultato di stasera è stato forte ed è chiaro che i laburisti guideranno il governo per i prossimi tre anni», ha detto Ardern a un grande raduno di sostenitori presso la sede del partito laburista ad Auckland.

Nel suo discorso di vittoria, il premier quarantenne ha detto che il Paese ha mostrato ai laburisti «il suo più grande sostegno in almeno 50 anni».

«Ho solo due semplici parole. Grazie».

Gli elettori sembrano aver risposto bene allo stile di leadership calmo ed empatico di Ardern che ha usato per guidare la nazione di 5 milioni attraverso molteplici crisi durante il suo primo mandato, tra cui la peggiore sparatoria di massa del paese e la pandemia di coronavirus.

In particolare, la risposta del premier alla sparatoria alla moschea di Christchurch – attraverso la quale ha abbracciato la comunità musulmana del paese e introdotto nuove e dure leggi sulle armi – ha fatto notizia a livello mondiale e l’ha vista candidata come possibile vincitrice del Premio Nobel per la pace.

Prima che la camera venisse sciolta a settembre, i laburisti avevano 46 seggi. Ed è riuscita ad ottenere la maggioranza in parlamento, in gran parte con l’aiuto del Primo Partito nazionalista e populista della Nuova Zelanda, che aveva nove seggi.

Mentre una vittoria a maggioranza assoluta per i laburisti consentirebbe al partito di governare senza un partner di coalizione, Ardern in precedenza non aveva escluso la formazione di una coalizione con il Partito dei Verdi di Aotearoa in Nuova Zelanda.

Gli ambientalisti dovrebbero conquistare 10 seggi.

È stata una notte difficile per la principale opposizione del paese, il New Zealand National Party, che dovrebbe ottenere 35 seggi, con circa il 27% dei voti.

Il dato rappresenta una notevole perdita di potere, con il partito di centrodestra che detiene 54 seggi nel precedente parlamento.

La leader del partito Judith Collins si è congratulata con Ardern per il «risultato eccezionale e ha promesso che il suo partito «riemergerà da questa perdita, un partito più forte, disciplinato e più connesso».

Collins è il terzo leader del National Party da maggio.

Nel rimescolamento politico, il vice primo ministro Winston Peters sembra improbabile che torni in parlamento dopo che il suo Primo Partito neozelandese non è riuscito a raccogliere abbastanza sostegno per rivendicare un unico seggio.

Con il sistema proporzionale a membri misti della Nuova Zelanda, ogni elettore ottiene due voti: uno per un partito politico e uno per un candidato locale. Affinché un partito possa occupare un seggio in parlamento, deve ottenere almeno il 5% dei voti del partito o vincere un seggio elettorale.

I laburisti sono tornati al potere nel 2017 per la prima volta in nove anni, dopo aver vinto le ultime elezioni generali nel settembre dello stesso anno sotto la guida di Ardern.

Sempre sabato, ai neozelandesi è stato chiesto di votare in un referendum su due questioni sociali: legalizzare l’eutanasia volontaria e la cannabis per uso ricreativo.

I risultati preliminari per i due referendum verranno pubblicati il 30 ottobre.

I risultati ufficiali delle elezioni e dei referendum saranno annunciati il 6 novembre.

Post collegati

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More