29.6 C
Rome
giovedì, Giugno 30, 2022

La Commissione europea starebbe considerando di prendere in prestito 15 miliardi di dollari (che non ha) per darli all’Ucraina

Must read

(AGENPARL) – Roma, 12 maggio 2022 – Secondo quanto riferito, la Commissione europea starebbe considerando di prendere in prestito miliardi di dollari che non ha per darli all’Ucraina.

Per sostenere l’economia in crisi dell’Ucraina, l’UE sta ora valutando la possibilità di prendere in prestito miliardi di dollari con il preciso scopo di consegnarlo alla nazione invasa.

Tale proposta – che secondo quanto riferito dovrebbe essere presentata intorno al 18 maggio – è stata criticata da un certo numero di persone all’interno del blocco, con il leader della delegazione di Alternative für Deutschland al Parlamento europeo, il dottor Nicolaus Fest, membro del Parlamento europeo, che ha detto che il piano rischiava di violare la “clausola di non debito” all’interno di un importante trattato dell’UE.

Secondo tre diplomatici che erano in contatto con  POLITICO , la Commissione europea starebbe valutando di prendere in prestito fino a 15 miliardi di dollari da consegnare all’Ucraina.

A tal fine, la commissione sembra stia pianificando di utilizzare un sistema di prestito simile che ha consentito al blocco di contrarre prestiti durante la pandemia di Coronavirus, a cui apparentemente sperano vengano aggiunti pacchetti di aiuti come Giappone e Regno Unito.

Secondo il governo ucraino e il Fondo monetario internazionale, l’Ucraina ha bisogno di 5 miliardi di euro al mese per mantenere a galla l’economia: dal pagamento di salari e pensioni alla cura degli sfollati e altri costi legati alla guerra.

Gli Stati Uniti si sono impegnati a fornire un terzo di quella somma, che lascerebbe scoperti 10 miliardi di euro.

La Commissione ha informato venerdì gli ambasciatori dell’UE su un piano per colmare tale divario, che comporterebbe l’emissione di debiti da parte della Commissione sulla base delle garanzie fornite dai paesi dell’UE. È simile al cosiddetto programma SURE utilizzato durante la pandemia per raccogliere fondi per i disoccupati di breve durata, hanno affermato i diplomatici.

All’epoca, la Commissione chiedeva 25 miliardi di euro di garanzie per raccogliere 100 miliardi di euro.

Sebbene il divario finanziario dell’Ucraina sia molto più ridotto, la Commissione non ha fornito dettagli su quanto sarebbe necessario e come sarebbe ripartito tra i paesi, hanno affermato i diplomatici.

Alcuni paesi, tra cui Germania, Austria e Grecia, hanno chiesto alla Commissione di fornire opzioni di finanziamento alternative prima di presentare il suo piano il 18 maggio. Se altri paesi non membri dell’UE, come Giappone, Regno Unito, Norvegia e altri, partecipassero, ciò sarebbe lasciare l’UE con qualche miliardo da coprire. E ciò potrebbe accadere con donazioni bilaterali, secondo loro.

“Ogni volta che c’è un problema con i soldi, [la Commissione] dice SICURO!” ha scherzato un diplomatico.

La Presidenza francese vuole portare la questione ai capi di Stato e di governo da discutere a fine maggio.

Tuttavia, un eurodeputato ha avvertito che una tale mossa potrebbe infrangere un principio centrale di uno dei trattati istitutivi dell’Unione europea e ha esortato la commissione a esplorare altre opzioni per aiutare i cittadini sia dell’Europa che dell’Ucraina.

Mentre il piano della Commissione europea di prendere in prestito denaro da consegnare all’Ucraina sarà senza dubbio controverso in Europa, l’importo che il blocco sta cercando di ottenere in prestiti impallidisce rispetto alle decine di miliardi che gli Stati Uniti stanno inviando alla nazione orientale.

I Democratici statunitensi hanno già mosso i primi passi nel processo di invio di 40 miliardi di dollari in Ucraina, approvando martedì il massiccio pacchetto di aiuti finanziari attraverso la Camera dei Rappresentanti.

La decisione arriva in un momento di rapida inflazione negli Stati Uniti, con un sondaggio della CNN che rileva che i timori che circondano l’economia sono in cima alla lista delle preoccupazioni che gli americani hanno attualmente.

Nonostante ciò, le legislature a maggioranza democratica degli Stati Uniti sembrano destinate a promuovere anche un pacchetto di spesa da 20 miliardi di dollari per i finanziamenti relativi al COVID-19.

“Penso che le nostre politiche aiutino. Non male”, ha dichiarato martedì il presidente degli Stati Uniti Joe Biden in merito ai problemi di inflazione che devono affrontare gli Stati Uniti.

“La stragrande maggioranza degli economisti pensa che questo sarà un problema davvero difficile da risolvere, ma non è a causa della spesa”, ha continuato, prima di insistere sul fatto che l’inflazione fosse la “massima priorità interna della sua amministrazione” e che avrebbe potuto “ gusto” che l’americano medio era frustrato dallo stato dell’economia.

- Advertisement -

Correlati

- Advertisement -

Ultimi articoli