(AGENPARL) – Roma, 08 aprile 2021 – I capi delle finanze del Gruppo delle 20 principali economie hanno ripreso l’impegno a “combattere il protezionismo” in un comunicato diffuso dopo il loro incontro virtuale mercoledì, un riferimento che mancava sotto l’amministrazione dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

“Riconosciamo l’importante ruolo del commercio aperto ed equo basato su regole nel ripristinare la crescita e la creazione di posti di lavoro. Ricordiamo il nostro impegno a combattere il protezionismo”, ha affermato il comunicato, riflettendo l’attenzione del presidente in carica Joe Biden sull’impegno multilaterale, in netto contrasto con quella di Trump Approccio “America First”.

I ministri delle finanze del G-20 e i governatori delle banche centrali hanno affermato il loro impegno a raggiungere un accordo su un’aliquota fiscale globale minima entro la metà del 2021 come parte delle nuove norme fiscali internazionali.

“È stato un risultato importante che il G-20 sia stato in grado di dimostrare nuovamente il nostro impegno a stipulare un accordo”, ha detto ai giornalisti il ​​ministro delle finanze giapponese Taro Aso dopo la teleconferenza.

I colloqui sono avvenuti due giorni dopo che il Segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen ha esortato le altre nazioni a stabilire un’aliquota fiscale minima globale per “porre fine alle pressioni della concorrenza fiscale e dell’erosione della base imponibile delle società”, come Biden – che si è insediato a gennaio – cerca di aumentare l’aliquota dell’imposta sulle società dal 21% al 28%.

Secondo il comunicato, le prospettive economiche globali “sono migliorate principalmente grazie al lancio di campagne di vaccinazione e al continuo sostegno politico”, dopo che lo scorso anno l’economia mondiale ha registrato una forte contrazione a causa della pandemia di coronavirus.

Tuttavia, la ripresa appare “irregolare” e “fragile”, ha detto, citando rischi al ribasso come la diffusione di nuove varianti di coronavirus e diversi ritmi di vaccinazione.

“Ci impegniamo a rimanere vigili ed evitare qualsiasi ritiro prematuro delle misure di sostegno”, afferma il comunicato, promettendo di rafforzare i sistemi sanitari e facilitare un accesso equo e rapido a vaccini sicuri, efficaci e convenienti.

I colloqui del G-20 sulle questioni fiscali globali fanno parte dei negoziati con 140 membri guidati dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico tra le critiche che i giganti digitali globali come Google LLC e Apple Inc. non stanno pagando la loro giusta quota di tasse.

I colloqui si erano bloccati da quando Trump aveva cercato una clausola di “approdo sicuro” che consentisse alle aziende di scegliere di operare secondo le attuali norme fiscali, opponendosi a prendere di mira le principali aziende tecnologiche americane.

L’aumento proposto da Biden dell’aliquota dell’imposta sulle società negli Stati Uniti fa parte del suo piano di investimenti da 2 trilioni di dollari per creare milioni di posti di lavoro e ricostruire le infrastrutture.

Poiché i paesi hanno tagliato le tasse sulle società per attirare le società multinazionali, la richiesta di Yellen ai suoi colleghi del G-20 di stabilire un’aliquota fiscale minima globale sulle società ha lo scopo di compensare gli svantaggi che possono derivare dal piano di aumento delle tasse di Biden.

Nella sessione di mercoledì, i capi delle finanze del G-20 hanno anche concordato una proroga “finale” di sei mesi alla fine di quest’anno di cancellazione del debito per le nazioni in via di sviluppo che vacillano dalla pandemia, secondo il comunicato.

Con l’estensione dell’iniziativa per la sospensione del servizio del debito fino a dicembre, le nazioni del G-20 mirano a mantenere il loro sostegno ai paesi in via di sviluppo che combattono la pandemia.

L’iniziativa è stata lanciata nel maggio 2020 dal G-20 e dal Club di Parigi delle nazioni creditrici tradizionali con una scadenza fissata per la fine dell’anno ma è stata successivamente prorogata di sei mesi a giugno di quest’anno.

Alcuni membri del G-20, in particolare il Gruppo dei sette paesi industrializzati, hanno voluto che lo schema fosse attuato in modo trasparente, poiché si dice che la Cina, un membro del G-20 e il più grande creditore ufficiale del mondo, abbia ricevuto pagamenti preferenzialmente in violazione di accordi internazionali.

L’incontro online si è tenuto a margine delle riunioni virtuali primaverili della Banca mondiale e del Fondo monetario internazionale.

Il G-20 raggruppa Argentina, Australia, Brasile, Gran Bretagna, Canada, Cina, Francia, Germania, India, Indonesia, Italia, Giappone, Messico, Russia, Arabia Saudita, Sud Africa, Corea del Sud, Turchia, Stati Uniti ed Europa Unione.