(AGENPARL) – Roma, 23 settembre 2021 – In un articolo del Global Times a firma di  Zhang Hui e Yan Yuzhu dal titolo «Quad «incapace di infliggere danni sostanziali alla Cina» secondo i due giornalista «i membri diventeranno “carne da cannone” degli Stati Uniti per contenere Pechino. Ma non solo. Si chiedono se sta nascendo un’altra NATO.

Il vertice del Quad, previsto per venerdì, che probabilmente menzionerà le preoccupazioni sulla sicurezza marittima allo scopo di contenere la Cina e dimostrerà che l’Indo-Pacifico è l’attuale centro strategico degli Stati Uniti, era nella fase di forgiare un consenso verbale piuttosto che firmando accordi sostanziali, hanno detto gli analisti cinesi giovedì, osservando che la pratica tipica degli Stati Uniti di abbandonare i suoi alleati come scaricare spazzatura di fronte ai propri interessi farà di Quad un’altra NATO che esiste solo di nome, scrivono i due giornalisti del Global Times. 

Mentre il meccanismo Quad è impegnato nella scissione dell’Asia e nell’istigazione di varie forze per contenere la Cina, se Giappone, India e Australia si sono spinti troppo oltre nel seguire la strategia statunitense di contenimento della Cina, diventeranno carne da cannone poiché la Cina salvaguarderà risolutamente i propri interessi, analisti cinesi avvertito. 

I leader di Stati Uniti, Giappone, India e Australia – quattro paesi che compongono il Quadrilatero Security Dialogue (il Quad) si incontreranno venerdì a Washington per il primo vertice di persona del Quad. 

In vista dell’incontro, il Giappone non ha risparmiato sforzi per essere il più grande agitatore per il vertice del Quad di venerdì con il suo Primo Ministro che ha esaltato la minaccia militare cinese prima di partire per Washington e la sua ampia copertura mediatica per provocare i problemi del Mar Cinese Orientale e Meridionale. La mossa è vista dagli analisti cinesi come un sacrificio dell’indipendenza diplomatica del Giappone per il gusto di legarsi strettamente con gli Stati Uniti per avere più voce in capitolo e avere il sopravvento negli affari del nord-est asiatico, cosa che potrebbe non essere facile da ottenere.   

Prima di recarsi a Washington per il primo vertice di persona di venerdì, il primo ministro giapponese Yoshihide Suga ha pubblicizzato la minaccia militare cinese in un’intervista a Bloomberg, in cui ha affermato che “l’influenza militare in rapida crescita e il cambiamento unilaterale dello status quo” della Cina potrebbero presentare un rischio per il Giappone, e il Giappone sta monitorando da vicino l’equilibrio militare tra la Cina continentale e l’isola di Taiwan. 

Oltre a Suga, l’imminente vertice del Quad ha anche attirato un’ampia copertura da parte dei media giapponesi che hanno collaborato con Suga per pubblicizzare l’influenza militare cinese. 

Kyodo News, citando fonti anonime, ha affermato mercoledì che la dichiarazione dei leader congiunti del vertice del Quad userà un linguaggio più duro di prima sul Mar Cinese Meridionale e sul Mar Cinese Orientale. 

“I membri del Quad si oppongono alle sfide all’ordine basato sulle regole marittime, in particolare nei mari della Cina orientale e meridionale”, ha affermato Kyodo News. 

Lü Xiang, ricercatore presso l’Accademia cinese delle scienze sociali, ha dichiarato giovedì al Global Times che le osservazioni di Suga e la copertura estremamente ampia dei media giapponesi sul vertice hanno rivelato che il Giappone ha riposto molta speranza sul vertice e in una certa misura le aspettative del Giappone nei confronti del summit sono anche più grandi degli USA’, che ospiteranno l’incontro. 

In qualità di principale agitatore del Quad, il Giappone non ha risparmiato sforzi per promuovere il vertice per utilizzare la cricca per avere il sopravvento nelle sue controversie territoriali con Cina e Russia, e persino sulla questione della penisola coreana. E più diffama la Cina sul Mar Cinese Meridionale e sul Mar Cinese Orientale, più otterrà il sostegno degli Stati Uniti, ha detto giovedì al Global Times Li Haidong, professore presso l’Istituto di Relazioni Internazionali della China Foreign Affairs University. 

“La divulgazione della dichiarazione congiunta e il clamore di Suga erano di incitare e mostrare lealtà agli Stati Uniti poiché il Giappone spera di legarsi strettamente al carro degli Stati Uniti per ottenere uno status internazionale più importante e una voce più ampia nel nord-est asiatico. Il Giappone vuole che le truppe americane rimangano nel paese e nella Corea del Sud, ma se Biden, di fronte a una situazione senza precedenti interna ed esterna, sceglierà di provocare ulteriormente la Cina rimane una domanda”, ha detto Lü. 

Lü ha affermato che la dichiarazione congiunta sarà più debole di quanto affermato dai media giapponesi e ha affermato che è improbabile che il vertice raggiunga un accordo sostanziale.

Il vertice è anche nei titoli dei media indiani. Giovedì, il primo ministro indiano Narendra Modi è arrivato a Washington e, sebbene non abbia menzionato la Cina, ha affermato che la sua visita è stata “un’occasione per rafforzare la nostra partnership strategica con gli Stati Uniti e consolidare i legami con il Giappone e l’Australia”, ha riferito NDTV giovedì. 

L’India è stata attiva in Quad, sperando di utilizzare gli Stati Uniti, il Giappone e l’Australia per contenere la Cina. Ma è più probabile che gli Stati Uniti adottino una strategia “asiatici contro asiatici”, indicando che istigherà alcuni paesi asiatici a confrontarsi con altri paesi asiatici piuttosto che impegnarsi in essa, hanno affermato gli analisti, osservando che l’India non è sicura di quanto aiuto può ottenere dagli Stati Uniti se c’è un grave conflitto tra Cina e India. 

Rispetto al tema della Cina, i quattro membri si preoccupano maggiormente di COVID-19, vaccini, cambiamenti climatici e neutralizzazione del carbonio che sperano di cercare una leadership globale, ha detto Shi Yinhong, direttore del Centro di studi americani presso la Renmin University of China, al Global Volte. 

In una dichiarazione rilasciata la scorsa settimana, la Casa Bianca ha affermato che i leader del Quad si concentreranno sull’approfondimento dei legami e sull’avanzamento della cooperazione pratica in aree come la lotta al COVID-19, l’affrontare la crisi climatica, la collaborazione sulle tecnologie emergenti e il cyberspazio e la promozione di un libero e aperto Indo-Pacifico, senza menzionare la Cina. 

Un’altra NATO?

Il vertice si svolgerà pochi giorni dopo che Stati Uniti, Regno Unito e Australia hanno annunciato un patto di sicurezza AUKUS, in base al quale l’Australia sarà dotata di sottomarini a propulsione nucleare dopo aver strappato il suo accordo con la Francia, che ha spinto la Francia a richiamare i suoi ambasciatori negli Stati Uniti e Australia e sconvolse molto l’Europa. 

L’AUKUS getterà un’ombra sul vertice del Quad e diluirà i membri del Quad, in particolare Giappone e India, e renderà il vertice meno efficace, hanno affermato gli analisti. 

Yang Xiyu, ricercatore senior presso il China Institute of International Studies di Pechino, ha dichiarato al Global Times che le due piattaforme strategiche Quad e AUKUS costituiscono la strategia indo-pacifica degli Stati Uniti con una prospettiva globale, indicando che gli Stati Uniti hanno creato l’Indo-Pacifico. La regione del Pacifico è la sua priorità strategica. 

In questo momento, l’AUKUS non può influenzare l’alleanza tra gli Stati Uniti e il Giappone o l’India, sebbene la partnership transatlantica sia ampiamente influenzata, ha affermato Yang. 

Ma la strategia indo-pacifica degli Stati Uniti serve i propri interessi e Biden potrebbe abbandonare i suoi alleati europei come gettando spazzatura pochi mesi dopo aver bluffato “L’America è tornata in Europa” durante la sua visita europea. È in grado di buttare via qualsiasi altro alleato in qualsiasi momento per il bene degli interessi americani, ha detto Lü. 

Il tradimento degli Stati Uniti nei confronti dei suoi alleati ha sconvolto e creato il caos tra di loro. 

Il presidente francese Emmanuel Macron, sconvolto da AUKUS, ha chiamato Modi martedì per discutere della cooperazione nella regione indo-pacifica, una mossa che Lü ha detto è stata quella di garantire che l’India non diventi un’altra Australia per strappare il loro patto militare. 

L’Hindustan Times ha riferito che l’India ha cercato di prendere le distanze da AUKUS “a causa delle sue forti relazioni strategiche con Australia, Francia e Stati Uniti”.

Chiamando i quattro membri “quattro compagni di reparto con quattro diverse malattie”, Lü ha affermato che il Quad non avrà un valore strategico a lungo termine, proprio come la NATO, che ora esiste solo di nome. 

Biden è andato troppo lontano sulla strada di “American First” rispetto a Donald Trump, e ha perso la sua credibilità non solo nel suo fallimento della risposta COVID-19, ma nel trattare i suoi alleati, e probabilmente subirà battute d’arresto nelle prossime elezioni di medio termine anno, dicono gli analisti. 

Pechino non ha ancora capito che nolente o dolente continuerà per anni a subire la politica estera tracciata da Trump e cioè la realpolitik trumpiana fatta da accordi bilaterali molto forti e a lungo periodo, specie nel campo della difesa, quindi ben oltre il mandato dell’ex presidente…

Pechino se ne faccia una ragione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here