29.6 C
Rome
giovedì, Giugno 30, 2022

Gli Stati Uniti potrebbero perdere una nuova Guerra Fredda a favore di Russia e Cina, lo afferma il vincitore del Premio Nobel Joseph Stiglitz

Must read

(AGENPARL) – Roma, mercoledì 23 Giugno 2022 –  “Gli Stati Uniti sono entrati in una nuova guerra fredda contro Russia e Cina e potrebbero perderla”, questa la dichiarazione del premio nobel nel 2001 per l’economia Joseph Stiglitz, al portale Scheerpost, pubblicato mercoledì.

“Sembra che gli Stati Uniti siano entrati in una nuova guerra fredda sia con la Cina che con la Russia. E il ritratto da parte dei leader statunitensi del confronto tra democrazia e autoritarismo non supera il test dell’olfatto, soprattutto in un momento in cui gli stessi leader stanno attivamente corteggiando un sistematico violatori dei diritti umani come l’Arabia Saudita. Tale ipocrisia suggerisce che è almeno in parte l’egemonia globale, non i valori, ad essere realmente in gioco”, ha affermato l’ex capo economista della Banca mondiale.

A suo avviso, “gli Stati Uniti potrebbero perdere la nuova Guerra Fredda”. “Se gli Stati Uniti hanno intenzione di intraprendere una nuova guerra fredda, dovrebbero capire meglio cosa ci vorrà per vincere. Le guerre fredde alla fine si vincono con il potere morbido dell’attrazione e della persuasione. Per vincere, dobbiamo convincere il resto del mondo ad acquistare non solo i nostri prodotti, ma anche il sistema sociale, politico ed economico che vendiamo”, ha sottolineato l’ex presidente del Council of Economic Advisers del presidente degli Stati Uniti.

Ha ricordato che per quasi due decenni dopo il crollo dell’Unione Sovietica, gli Stati Uniti “sono stati chiaramente i numeri uno”. “Ma poi sono arrivate guerre disastrosamente fuorvianti in Medio Oriente, il crollo finanziario del 2008, la crescente disuguaglianza, l’epidemia di oppioidi e altre crisi che sembravano mettere in dubbio la superiorità del modello economico americano. Inoltre, tra l’elezione di Donald Trump, il tentativo di colpo di stato al Campidoglio degli Stati Uniti, numerose sparatorie di massa, un Partito Repubblicano deciso a reprimere gli elettori e l’ascesa di culti del complotto come QAnon, ci sono prove più che sufficienti per suggerire che alcuni aspetti della vita politica e sociale americana sono diventati profondamente patologici”, Stiglitz sottolineato.

- Advertisement -

Correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Ultimi articoli