(AGENPARL) – Roma, 13 gennaio 2022 – La crisi del gas naturale in Europa non si ferma. Le riserve sono basse. I prezzi sono alti. I clienti dei servizi pubblici vengono colpiti da bollette più alte. Il principale fornitore russo Gazprom non vende gas come una volta.

Tutta la situazione pone delle domande: in che modo esattamente l’Europa, che importa la maggior parte della sua energia, supererà l’inverno senza un disastro quasi preannunciato del gas, soprattutto che succederà se la stagione invernale si rivela più fredda o più lunga del solito?

Ecco come l’Unione Europea, abitata da 447 milioni di persone, cercherà di affrontare la crisi:

I servizi pubblici si rivolgono al gas immagazzinato nei depositi sotterranei per gestire un’improvvisa richiesta aggiuntiva di gas per il riscaldamento o l’elettricità.

Ma l’Europa ha iniziato il 2021 con lo stoccaggio del gas pieno solo al 56%, rispetto al 73% dell’anno precedente. Le ragioni sono diverse: il freddo dello scorso inverno, la mancanza di consegne russe sul mercato e la forte domanda in Asia di gas naturale liquido che arriva via nave.

L’associazione europea degli operatori di gasdotti afferma che il freddo significherebbe la necessità di importare dal 5% al ​​10% in più di gas rispetto ai volumi massimi osservati negli ultimi anni per evitare il rischio di interruzioni.

Di conseguenza, i prezzi del gas sono aumentati vertiginosamente: il prezzo di riferimento in Europa è di circa 80 euro per megawattora, più di quattro volte il livello di 19 euro all’inizio del 2021 e da un minimo di 4 euro nel 2020. Quello shock sui prezzi si sta diffondendo nelle bollette, allarmando consumatori e politici.

Gli analisti di Rystad Energy hanno utilizzato i dati di localizzazione delle navi il mese scorso per osservare 11 petroliere che trasportano gas naturale liquido, o GNL, in Asia fare inversioni a U nel mezzo dell’oceano per trarre vantaggio da redditizie vendite in Europa. Con i prezzi così alti, i commercianti sono stati tentati di dirottare i carichi verso l’Europa anche se hanno dovuto offrire il 100% del prezzo come compensazione, hanno affermato gli analisti della società di dati Energy Intelligence.

“Non direi che il GNL è sufficiente al 100%, ma giocherà un ruolo molto importante” nella soluzione energetica europea, ha affermato Xi Nan, responsabile dei mercati del gas naturale liquido di Rystad. Ma ha avvertito: “A seconda di quanto l’Europa è disposta a pagare”.

Gazprom, di proprietà statale, ha venduto meno gas a breve termine attraverso i suoi gasdotti che attraversano Polonia e Ucraina e non ha riempito tanto del suo stoccaggio europeo come fa normalmente, anche se sembra soddisfare i suoi contratti a lungo termine. Gli analisti ritengono che la Russia stia sottolineando il suo desiderio che l’Europa approvi il gasdotto Nord Stream 2 verso la Germania che bypassa Polonia e Ucraina. Ci sono anche crescenti tensioni con l’Europa per il dispiegamento di truppe russe vicino al confine con l’Ucraina.

Man mano che i depositi di stoccaggio si esauriscono verso la fine dell’inverno, la pressione diminuisce e il gas fuoriesce più lentamente. Ciò significa che le riserve potrebbero non scendere completamente a zero, ma potrebbero fornire gas troppo lentamente per soddisfare un improvviso aumento della domanda.

I governi europei stanno offrendo sussidi in denaro ai consumatori per attutire il colpo. La Svezia è diventata l’ultimo Paese ad annunciare 6 miliardi di corone (661 milioni di dollari) per aiutare le famiglie più colpite dall’aumento dei prezzi dell’elettricità.

Il paese dell’Asia centrale, ricco di risorse, fornisce petrolio all’UE, ma non gas, e il flusso di petrolio non è stato influenzato dalle violente proteste iniziate per l’impennata dei prezzi del carburante, ma che si sono rapidamente diffuse, riflettendo un più ampio malcontento sul governo autoritario del Kazakistan.

Una ondata di freddo di fine inverno nel 2018 ha fatto salire alle stelle i prezzi dell’energia. La Gran Bretagna ha avvertito che alcuni usi industriali dell’elettricità alimentata a gas naturale potrebbero subire interruzioni. Non si è arrivati ​​a questo, ma nessuno vuole vedere quello scenario. Né una ripetizione dell’interruzione del gennaio 2009, quando una disputa sui prezzi tra Gazprom e l’Ucraina ha portato a una chiusura di due settimane nell’Europa sudorientale. Ha interrotto il riscaldamento del gas a 70.000 appartamenti a Sarajevo, la capitale della Bosnia-Erzegovina, costringendo le persone a stare con i parenti e svuotando i depositi di stufe a legna per riscaldarsi.

La legislazione dell’UE richiede ai paesi di aiutarsi a vicenda in caso di carenza di gas. I governi possono dichiarare un’emergenza gas e chiudere l’utenza industriale per aiutare le famiglie, danneggiando l’economia ma evitando un disastro umanitario e politico.

In teoria, possono richiedere l’un l’altro forniture di gas transfrontaliere. Negli ultimi anni, l’Europa ha costruito reti di gasdotti più reversibili ma non sufficienti a coprire l’intero continente, lasciando alcuni paesi più esposti di altri.

Eppure il sistema non è mai stato testato e ci sono domande su come i paesi sarebbero disposti a condividere il gas in una crisi.

La Commissione europea sta lavorando alla revisione delle regole per includere gli acquisti congiunti di gas, ma su base volontaria.

Le scarse consegne di gas naturale dalla Russia sembrano aver irrigidito artificialmente il mercato europeo del gas, ha affermato giovedì il direttore esecutivo dell’Agenzia internazionale per l’energia Fatih Birol , aggiungendo che i sistemi energetici “affrontano rischi significativi” facendo troppo affidamento sul fornitore per una fonte energetica chiave.

“Vediamo forti elementi di ‘rigidità artificiale’ nei mercati del gas europei, che sembrano essere dovuti al comportamento del fornitore di gas controllato dallo stato russo”, ha scritto Birol in un post su LinkedIn.

A differenza di altri fornitori di gasdotti verso l’Europa, tra cui Algeria, Azerbaigian e Norvegia, la Russia ha effettivamente tagliato le sue esportazioni verso l’Europa del 25% nell’ultimo trimestre del 2021 rispetto allo stesso periodo del 2020 e del 22% rispetto al quarto trimestre del 2019, Ha aggiunto.

“E questo nonostante i prezzi di mercato eccezionalmente alti del gas naturale che abbiamo visto negli ultimi mesi”, ha scritto Birol.

Secondo le stime dell’AIE, la Russia potrebbe aumentare le sue forniture di gas all’Europa di almeno un terzo, ovvero oltre 3 miliardi di metri cubi al mese, che rappresenterebbero quasi il 10 per cento del consumo medio mensile di gas dell’Unione Europea.

“Secondo me, la situazione odierna sottolinea il fatto che i sistemi energetici corrono rischi significativi se fanno troppo affidamento su un fornitore per un elemento chiave. Oggi è gas naturale; domani potrebbe essere qualcos’altro, come il litio. Questo è il motivo per cui sto esortando i governi ad agire ora per affrontare le sfide della sicurezza energetica di oggi e quelle del futuro”, ha scritto Birol.

Nel frattempo, la Commissaria europea per la concorrenza, Margrethe Vestager, ha dichiarato giovedì di “attendere con impazienza” la risposta di Gazprom alle domande dell’UE sulle consegne insufficienti.

La bassa offerta russa e il freddo sono stati i due principali fattori trainanti dell’aumento dei prezzi del gas in Europa nelle ultime settimane, quando le consegne della Russia attraverso la Polonia e l’Ucraina sono state inferiori rispetto al passato.

E’ di oggi la dichiarazione dell’alto rappresentante dell’UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Josep Borrell, che ha ricordato che il gasdotto è in attesa dell’approvazione delle autorità di regolamentazione tedesche ed europee. «Nord Stream 2 è un progetto privato, la Commissione Europea e l’UE non possono vietarlo a titolo definitivo se è costruito secondo gli standard europei, la cui conclusione deve essere data dai regolatori». Lo ha affermato giovedì l’alto rappresentante dell’UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza Josep Borrell in una conferenza stampa online a seguito di un incontro con il ministro delle Forze armate francese Florence Parly. Allo stesso tempo, ha sottolineato che «è impossibile immaginare» che il progetto verrà lanciato in caso di escalation della situazione militare in Ucraina.

Il Nord Stream 2 è terminato ed è in attesa dell’approvazione delle autorità di regolamentazione – tedesche ed europee – che determineranno se questo progetto infrastrutturale può funzionare all’interno del sistema di approvvigionamento di gas dell’UE, ha affermato Borrell. «Le istituzioni dell’UE non possono vietare la costruzione di infrastrutture secondo le regole».

«Certo, è collegato alla situazione militare in Ucraina, questo è ovvio. Non si può presumere che ci stiamo preparando a imporre sanzioni da un lato in caso di aggressione e, dall’altro, apriremo le infrastrutture. Ma se tutto va bene, ci sarà una de-escalation e non succederà nulla, quindi questo problema è solo nelle mani dei regolatori», ha detto Borrell.

«L’Unione Europea ha prorogato di sei mesi le sanzioni economiche settoriali contro la Russia», introdotte nel luglio 2014 «per azioni che minano la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina». Lo afferma in una dichiarazione rilasciata giovedì dal Consiglio dell’UE.

«Il Consiglio ha deciso di prorogare di 6 mesi, fino al 31 luglio 2022, le misure proibitive rivolte a settori specifici dell’economia russa», si legge nella nota.

Una situazione che dovrà essere risolta quanto prima onde evitare tensioni e non solo sociali.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here