(AGENPARL) – Roma, 26 febbraio 2020 – I prezzi del petrolio sono scesi nuovamente durante le prime negoziazioni ieri, a seguito di un tracollo il giorno prima. La diffusione del coronavirus in molti altri paesi ha riacceso i timori di un rallentamento economico globale, mentre l’OPEC e la Russia sembrano poco inclini ad aumentare i tagli alla produzione.

L’EIA (Energy Information Administration) ha affermato che le sue previsioni sulla domanda di petrolio sono al minimo da un decennio e potrebbero ulteriormente ridursi.

Stiamo assistendo alla più bassa crescita della domanda di petrolio negli ultimi 10 anni e potremmo aver bisogno di rivederla  al ribasso.

Lunedì gli scambi delle principali borse mondiali sono calati a causa dei timori per la diffusione del coronavirus, con nuovi casi che si diffondono oltre i confini della Cina. Il Dow Jones è crollato di oltre 900 punti e il prezzo del petrolio è crollato di quasi il 5%.

Uno degli sviluppi più preoccupanti è che “le infezioni che stanno emergendo nelle persone che non hanno viaggiato in Cina o che entrano in contatto con casi confermati mostrano che non è chiaro come si stia diffondendo il virus”, ha affermato Margaret Harris, portavoce dell’Organizzazione mondiale della sanità. “Stiamo vedendo alcuni casi che non hanno un chiaro legame epidemiologico”.

I ministri delle finanze del G20 hanno riconosciuto la minaccia per l’economia globale mentre si sono riuniti a Riyadh questa settimana.

L’FMI ha ridotto le sue previsioni di crescita per la Cina dal 6 percento al 5,6 percento.

Il Fondo ha ridotto la sua stima di crescita del PIL globale dello 0,1 percento, ma ha affermato che l’impatto potrebbe essere molto maggiore se il coronavirus si diffonde o dura più a lungo.

La domanda di petrolio della Cina ha già subito un duro colpo, quindi la prospettiva che anche altri paesi possano iniziare ad attuare varie forme di blocco solleva ancora più domande sul futuro della domanda.

La situazione economica attuale caratterizzata da una forte perturbazione non è da sottovalutare, in quanto un prolungamento o nuovi focolai potrebbero innescare un forte calo delle attività commerciali in tutto il mondo di proporzioni che il pianeta non ha mai affrontato prima.

Tuttavia, anche se tutti continuano a pensare che l’epidemia da Coronavirus si risolva abbastanza rapidamente, vi sono alcuni dati che dimostrerebbero il contrario, vista la diffusione del virus in Italia e Corea, quindi la crisi potrebbe continuare a peggiorare.