Agenparl
Image default

CORONAVIRUS: LA CINA BLOCCA 1,7 MILIONI DI PERSONE A PECHINO

Coronavirus: La Cina blocca 1,7 milioni di persone a Pechino

(AGENPARL) – Roma, 21 gennaio 2021 – Le autorità cinesi hanno bloccato 1,7 milioni di persone a Pechino martedì, mentre i funzionari della sanità si sono dati da fare per contenere la diffusione di una nuova rinascita del coronavirus cinese in tutta la Cina settentrionale, che ora minaccia la capitale della nazione.

“Il distretto di Daxing nel sud di Pechino … è stato isolato dal resto del paese dopo che sei infezioni sono state trovate lì. Il numero totale di casi a Pechino è di 15”, ha riferito Bloomberg News il 19 gennaio. Pechino ospita oltre 20 milioni di persone e funge da centro politico della Cina.
“Agli abitanti di cinque complessi residenziali di Daxing è stato vietato di lasciare le loro case a partire da mercoledì [20 gennaio]”, ha riferito Bloomberg, citando i funzionari del governo locale. A tutti gli studenti dell’asilo, delle elementari e delle medie del distretto è stato ordinato di studiare a casa. I raduni di 50 o più persone sono ora vietati a Daxing, mentre “i matrimoni dovrebbero essere rinviati e i funerali semplificati”, ha detto il governo del distretto, secondo l’Agence France-Presse.

Il governo di Daxing ha proibito a tutti gli 1,7 milioni di residenti del distretto, che c’è il nuovo aeroporto internazionale di Pechino, di lasciare la capitale nazionale “a meno che non abbiano ricevuto un permesso speciale dalle autorità” e siano risultati negativi al coronavirus cinese negli ultimi tre giorni, hanno detto i funzionari. La società che ha in gestione la metropolitana di Pechino ha chiuso la stazione della metropolitana di Tiangong Yuan a Daxing, presumibilmente situata vicino alle residenze dei sei pazienti affetti da coronavirus del distretto.

L’epidemia di coronavirus di Pechino fa parte di una maggiore recrudescenza del virus che ha spazzato la Cina dall’inizio di gennaio, colpendo la provincia di Hebei, che circonda Pechino, diverse province del nord-est e Hong Kong. Nella provincia dello Shanxi, situata a ovest dell’Hebei, la città di Jinzhong ha annunciato l’11 gennaio “severi controlli sui raduni”, “con matrimoni, funerali, cerimonie pubbliche, spettacoli e altri eventi vietati dopo aver registrato due casi asintomatici [di coronavirus], entrambi provenienti dall’Hebei”.

Le autorità sanitarie cinesi hanno rilevato almeno 1.000 nuove infezioni da coronavirus cinesi in tutto il paese dall’inizio del nuovo anno, secondo Bloomberg News di martedì. La nuova ondata di casi è emersa il 5 gennaio, pochi giorni dopo che la città centrale di Wuhan ha ospitato una festa di Capodanno all’aperto a cui hanno partecipato migliaia di persone. I media statali cinesi hanno salutato il raduno di massa della città come un trionfo e come una presunta prova che le autorità di Wuhan hanno eliminato con successo l’epidemia di coronavirus della comunità, emerso alla fine del 2019. L’epidemia di coronavirus di Wuhan si è diffusa in tutta la Cina e ha fatto precipitare la pandemia di coronavirus cinese in corso a livello mondiale.

La settimana scorsa la Commissione sanitaria nazionale cinese ha affermato che la maggior parte delle nuove infezioni da coronavirus nel nord della Cina sono “importate”.

“Sono tutte importate dall’estero”. È stata causata dal personale di ingresso o da merci importate dalla catena del freddo contaminate”, ha detto l’ente sanitario in un comunicato.

“I casi di cluster familiare a Daxing hanno dato l’allarme che la situazione epidemica è dura e complessa”, ha detto Xu Hejian, un portavoce del governo municipale di Pechino, ai giornalisti il 19 gennaio.

“Non possiamo allentare la presa sulla prevenzione dei casi importati e di un rimbalzo interno”, ha aggiunto.

Il Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) ha affermato martedì che i presunti nuovi ceppi del coronavirus cinese hanno reso particolarmente difficile per i funzionari contenere l’ultima epidemia.

“Con i virus mutati che si diffondono più facilmente, il lavoro anti-epidemico diventa più difficile”, ha detto il CDC di Pechino.

Post collegati

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More