Agenparl
Image default
Home » CORONAVIRUS, IL NATIONAL PEOPLE’S CONGRESS (NPC) NON FISSA OBIETTIVI DI CRESCITA ECONOMICA A CAUSA DELL’INCERTEZZA DELLA RIPRESA DELLA PANDEMIA

CORONAVIRUS, IL NATIONAL PEOPLE’S CONGRESS (NPC) NON FISSA OBIETTIVI DI CRESCITA ECONOMICA A CAUSA DELL’INCERTEZZA DELLA RIPRESA DELLA PANDEMIA

(AGENPARL) – Roma, 22 maggio 2020 – Venerdì i prezzi del petrolio sono scesi di oltre il 6 per cento, dopo che la riunione più importante della Cina non ha fissato un obiettivo di crescita economica annuale a causa della «grande incertezza» della possibile ripresa dal coronavirus.

Le quotazioni del WTI sono in calo del 66,66 a 31,66 dollari al barile mentre quelle del Brent sono in ribasso del 54,44 per cento a 34,1 dollari al barile.

Il National People’s Congress (NPC) della Cina, il più importante evento annuale per definizione delle politiche del paese comunista, è iniziato venerdì e gli analisti si aspettavano di vedere gli obiettivi di crescita economica per il 2020 e il pacchetto di stimoli a sostegno dell’economia in alcuni settori quali infrastrutture e ferrovie e quelli ad alta intensità di prodotti.

Inoltre, gli analisti si aspettavano che il sostegno del governo potesse riguardare la domanda cinese di petrolio greggio, carburanti e altre materie prime.

Abbandonando l’obiettivo di crescita del PIL per quest’anno a causa della forte incertezza, la Cina «lavorerà per garantire il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo di vincere la battaglia contro la povertà e completare la costruzione di una società moderatamente prospera sotto tutti gli aspetti quest’anno, sebbene non stabilisca obiettivi di crescita economica specifici per il 2020, secondo un rapporto di lavoro del governo presentato alla legislatura per la deliberazione di venerdì». In poche parole la Cina ha sollevato i timori di una ripresa della domanda economica e petrolifera più lenta del previsto.

«La Cina ridurrà significativamente il suo elenco negativo per gli investimenti esteri, mentre un elenco negativo verrà redatto anche per gli scambi transfrontalieri di servizi», afferma il rapporto consegnato dal premier Li Keqiang nella riunione di apertura della sessione legislativa nazionale annuale.

«Saranno stabilite nuove zone pilota di libero scambio e aree integrate integrate nelle regioni centrali e occidentali del paese, afferma il rapporto. La Cina si concentrerà sulla qualità nel perseguimento congiunto dell’Iniziativa Belt and Road, salvaguarderà saldamente il regime commerciale multilaterale e parteciperà attivamente alla riforma dell’Organizzazione mondiale del commercio», ha affermato il rapporto.

«Le relazioni Cina-USA sono ora in un momento critico ed è fondamentale per entrambe le parti insistere sul non conflitto, il non confronto, il rispetto reciproco e la cooperazione vincente», ha detto un portavoce della sessione annuale della legislatura nazionale cinese.

Zhang Yesui, il portavoce della terza sessione del 13 ° Congresso Nazionale del Popolo, ha fatto le osservazioni in una conferenza stampa.

«La Cina e gli Stati Uniti condividono ampi interessi comuni», ha affermato Zhang, sottolineando che «la cooperazione è l’unica scelta giusta per entrambe le parti poiché la storia ha chiarito abbondantemente che entrambi i paesi trarranno vantaggio dalla cooperazione e perderanno dallo scontro».

«Aiuterà entrambi i paesi a lavorare insieme in modo reciprocamente vantaggioso, sia nelle aree bilaterali che su questioni regionali e globali, se gli Stati Uniti potessero rispettare il sistema sociale e il percorso di sviluppo della Cina, mettere in prospettiva lo sviluppo della Cina e le sue intenzioni strategiche in modo razionale e interagire con la Cina in modo costruttivo», ha osservato Zhang.

«Non servirà gli interessi di nessuno se la parte americana si attacca alla sua radicata mentalità della Guerra fredda e alla strategia di contenimento nei confronti della Cina, e mina il core e gli interessi principali della Cina», ha detto.

«Non desideriamo creare problemi, ma se arrivano problemi, non rifuggiremo», ha detto Zhang. «La Cina salvaguarderà sempre risolutamente la propria sovranità, sicurezza e interessi di sviluppo».

«Il compito più urgente ora è mettere insieme la lotta contro COVID-19 e la ricerca di una ripresa economica», ha detto Zhang, esprimendo la speranza che gli Stati Uniti possano lavorare con la Cina per raggiungere lo stesso obiettivo.

«Le due parti dovrebbero attuare congiuntamente il consenso raggiunto dai capi di stato dei due paesi in più occasioni, attenersi al principio di costruzione di relazioni bilaterali con coordinamento, cooperazione e stabilità, rafforzare la fiducia reciproca, espandere la cooperazione e gestire adeguatamente le differenze in modo da andare avanti le relazioni bilaterali sulla strada giusta», ha detto Zhang.

Pechino ha inoltre affermato che prevede di imporre una nuova legge sulla sicurezza nazionale per Hong Kong, e ciò ha suscitato una reazione da parte del presidente americano Donald Trump. Il presidente Trump ha detto giovedì che se la Cina imponesse una nuova legge sulla sicurezza nell’ex colonia britannica, gli Stati Uniti «affronteranno questa questione molto fortemente».

La mancanza di orientamento del PIL cinese e la rinnovata retorica tra Stati Uniti e Cina hanno depresso i mercati azionari globali, i futures Dow e i prezzi del petrolio all’inizio di venerdì.

Nonostante il crollo dei prezzi all’inizio di venerdì, il petrolio è destinato a terminare una la quarta settimana consecutiva di guadagni settimanali poiché i tagli alla produzione globale dall’OPEC + e dal Nord America e il lento recupero della domanda di petrolio con rallentamenti bloccati danno speranza agli investitori e ai trader che il peggio della recessione potrebbe essere dietro di noi.

Post collegati

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More