Agenparl
Image default
Home » CORONAVIRUS, ABE SHINZO DICHIARA FINITO LO STATO DI EMERGENZA IN GIAPPONE DOPO 45 GIORNI

CORONAVIRUS, ABE SHINZO DICHIARA FINITO LO STATO DI EMERGENZA IN GIAPPONE DOPO 45 GIORNI

(AGENPARL) – Roma, 25 maggio 2020 – Il primo ministro giapponese, Shinzo Abe, ha annunciato lunedì che lo stato di emergenza dichiarato per la crisi del coronavirus è finito in Giappone, ponendo la parola fine ai rallentamenti dell’attività economica a Tokyo e in altre quattro prefetture, mentre gli esperti giudicano che la diffusione delle infezioni è ora sotto controllo.

Abe ha revocato lo stato di emergenza in atto da aprile per l’area metropolitana di Tokyo, comprese le prefetture di Chiba, Kanagawa e Saitama, insieme all’Hokkaido nel nord del Giappone, circa una settimana prima della fine prevista. Ma ha avvertito che una re imposizione del blocco è possibile se le infezioni aumentano.

Con l’eliminazione delle restrizioni imposte dallo stato di emergenza, l’economia giapponese colpita dalla recessione dovrebbe ancora riguadagnare vigore, sebbene a un ritmo graduale. Le cinque prefetture rappresentano circa un terzo del prodotto interno lordo del paese.

«Ho deciso di porre fine allo stato di emergenza in tutta la nazione», ha detto Abe in una conferenza stampa televisiva. «In poco più di un mese e mezzo, abbiamo quasi portato sotto controllo (l’infezione da Coronavirus) la situazione.»

«La revoca dell’emergenza non significa che il virus sia scomparso o che le infezioni siano a zero. La nostra battaglia contro il virus continuerà», ha detto Abe mentre gli esperti sanitari chiedono una continua vigilanza contro una seconda o terza ondata di infezioni.

Un comitato consultivo ha dato il via libera al piano del governo per porre fine all’emergenza all’inizio della giornata dopo aver esaminato il numero di casi segnalati di recente nella scorsa settimana, la disponibilità di risorse mediche e la capacità di fornire test antivirus e monitorare la diffusione del virus.

Abe ha valutato la necessità di tenere sotto controllo le nuove infezioni contro l’urgente necessità di ringiovanire l’economia poiché il numero di nuovi casi di coronavirus segnalati è in calo.

«Invece di mantenere rigorose restrizioni e chiedere alle persone di ridurre i contatti con gli altri dell’80%, il Giappone deve esplorare un nuovo modo per aumentare gradualmente il livello delle attività sociali ed economiche adottando misure adeguate di prevenzione dei virus», ha detto il primo ministro Abe.

Il governo chiede al popolo giapponese di adottare un nuovo stile di vita, che implica indossare maschere per il viso, mantenere le distanze sociali e lavorare da casa. Il telelavoro può cambiare gli stili di lavoro delle persone e ridurre i treni pieni, specialmente nelle aree urbane, ha detto Abe alla conferenza stampa.

Mentre la situazione di infezione si è stabilizzata, negli ultimi mesi il capitale politico di Abe è apparentemente scemato, poiché il primo ministro è stato messo sulla graticola per la sua risposta alla crisi che i critici ritengono insufficienti.

Poiché molte famiglie e aziende avvertono sempre più il dolore dell’epidemia di coronavirus, il governo quasi raddoppierà le dimensioni dello stimolo economico a oltre 200 trilioni di yen (1,9 trilioni di dollari), equivalenti a circa il 40 percento del PIL giapponese, mentre Abe si impegna a proteggere le aziende e posti di lavoro.

Il ministro dello sviluppo economica, Yasutoshi Nishimura, ha affermato che il governo stabilirà un periodo di transizione e valuterà la situazione di infezione ogni tre settimane, il che significa che le richieste di rimanere a casa ed evitare grandi riunioni possono essere alleviate solo gradualmente.

Alle persone verrà chiesto di astenersi dall’attraversare i confini della prefettura per il resto del mese e la richiesta verrà attenuata per tappe fino alla fine del 19 giugno.

L’area metropolitana di Tokyo è stata colpita più duramente dal coronavirus in Giappone, con gli abitanti della capitale di circa 14 milioni, ha riportato oltre 5.100 casi, la più grande tra le 47 prefetture. Tokyo ha confermato otto nuovi casi lunedì.

Un punto di riferimento utilizzato dal governo e dagli esperti è se le nuove infezioni sono scese al di sotto dello 0,5 per 100.000 persone nell’ultima settimana e tutte le prefetture tranne due – Kanagawa e Hokkaido – hanno superato tale soglia.

Lo stato di emergenza ha dato l’autorità legale dei governatori della prefettura di chiedere alle persone di rinunciare a gite non indispensabili e alle imprese di sospendere le loro operazioni, anche se il Giappone non può far valere legalmente un rigido blocco simile a quelli attuati in Europa e negli Stati Uniti.

Il Giappone sta revocando la dichiarazione di emergenza del coronavirus, all’incirca sette settimane dopo che è stata eseguita a Tokyo, Osaka e in altre cinque aree urbane il 7 aprile per un mese. La misura è stata quindi estesa a tutte e 47 le prefetture ed estesa fino al 31 maggio.

Prima della scadenza, il 14 maggio erano state esentate 39 prefetture, seguite da Osaka, Kyoto e Hyogo nel Giappone occidentale lo scorso giovedì, in quanto la diffusione del virus era sotto controllo.

Il governatore di Tokyo Yuriko Koike sta ora iniziando un piano in tre fasi per consentire a ristoranti di rimanere aperti più a lungo e le scuole a riprendere gradualmente le lezioni.

Nella prima fase, che probabilmente inizierà martedì, apriranno musei e biblioteche mentre ristoranti potranno rimanere aperti fino alle 22:00, dopo le 20:00, come consentito dalla dichiarazione di emergenza.

La seconda fase potrebbe iniziare entro la fine del mese, hanno affermato fonti del governo metropolitano, consentendo la riapertura di strutture come cinema e negozi che vendono prodotti diversi dalle necessità quotidiane.

Tuttavia, le sale di karaoke, i locali di musica dal vivo e le palestre – luoghi in cui il rischio di trasmissione di gruppo è elevato – dovranno rimanere chiusi.

Finora il Giappone ha evitato un’impennata esplosiva di infezioni da virus con oltre 17.200 casi e 853 morti segnalati in tutta la nazione. Il conteggio include circa 700 infezioni dalla nave da crociera Diamond Princess che è stata messa in quarantena al largo di Yokohama a febbraio.

Cronologia dei principali eventi legati al coronavirus e al Giappone

9 gennaio 2020 – I media cinesi gestiti dallo stato riportano un nuovo coronavirus rilevato nei pazienti.

16 gennaio – 1a infezione da coronavirus confermata in Giappone.

30 gennaio – L’Organizzazione mondiale della sanità dichiara l’emergenza globale.

3 febbraio – La quarantena inizia sulla nave da crociera Diamond Princess, arrivata al porto di Yokohama, infezione del gruppo successivamente confermata tra i passeggeri, i membri dell’equipaggio.

13 febbraio – Confermata la prima morte per nuova infezione da coronavirus in Giappone.

4 marzo – I casi di infezione domestica sono tra i primi 1.000, compresi i dati sulla nave da crociera.

11 marzo – L’OMS dichiara la diffusione della nuova pandemia di coronavirus.

24 marzo – Giochi olimpici e paralimpici di Tokyo 2020 rinviati al 2021 a causa della pandemia.

5 aprile – Morti per COVID-19 in Giappone tra i primi 100.

7 aprile – Il primo ministro Shinzo Abe dichiara lo stato di emergenza per sette prefetture.

16 aprile – Lo stato di emergenza si è esteso a tutta la nazione, le persone infette in Giappone sono le prime 10.000.

2 maggio – Morti in Giappone tra i primi 500.

4 maggio – Stato di emergenza prorogato fino al 31 maggio.

14 maggio – Abe innalza lo stato di emergenza in 39 delle 47 prefetture del Giappone, di cui cinque classificate come “cautele speciali”.

21 maggio – Stato di emergenza revocato nelle prefetture del Giappone occidentale di Kyoto, Osaka e Hyogo.

25 maggio – Stato di emergenza revocato nelle restanti prefetture, Tokyo, Hokkaido, Chiba, Saitama e Kanagawa.

Post collegati

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More