(AGENPARL) – Roma, 03 lug 2020 – “L’Ambasciata cinese non si azzardi a paragonare la Cina all’Italia. A Pechino non esistono partiti alternativi a quello comunista, l’opposizione è imbavagliata, a Hong Kong vengono arrestati perfino i ragazzini con inaudita violenza. L’Ambasciata fa addirittura riferimento ai Decreti sicurezza, pur senza citarli espressamente: ricordiamo che in Italia le leggi sono approvate da un Parlamento democraticamente eletto e non ratificate dall’Assemblea nazionale del popolo piegata al Partito comunista. Più grave e vergognoso del comunicato del portavoce dell’Ambasciata cinese in Italia c’è solo il silenzio del nostro governo sui fatti di Hong Kong”. Lo dicono il leader della Lega Matteo Salvini e il responsabile del Dipartimento Esteri della Lega Giancarlo Giorgetti dopo la “Dichiarazione del portavoce dell’Ambasciata della Repubblica Popolare Cinese in Italia in merito alle dichiarazioni di alcuni politici italiani su Hong Kong”.