Agenparl

SCUOLA – Decreto riforma reclutamento docenti, Anief annuncia ricorso alla Corte di Giustizia europea

gio 23 giugno 2022

Non può essere considerato positivamente il nuovo testo del ddl per l’attuazione del Pnrr presentato dal governo, modificato dal maxi-emendamento della Commissione bilancio e approvato oggi dall’Aula del Senato: i motivi sono stati spiegati stasera da Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief. Nel corso di una diretta sui canali social del giovane sindacato, Pacifico ha detto che “rimane irrisolto il problema della mancata stabilizzazione dei precari della scuola, c’è un’enorme differenza rispetto a quanto sostiene l’Europa e proprio in Corte di Giustizia dell’Unione Europea proporremo una specifica denuncia sul punto. Quindi dopo aver contestato la Legge 107 del 2015, vincendo in CGUE, faremo nuovamente ricorso con coerenza e pertinenza, lo faremo con decisione rivendicando quell’assorbimento automatico dei precari nei ruoli dello Stato che in Italia si continua ad eludere. Non permetteremo nuovi ‘risparmi di spesa’ da far ricadere sulla pelle dei supplenti e calpestando i loro diritti”.
 

Pacifico ha fatto una disamina di tutti i punti singoli che sono stati approvati con il decreto: “Il nostro giudizio è veramente negativo, sia sul reclutamento sia sulla formazione degli insegnanti. Perché il Parlamento ha ignorato la protesta che abbiamo fatto in piazza” il 6 e il 30 maggio, come “ha ignorato quello che abbiamo detto in audizione. Sì – ha continuato il sindacalista – c’è qualche cosa che hanno modificato, ma questo alla fine non cambia radicalmente il testo come chiedevamo noi”. Il problema è che alle richieste “dei partiti la Ragioneria dello Stato ha detto ‘no’, negando i cambiamenti proposti con forza”.
 
Il presidente Anief ha quindi illustrato il nuovo “percorso abitante”, con “anno di formazione iniziale universitaria a numero programmato, a cui seguirà un concorso e l’anno di prova con valutazione finale. In quest’anno di formazione potranno inserirsi anche coloro che sono precari da almeno 3 anni, ma non si comprende ancora come e cosa si intende con le cosiddette ‘riserve dei posti’. Speriamo che finalmente venga fatto quello che chiedevamo, cioè il loro accesso anche in soprannumero e senza, ovviamente, selezione in ingresso”.
 
“Noi avevamo chiesto anche di abolire i concorsi successivi e di confermare in ruolo direttamente i precari che da anni insegnano, ora sembra – ha continuato il sindacalista – che chi ha conseguito i 24 Cfu, quelli richiesti per accedere alle GPS da non abilitati per intenderci, con i 36 mesi di servizio, può partecipare ai concorsi senza fare l’anno di formazione universitaria, ma comunque dovrà conseguire i Cfu mancanti e richiesti dalla nuova normativa. Per noi sono tutte cose illegittime, che andremo a denunciare nei tribunali competenti”.
 
Per il sostegno, ancora, Pacifico ha detto che “c’è la volontà di inserire in sovrannumero chi ha svolto 36 mesi di servizio, perché la nostra scuola ha più di 70 mila docenti senza specializzazione sul sostegno, ma anche in questo caso non varrà per tutti”. I concorsi a quiz cancellati sono stati definiti dal sindacalista “una grandissima barzelletta, perché il problema fondamentale è che non si parla di scuola dell’infanzia e primaria”. Che la riforma, inoltre, abbia nuovamente “dimenticato anche gli altri protagonisti: gli educatori e il personale ata. Nessuno ne parla”.
 
Arriva per gli insegnanti di religione cattolica il concorso straordinario: “noi lo chiedevamo per titoli, invece dovranno fare una prova orale; cercheremo di farla fare nel modo più semplice possibile, per andare a confermare nei ruoli coloro che hanno questo percorso, come siamo riusciti in passato”.
“Il problema rimane irrisolto anche per gli insegnanti tecnico pratici”. L’unica novità sono i docenti della secondaria nelle graduatorie di merito del concorso ordinario, “ma saranno molto pochi, visto che moltissimi sono stati bocciati e comunque non si risolve in questo modo il problema del precariato”.
 
Il leader dell’Anief ha ricordato anche che “le assegnazioni provvisorie erano per tutto il personale, invece non riguarderanno i neo-immessi in ruolo, ci sarà di nuovo il vincolo triennale, mentre nell’ultimo contratto era stata abolita questa possibilità. Altro passo del gambero”.
 
“Come non possiamo essere contenti della perdita di 12.000 docenti. L’unica cosa che si è salvata, almeno fino al 2024, sono i finanziamenti per la carta dei docenti: non verrà tagliata, peccato che abbiano dimenticati di mettere 300 milioni in più per assegnarla ai precari, come ha detto la Corte di Giustizia europea. Vuol dire che per recuperare i soldi potranno soltanto ricorrere con Anief andando a recuperare 2.500 euro”. Male anche l’organico Covid: “non solo non è confermato, ma tanti colleghi non prendono lo stipendio da mesi. Eppure sono lavoratori che hanno portato avanti la scuola in difficoltà, durante la pandemia, sempre con continuità e professionalità”.
 
 
 
PER APPROFONDIMENTI:
 
Stipendi, Anief attiva il calcolatore rapido per verificare le differenze retributive spettanti
 
Ai precari negati scatti stipendiali, mensilità estive e carriera: arriva il Calcolatore Anief che stima il credito avanzato
 
A ogni precario lo Stato deve tra i 1.000 e i 40.000 euro per mancata considerazione di una parte delle supplenze e della ricostruzione carriera
 
Fino a decine di migliaia di euro sottratti ad ogni precario, Anief presenta il Calcolatore che dice quanti sono
 
Precari, malpagati pure da immessi in ruolo: il giudice gli riconosce migliaia di euro di arretrati e fa scattare lo stipendio maggiore
 
Ogni mese agli insegnanti e Ata precari negati fino a 257 euro, il Tribunale del Lavoro di Mantova dice che non si può fare
 
Ai docenti supplenti va assegnato lo stesso stipendio dei colleghi di ruolo, a Crotone il giudice dà ragione al sindacato: interessati in 300mila
 
Stipendi, assegnare la Retribuzione professionale docenti anche ai precari, nuova sentenza a Forlì: il supplente ha diritto a circa mille euro l’anno di arretrati, pure gli Ata e il personale “Covid”
 
Supplenti con stipendio ridotto, anche a Modena il giudice del lavoro risarcisce per RPD e CIA negati
 
Supplenti, le ferie non godute vanno pagate: lo dice il Tribunale di Como
 
Pagare ai supplenti i giorni di ferie non utilizzati, il giudice ordinario di Parma non transige
 
Precari con stipendio “accorciato”, a Reggio Emilia il giudice restituisce il maltolto alla docente che recupera 164 euro al mese
 
Anche il personale Ata può chiedere il riconoscimento di tutto il servizio pre-ruolo, a Modena il giudice indennizza un’amministrativa con 2mila euro e la colloca su scaglione superiore
 
Docente assunta nel 2010 chiede la valutazione completa del servizio pre-ruolo: il Tribunale di Sassari gli dà ragione risarcendola con oltre 4.200 euro più interessi e facendola salire di livello
 
Collaboratrice scolastica con 10 anni di pre-ruolo, il giudice glieli fa valere tutti ai fini della carriera: ottiene il risarcimento e lo stipendio maggiorato perché collocata in un “gradone” più alto
 
Maestra siciliana diventa docente alle superiori ma perde il servizio svolto nella scuola dell’infanzia, il tribunale glielo fa riconoscere tutto con risarcimento e stipendio più alto
 
Sbagliato cancellare il “gradone” 0-3 anni a tutti i docenti che hanno svolto supplenze fino al 2010: una docente veneta fa ricorso e recupera lo scatto stipendiale più 3mila euro di indennizzo
 
A Lucca il giudice conferma la validità di tutti i servizi pre-ruolo ai fini della carriera: una docente delle superiori recupera migliaia di euro e lo stipendio maggiore grazie allo “scatto” 
 
I supplenti su “spezzone” vanno pagati fino al 31 agosto se su posto vacante, lo dice la Cassazione: Anief vince ricorso e fa recuperare ad una docente gli stipendi di luglio e agosto
 
Se il docente precario cambia graduatoria il punteggio delle supplenze non può essere decurtato, a Venezia il giudice restituisce 22 e 11 punti a un Insegnante tecnico pratico
 
Docente precaria per 15 anni si vede riconoscere solo una parte delle supplenze, il giudice di Firenze la indennizza con 2mila euro, le riconosce lo “scatto” del terzo anno e uno stipendio più alto
 
Stipendi, per i precari ancora più piccoli: a Catania il giudice del Lavoro restituisce 1.700 euro ad una docente per mancata assegnazione della Rpd
 
Gli stipendi dei docenti privati di 174,50 euro al mese: per il giudice del lavoro di Paola il ricorso è “sicuramente fondato” e li restituisce tutto alla maestra che ha chiesto giustizia
 
Supplenti senza Rpd, i giudici continuano a dare ragione all’Anief: restituiti quasi 2mila euro più interessi ad una maestra della primaria
 
Docenti precari senza i 174 euro al mese di Rpd, vale la pena chiedere la restituzione anche per un solo anno di supplenza: il giudice di Verona restituisce a un docente 1.200 euro più interessi
 
Precari con stipendi ridotti, anche a Cosenza il giudice fa avere i 174,50 euro per ogni mese di supplenza. Esulta Anief: non si contano più le sentenze favorevoli dei tribunali del lavoro
 
Corte di giustizia europea dichiara illegittima la legge italiana per la discriminazione dei precari sulla carta docente
 
A Pistoia amministrativo entra in ruolo dopo quasi 9 anni di supplenze: l’amministrazione gliene riconosce solo una parte, fa ricorso e recupera 2.200 euro più la fascia stipendiale maggiore
 
Carta docente per l’aggiornamento da 500 euro l’anno anche ai docenti precari, la decisione della Corte di Lussemburgo farà sborsare mezzo miliardo di euro allo Stato italiano
 
Carta docente da 500 euro anche ai precari, i giudici di Lussemburgo hanno stravolto i piani del Governo e ora tutti salgono sul carro dei vincitori
 
Carta docente da 500 euro ai precari, corsa al ricorso per recuperare migliaia di euro: il 20 giugno a Palermo assemblea pubblica
 
Rinnovo contratto, il 28 giugno convocati i sindacati: per Anief servono risposte immediate
 
Carta docente, servono più soldi per darla anche ai precari invece si va verso la riduzione dei 500 euro annui: per Anief così lo Stato si fa male da solo
 
Riforma reclutamento e formazione, il Mef concede pochi soldi: per Anief non può finire così
 
Riforma PNRR, cambia il testo su formazione e reclutamento
 
Riforma reclutamento e formazione prof, in Senato manca l’accordo sul maxi- emendamento e slitta tutto a lunedì. Anief: senza soluzione utile per precari e Ata è inevitabile il ricorso in tribunale
 
Riforma Pnrr reclutamento e formazione docenti, dalle Commissioni passano solo lievi modifiche: per Anief il giudizio rimane negativo”
 
SCUOLA – Riforma Pnrr, tutte le novità approvate: l’analisi e le critiche dell’Anief
 
SCUOLA – Riforma Pnrr, Pacifico (Anief) spiega perché è bocciata: contrattazione superata e precari danneggiati
 
Decreto Pnrr riforma formazione e reclutamento, il Governo pronto al maxi-emendamento che chiude a qualsiasi miglioria. Pacifico (Anief): un errore che innescherà tanti ricorsi
 
Riforma Pnrr su formazione e reclutamento docenti, passa l’abilitazione o specializzazione ma solo su quote riservate, Pacifico (Anief) dissente: i precari ancora messi all’angolo
 
 
23 giugno 2022                                                                     
                                                                                             Ufficio Stampa Anief

                                                                                                 www.anief.org

0https://www.orizzontescuola.it/wp-content/uploads/2022/06/Maxi_emendamento-1.pdf’>https://www.orizzontescuola.it/wp-content/uploads/2022/06/Maxi_emendamento-1.pdf

Fonte/Source: https://anief.org/stampa/news/40778-scuola-%E2%80%93-decreto-riforma-reclutamento-docenti%2C-anief-annuncia-ricorso-alla-corte-di-giustizia-europea

Exit mobile version