15 Dicembre 2018
Agenparl
Image default
Home » Vincenzo D’Incecco (Lega) su mozione contro il degrado a Pescara
Abruzzo Agenparl Italia Social Network

Vincenzo D’Incecco (Lega) su mozione contro il degrado a Pescara

(AGENPARL) – mar 13 novembre 2018 COMUNICATO STAMPA
D’Incecco (Lega) su mozione
contro il degrado a Pescara

“Il sindaco Alessandrini dovrà firmare subito un’ordinanza per imporr e ai proprietari di edifici
abbandonati di adottare misure di decoro e protezione dei fabbricati , al fine di impedirne
l’occupazione abusiva e contrastare fenomeni di degrado, microcriminalità e insicurezza diffusa. Lo
ha deciso il Consiglio comunale che i eri ha approvato la mia mozione, nata dai ripetuti fenomeni di
occupazione di interi quartieri ed edifici abbandonati che stanno trasformando ampi spazi della città
in ghetti ”. Lo afferma il capogruppo della Lega al Comune di Pescara Vincenzo D’Incecco.
“Purtroppo – spiega D’Incecco – anche a Pescara, al pari di altre città italiane, sia in zone
periferiche che in zone centrali, esistono aree, molte delle quali di proprietà privata, che sono
diventate pericolose per la presenza di un degrado diffuso, aree c he comprendono anche fabbricati
abbandonati e occupati abusivamente da cittadini comunitari o meno e che sono completamente
nelle mani di spacciatori, ricovero per tossicodipendenti e luoghi di violenze quotidiane. Aree che
sono diventate invivibili per le famiglie ‘normali’ che pure hanno la sorte di abitare in tali quartieri,
e penso, ad esempio, a quanto sta accadendo nella zona di via Trigno -via Alpi -via Sangro o anche
nelle aree lungo la via Tiburtina “.
“Molti cittadini lamentano situazioni di degrado – prosegue D’Incecco – e la conseguente insicurezza
che caratterizza quartieri oggi simili a un ghetto, derivanti soprattutto dalla frequente presenza di
immobili privati disabitati che facilmente diventano oggetto di interesse da parte di occupanti
abusi vi, spacciatori, ricettatori e sfruttatori della prostituzione. Tuttavia, seppur siamo di fronte a
proprietà private, i sindaci oggi non sono più ‘disarmati’, ma hanno degli strumenti per intervenire e
imporre il rispetto e il ripristino delle adeguate con dizioni di decoro . E il primo strumento è quello
dell’ordinanza per stabilire interventi volti a superare condizioni di grave incuria o degrado del
territorio, dell’ambiente e del patrimonio culturale, prestando particolare cura alla tutela e alla
tranquil lità dei residenti “.
“Per questa ragione ho proposto in Consiglio comunale una mozione – sottolinea D’Incecco –
approvata dall’Assemblea, in cui ho impegnato sindaco e amministrazione comunale ad ‘attivarsi
immediatamente con gli uffici competenti per cen sire minuziosamente le aree di degrado, gli edifici
pubblici e privati abbandonati divenuti centri di degrado diffuso; a intervenire innanzitutto sul
proprio patrimonio immobiliare per contrastare situazioni di incuria; ma soprattutto a emanare
subito un’a pposita ordinanza volta a obbligare i proprietari degli edifici abbandonati a intervenire

immediatamente per ristabilire una condizione di cura tale da impedire l’occupazione abusiva degli
stessi fabbricati al fine di contrastare delinquenza, degrado e ins icurezza’.
"Dopo l’ok del Consiglio – conclude il capogruppo della Lega – a questo punto sarà nostro dovere
fare un pressing quotidiano nei confronti del sindaco Alessandrini per la firma immediata
dell’ordinanza, che vada a colpire, innanzitutto, le situ azioni già conosciute e denunciate dagli stessi
cittadini. Quindi ci attiveremo affinchè le ordinanze emesse vengano poi fatte rispettare dalla
Polizia municipale, che è il braccio operativo dell’amministrazione comunale”.

Pescara, 13 .11.201 8

Vincenzo D’ Incecco
Capogruppo Lega
Comune di Pescara

Related posts

Valle d’Aosta-2018-09-28 17:49

Redazione Redazione

LAURETANA SLOW – Trekking tra paesaggi mozzafiato per salutare l’estate con “L’anello delle Crete Senesi”

Redazione Redazione

Comunicato Regione: Sanità, West Nile. Il bollettino regionale ad oggi, 5 ottobre

Redazione Redazione

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More