Usa, Tucker Carlson (FOX News): «In cosa crede Joe Biden? – Non lo sappiamo ancora»

(AGENPARL) – Roma, 25 novembre 2020 – Martedì, Tucker Carlson di Fox News Channel ha aperto il suo programma chiedendo cosa crede Joe Biden riguardo alla sua visione dell’America.

Secondo Carlson, questo era sconosciuto, ma ci sono indizi in Cabinet e nelle scelte del personale.

CARLSON: Quindi ecco una domanda per te. Cosa crede Joe Biden? Quali sono i suoi progetti per il nostro Paese?

Beh, è ​​difficile da capire, ma la verità è che non conosciamo ancora le risposte a queste domande fondamentali, non le sappiamo. In qualche modo Joe Biden ha superato un’intera campagna presidenziale, la maggior parte dell’anno, senza dircelo. Un corpo stampa partigiano gli ha permesso di farla franca. Questa potrebbe essere la cosa più disonesta che sia mai accaduta nella politica americana.

Se stai cercando brogli elettorali, eccoti. Decine di milioni di persone hanno votato per un candidato che non era reale. Hanno votato per un fantasma con un sorriso sbiancato. Non avevano idea di chi fosse quest’uomo. Non avevano idea per chi stessero votando o cosa avrebbe fatto se fosse stato eletto. Ma su sollecitazione dei media, lo hanno comunque votato.

E così ora il resto di noi scoprirà per cosa hanno votato.

Joe Biden sta iniziando a montare il suo gabinetto. Quindi seguiremo le sue scelte per farci sapere cosa possiamo aspettarci. E ciò che sta emergendo fino a questa sera assomiglia molto al dipartimento delle risorse umane di una grande multinazionale di sinistra. Un mucchio di sveglia politica sociale autoritaria mescolata con un’agenda economica corporativa.

Quindi il resto di noi avrà lezioni severe sui nostri fallimenti morali – quelli non finiscono mai – mentre un piccolo gruppo di persone altamente connesse diventerà ancora più ricco. Ti suona familiare?

Se Jeff Bezos e i ragazzi di Google rilevassero l’intero governo degli Stati Uniti – ed effettivamente l’hanno fatto – questo è come sarebbe.

Steve Ricchetti è l’archetipo dei nuovi aiutanti Biden. Ora è uno dei più stretti consiglieri di Joe Biden. Ricchetti ha trascorso anni come lobbista. Rappresenta aziende come General Motors, AT&T, GlaxoSmithKline, Eli Lilly, Nextel, Novartis, Pfizer – tutte le grandi – tutte le grandi aziende farmaceutiche.

Ricchetti è una delle persone che ha contribuito a guidare l’allineamento di Big Business esattamente dietro la campagna di Joe Biden per il presidente, ed era l’uomo perfetto per farlo perché condivide i loro obiettivi e la loro visione del mondo, in particolare sulla questione, la questione centrale di Cina.

Venti anni fa, Steve Ricchetti era il vice capo del personale di Bill Clinton. E in quel ruolo, ha contribuito a guidare gli sforzi per consentire alla Cina di entrare nell’Organizzazione mondiale del commercio. Non è stata affatto una cosa da poco. La sua attività di lobbying ha funzionato. Il risultato, alla fine, è stato uno dei più grandi disastri mai accaduti a questo paese in tempo di pace.

Uno studio dell’Economic Policy Institute – e ce ne sono altri – ma questo ha scoperto che grazie a quella decisione di far entrare la Cina nell’OMC, gli Stati Uniti hanno perso quasi tre milioni e mezzo di posti di lavoro ben pagati e gli effetti di ciò si sono increspati attraverso le generazioni.

Se ti stai chiedendo perché c’è un’epidemia di fentanil in America centrale, se ti stai chiedendo perché l’aspettativa di vita per gli americani nati in America e della classe media è in declino, questa è una grande parte del motivo.

Milioni di uomini hanno perso il lavoro e un’intera società è crollata.

Se vivi all’interno delle coste, l’hai visto in prima persona.

Steve Ricchetti è stato una delle persone dietro, non l’unico, ma una delle persone chiave. Non è stato punito per questo. In effetti, è stato promosso. Joe Biden ne vuole di più.

Biden vuole anche meno dissenso dalla popolazione. Biden sa quello che sappiamo tutti, ovvero che una società armata è una società indipendente. Non è per quello. Ed è per questo che ha assunto il membro del Congresso Cedric Richmond come consigliere senior.

Richmond ha in programma di disarmare gli americani rispettosi della legge – non i criminali – le persone che commettono crimini con armi da fuoco vengono ora lasciate uscire di prigione, ma gli americani rispettosi della legge, persone che non hanno fatto nulla di sbagliato, che hanno cercato in buona fede di proteggere se stessi e la loro famiglia , saranno puniti. Non è una speculazione a proposito, lo ha detto Richmond in televisione. Eccolo sulla CNN l’anno scorso.

(INIZIA VIDEO CLIP)

RAPPRESENTANTE. CEDRIC RICHMOND (D-LA): È un riacquisto, quindi sono d’accordo. Se si tratta di un riacquisto obbligatorio, penso che potresti incorrere in alcune complicazioni, ma il solo pensiero non mi offende e suona come qualcosa che potrei sostenere.

(FINE VIDEO CLIP)

CARLSON: Quindi il controllo delle armi non ha avuto un ruolo importante nei nostri dibattiti in vista delle elezioni. Non c’è stata quasi nessuna discussione sui problemi per sei mesi. Ma sta diventando chiaro che impedire agli americani di difendere se stessi e le loro famiglie è una parte importante dell’agenda di Biden, e questo è uno dei motivi per cui Jennifer O’Malley Dillon, responsabile della campagna, è il suo vice capo di stato maggiore.

In un momento in cui un numero record di americani ha acquistato armi da fuoco legali per proteggersi dal crimine alle stelle, Dillon ha chiesto la confisca di oltre 10 milioni di armi da fuoco legalmente possedute.

Di nuovo, non lo stiamo inventando. Non è propaganda. Eccola lei stessa a dirlo.

(INIZIA VIDEO CLIP)

JENNIFER O’MALLEY DILLON, VICE CAPO DEL PERSONALE DESIGNATO DELLA CASA BIANCA SOTTO IL PRESIDENTE ELETTO DEGLI STATI UNITI JOE BIDEN: Metti un piano che supporti – vedremo – riacquisti obbligatori di armi da guerra.

Il divieto delle armi d’assalto è molto, molto importante e dobbiamo averlo. Ma ciò toglie solo le armi da guerra dalle strade in futuro. Non fa nulla per le armi da guerra attualmente in circolazione, e penso che ce ne siano 15 o 16 milioni.

(FINE VIDEO CLIP)

CARLSON: “Penso che ci siano 15 o 16 milioni.” Non conosce i numeri. Non sa niente. Immagina cosa sa delle armi da fuoco o qualsiasi altra cosa, probabilmente zero. Da che fine esce il proiettile? Lei non lo sa. Ma non importa, ha intenzione di catturarli comunque.

I riacquisti obbligatori sono sequestri. Acquisizione di proprietà privata con la forza. Non perché le persone che possiedono quelle armi da fuoco abbiano fatto qualcosa di sbagliato, non l’hanno fatto, Jennifer O’Malley Dillon non pensa che ti dovrebbe essere permesso di averle. Allora come sarà? Come sarà quando l’amministrazione Biden cercherà di disarmare gli americani rispettosi della legge? A quanto pare, lo scopriremo.

Sappiamo che presto l’intero paese potrebbe avere un aspetto molto diverso. Alejandro Mayorkas se ne accerterà. Biden lo ha scelto per dirigere il Department of Homeland Security. Ora, il Dipartimento per la sicurezza interna, se sei abbastanza grande, ricorderai che è stato creato quasi 20 anni fa sulla scia degli attacchi dell’11 settembre e aveva un solo scopo, proteggere il paese.

Mayorkas ha però un piano diverso per il DHS. Ha in programma di utilizzare l’agenzia per aumentare radicalmente la quantità di immigrazione dal Terzo Mondo in America perché l’America non ha abbastanza cose da fare in questo momento. Semplicemente non abbiamo abbastanza problemi. Quindi mescoleremo un po ‘.

In un’intervista di alcuni anni fa su PBS, Mayorkas ha chiesto l’amnistia – amnistia legale per chiunque sia arrivato negli Stati Uniti illegalmente sotto i 31 anni, indipendentemente da quanti anni hanno adesso. Pensaci. Quante persone includerebbero? Beh, probabilmente decine di milioni. Orologio.

(INIZIA VIDEO CLIP)

JUDY WOODRUFF, PBS HOST: Quindi cos’altro cercheresti?

ALEJANDRO N. MAYORKAS EX VICE SEGRETARIO DEL DIPARTIMENTO DEGLI STATI UNITI PER LA SICUREZZA HOMELAND: Forse una popolazione maggiore di individui che si qualificherebbero in base alla loro età.

Quindi uno dei limiti del DACA era che uno doveva avere meno di 31 anni al momento della domanda, anche se uno poteva essere stato portato negli Stati Uniti due anni fa. E quindi, in realtà, il fattore determinante dovrebbe essere quanti anni aveva quando si è venuti negli Stati Uniti, al contrario di quanti anni ha adesso.

WOODRUFF: Ma potresti vederlo – ti piacerebbe vederlo ampliato?

MAYORKAS: Lo farei.

(FINE VIDEO CLIP)

CARLSON: Sì, lo farei. Ragazzi come quelli e Barack Obama è un perfetto esempio, sono l’opposto di Donald Trump. Non importa cosa dice Trump, potrebbe leggere l’elenco telefonico, potrebbe leggere il testo della canzone di compleanno e suona sempre rah, grande, forte, stridente.

Ma persone così, i veri radicali, persone che dicono cose che sono completamente fuori dal mainstream – e puoi controllare i sondaggi. Questa non è speculazione. Questo punto di vista non è un punto di vista della maggioranza. È il punto di vista di un piccolo gruppo di radicali. Ma le persone così dicono quelle cose con il tono più calmo, come se fosse del tutto naturale, ovviamente sì. Non un grande affare. È un grande affare.

Se Mayorkas ottiene ciò che vuole, questo sarà un paese diverso dall’oggi al domani, con una politica molto diversa. E, naturalmente, la politica diversa è l’intero punto.

Quindi questa è un’istantanea della politica interna che si sta delineando sotto l’amministrazione Biden. E la politica estera?

Bene, Joe Biden dice che sta nominando un uomo chiamato Anthony Blinken – Tony Blinken come Segretario di Stato, il capo della nostra politica estera. Blinken è il co-fondatore di un cosiddetto gruppo di consulenza strategica noto come Westech Advisors. Sappiamo che Westech ha rappresentato aziende della Silicon Valley e aziende farmaceutiche. Ma poiché tecnicamente non è un’operazione di lobbying, non sappiamo molto di più. Westech non è legalmente tenuta a rivelare dove stanno ottenendo i loro soldi.

Crediamo che Eric Schmidt di Google, almeno secondo quanto riferito, fosse un cliente di Westech e questo ti dice molto. Lo stesso Blinken ha scritto editoriali per “The New York Times”. È stato analista degli affari globali alla CNN e questo ti dice molto. Come tutti gli altri su quel canale, Blinken è caduto duramente per la ridicola linea di collusione russa. Orologio.

(INIZIA VIDEO CLIP)

TONY BLINKEN, ANALISTA DI AFFARI GLOBALI DELLA CNN: Ogni volta che il presidente abbatte l’FBI o Mueller o una delle nostre istituzioni, in realtà sta eseguendo gli ordini di Putin. È esattamente ciò che Putin stava cercando di fare nelle nostre elezioni che è seminare dubbi sulla credibilità e legittimità delle nostre istituzioni. La collusione in corso del presidente con i piani della Russia è davvero sorprendente, intenzionale o meno.

(FINE VIDEO CLIP)

CARLSON: Quindi quando critichi l’FBI, non è il tuo Primo Emendamento giusto come americano. No, stai citando: “Facendo gli ordini del signor Putin”. Fa tutto parte, cito, “della collusione in corso del presidente con la Russia”.

Ora, Tony Blinken è il migliore che produciamo. Non ci sono credenziali che non abbia. È andato ad Harvard, a differenza di te.

Ma come con tante persone con quelle credenziali, non è un genio. E lo si può dire dalla sua posizione sull’invasione dell’Iraq. Qui c’era Blinken durante l’amministrazione Obama, che celebrava la nostra occupazione di quel paese. Come se fosse stato un successo strepitoso.

(INIZIA VIDEO CLIP)

BLINKEN: La saggezza di andare in guerra in Iraq è qualcosa che verrà dibattuta per anni, e lascerò questo dibattito agli storici. Ma ciò che è al di là del dibattito e ciò che la copertura giornalistica dell’Iraq a mio giudizio, troppo spesso non riesce a riconoscere è che l’Iraq oggi è meno violento, più democratico e più prospero, e gli Stati Uniti sono più profondamente coinvolti che in qualsiasi momento nella storia recente.

(FINE VIDEO CLIP)

CARLSON: Sì, l’Iraq è in gran forma. Buon punto, Tony Blinken. Sembri un ragazzo piuttosto intelligente, dovresti essere il Segretario di Stato. E così sotto Joe Biden, lo sarà. Non impressionante.

Ma a cosa si aggiunge tutto questo? Comincia a sembrare l’opposto. L’immagine speculare di ciò che Donald Trump ha eseguito nel 2016. Politiche che erano così popolari, Trump è stato eletto su di esse, nonostante non avesse alcun background in politica che provenisse completamente dall’esterno e che scuotesse un po ‘le persone ed è stato comunque eletto, perché quelli le politiche erano popolari e rimangono popolari.

Ma Biden a quanto pare sta per darci il contrario. Più omaggi al nostro principale rivale globale, il governo cinese, più guerre inutili in Medio Oriente che nessuno al di fuori di Washington sostiene, massicci aumenti dell’immigrazione illegale, insieme a un enorme calo dei salari americani che è sempre il risultato inevitabile di ciò.

Quando si inonda il pool di manodopera di fascia bassa, il prezzo del lavoro scende. Si chiama domanda e offerta, geni, ma a loro non importa. E poi, naturalmente, il caos e l’instabilità che ne derivano a casa, che hanno alimentato per mesi ormai. Meno americani sono in grado di difendere se stessi e le loro famiglie di fronte a quel caos che hanno causato.

E soprattutto, e questa è la caratteristica che definisce finora, un maggiore controllo aziendale sulle nostre vite. Questo è il punto. Questo è il tema. Speriamo di sbagliarci. Ma a partire da stasera, sembra che questo sia ciò che stiamo fissando.

Se ritieni che il governo federale sia potente ora, in alcuni casi troppo potente, attendi fino a quando non si allinea completamente con il Big Business. Sembra che stia accadendo. La domanda è: quante persone sapevano che stavano votando per quello quando hanno votato per questo ragazzo? Probabilmente non troppi.

– ———————

Dato che sono stati presentati molteplici esposti legali in risposta alle elezioni del 2020, con ulteriori sfide attese ed entrambi i candidati hanno rivendicato la vittoria in alcuni stati, ma sembra sempre più probabile che queste elezioni verranno risolte in tribunale.

Per questo motivo, AGENPARL non dichiarerà un vincitore delle elezioni presidenziali né Biden né Trump fino a quando tutti i risultati non saranno certificati e le eventuali controversie legali non saranno risolte.