Usa, Obama paragona Trump al dittatore che sopprime i giornalisti, dopo che la sua stessa amministrazione ha preso di mira i giornalisti

 

(AGENPARL) – Roma, 16 novembre 2020 – L’amministrazione Obama ha utilizzato lo Spionage Act dell’era della prima guerra mondiale più di tutte le precedenti amministrazioni combinate per perseguire le persone per la fuga di informazioni sensibili.

L’ex presidente Barack Obama domenica ha paragonato il presidente Trump a un dittatore che sopprime i giornalisti, anche se il record contagiato della sua stessa amministrazione sulla libertà di stampa includeva un monitoraggio segreto di giornalisti, tra cui Fox News.

Obama ha fatto il paragone durante un’apparizione in “60 Minutes” della CBS, con il presentatore Scott Pelley. È arrivata in risposta a Pelley che chiedeva all’ex comandante in capo di esprimere i suoi pensieri sulle affermazioni del presidente Trump di frode elettorale, così come sui suoi sostenitori che perpetuavano tali accuse.

«È un passo in più per delegittimare non solo l’ amministrazione Biden in arrivo , ma la democrazia in generale. E questo è un percorso pericoloso», ha detto Obama.

Ha aggiunto: «Negli ultimi anni c’è stata la sensazione che letteralmente tutto va bene ed è giustificato per ottenere il potere».

Obama ha detto che quel sentimento «non è esclusivo degli Stati Uniti», dato che ci sono «uomini forti e dittatori in tutto il mondo» che pensano di poter «fare qualsiasi cosa per rimanere al potere. Posso uccidere le persone. Posso buttarli in prigione. Posso organizzare elezioni fasulle. Posso sopprimere i giornalisti».

«Ma non è quello che dovremmo essere. E dei segnali che penso che Joe Biden deve inviare al mondo è questo: No, quei valori che abbiamo predicato, in cui credevamo e ci siamo iscritti, crediamo ancora».

Eppure il periodo in carica di Obama non è stato affatto il modello di una presidenza vincolata dalle regole di una repubblica democratica liberale. I documenti del tribunale rilasciati all’inizio del 2013 hanno mostrato che l’amministrazione Obama ha monitorato segretamente James Rosen di Fox News, che l’ FBI ha definito un “co-cospiratore criminale”, nonostante non sia mai stato accusato di un crimine .

Il Dipartimento di Giustizia ha anche sequestrato le e-mail di Rosen evocando il Word War I-era Espionage Act, una delle leggi di guerra più gravi degli Stati Uniti. La stessa legge fu usata nel 1953 per accusare ed eseguire Julius ed Ethel Rosenberg – due comunisti americani – per presunta trasmissione di informazioni segrete all’Unione Sovietica.

Il “crimine” di Rosen è stato di aver pubblicato informazioni trapelate da un consigliere governativo sui piani della Corea del Nord di condurre un altro test nucleare in risposta alle sanzioni delle Nazioni Unite .

Sebbene Trump sia stato energico nella sua denuncia alla stampa, l’amministrazione Obama è probabilmente andata oltre, evocando l’Espionage Act per perseguire più persone ai sensi della legge per aver divulgato informazioni sensibili rispetto a tutte le precedenti amministrazioni messe insieme.

Come parte di un’indagine sulla divulgazione di informazioni su un complotto terroristico di Al Qaeda fallito , l’amministrazione Obama, senza preavviso, ha ottenuto le registrazioni di 20 linee telefoniche dell’ufficio stampa Associated Press e riportava i telefoni di casa e dei cellulari.

E sebbene Obama abbia paragonato il presidente Trump a un dittatore che pensa di poter “uccidere le persone” senza conseguenze, Obama ha autorizzato più di 500 attacchi di droni in Africa , Medio Oriente e Asia centro- meridionale che hanno provocato la morte di oltre 300 civili.

Tra le persone uccise c’era il terrorista nato negli Stati Uniti, il leader senior di Al Qaeda Anwar al-Awlaki. Il presidente Obama ha firmato un ordine all’inizio del 2010 rendendo al-Awlaki il primo americano a essere inserito nella “lista di uccisioni o catture”.

https://www.foxnews.com/media/obama-compares-trump-dictator-suppresses-journalists-own-admin-targeted-reporters #FoxNews

 

 

 

 

———————

Dato che sono stati presentati molteplici esposti legali in risposta alle elezioni del 2020, con ulteriori sfide attese ed entrambi i candidati hanno rivendicato la vittoria in alcuni stati, ma sembra sempre più probabile che queste elezioni verranno risolte in tribunale.

Per questo motivo, AGENPARL non dichiarerà un vincitore delle elezioni presidenziali né Biden né Trump fino a quando tutti i risultati non saranno certificati e le eventuali controversie legali non saranno risolte.

Nonostante diverse testate giornalistiche abbiano proclamato vincitore Biden sabato.

Solo il Collegio Elettorale e gli Stati sono gli organi che certificano un’elezione presidenziale.