Agenparl
Image default
Home » USA, LA CISA IDENTIFICA ALTRI 2 PRESUNTI PROBLEMI DI VOTO COME “VOCI”

USA, LA CISA IDENTIFICA ALTRI 2 PRESUNTI PROBLEMI DI VOTO COME “VOCI”

Usa, La CISA identifica altri 2 presunti problemi di voto come “voci”

(AGENPARL) – Roma, 04 dicembre 2020 – La Cybersecurity and Infrastructure Security Agency ( CISA ) del Department of Homeland Security (DHS) ha aggiunto voci al suo sito web sulla sicurezza elettorale che si dice siano «progettate per sfatare la disinformazione comune ed esposizioni e temi di disinformazione».

CISA ha aggiornato il suo sito web il 2 dicembre, con due nuove voci elencate come “voci” : «Le schede elettorali possono essere facilmente distrutte senza essere scoperte, impedendo che vengano conteggiate» e «Il software del sistema di votazione non viene esaminato o testato e può essere facilmente manipolato».

L’agenzia è responsabile della gestione del rischio per le infrastrutture critiche. Ha creato una pagina “Election Security” sul suo sito web con “Rumor VS. Realtà ”come argomento principale.

La voce elencata con «Le schede elettorali possono essere facilmente distrutte senza essere scoperte» è contrassegnata come falsa ed è accompagnata da una risposta: «Gli Stati hanno l’elaborazione delle schede elettorali e garanzie di tabulazione progettate per garantire che ciascuna scheda elettorale possa essere conteggiata correttamente. Le procedure statali spesso includono solide procedure di catena di custodia, requisiti di registrazione verificabili e processi di canvass. I funzionari elettorali utilizzano queste misure di sicurezza per verificare che i voti siano accuratamente contabilizzati durante l’elaborazione e il conteggio».

La CISA ha aggiornato la pagina mentre in Pennsylvania , Georgia , Michigan , Wisconsin , Arizona e Nevada sono in corso azioni legali per presunte irregolarità elettorali, comprese frodi elettorali e problemi di conteggio delle schede elettorali .

CISA ha anche affermato che il software del sistema di voto deve superare i test per essere “coerente con i requisiti statali e / o federali”. I test includono funzioni di progettazione, precisione, privacy e accessibilità, oltre a funzioni ambientali, di sicurezza e funzionali, ecc.

L’ex direttore dell’agenzia, Christopher Krebs, è stato licenziato dal presidente Donald Trump il 18 novembre su Twitter  dopo che l’agenzia ha rilasciato una  dichiarazione  secondo cui le elezioni del 2020 “sono state le più sicure nella storia americana”.

In un’intervista di “60 minuti” Krebs ha detto di sostenere la dichiarazione della CISA.

Ciò che Krebs e CISA non hanno rivelato , tuttavia, è che una delle società al centro delle cause legali per presunta manipolazione del voto elettronico, Dominion Voting Systems, è un membro del CISA’s Election Infrastructure Sector Coordinating Council, una delle due entità che hanno creato la dichiarazione fuori dal CISA.

Una dichiarazione giurata del 24 agosto   dell’esperto di sicurezza del  voto elettronico  Harri Hursti ha  fornito una descrizione di prima mano dei problemi che ha osservato durante le elezioni primarie in tutto lo stato del 9 giugno in Georgia e le elezioni di ballottaggio dell’11 agosto, dove ha detto: “Il sistema di voto è operato nella contea di Fulton in modo tale da aumentare il rischio per la sicurezza a un livello estremo “.

Gary Miliefsky, produttore esecutivo di Cyber Defense Magazine e membro fondatore del Department of Homeland Security, ha dichiarato in un’intervista a “Crossroads” che ogni apparecchiatura elettronica in grado di connettersi a Internet tramite un router wireless o un cavo Ethernet “È un’apparecchiatura vulnerabile che può essere hackerata in remoto”, sia a livello nazionale che da altri paesi.

Diverse cause legali affermano che i sistemi di Dominion avevano una connessione a Internet in modalità wireless o tramite Ethernet.

– ———————

Dato che sono stati presentati molteplici esposti legali in risposta alle elezioni del 2020, con ulteriori sfide attese ed entrambi i candidati hanno rivendicato la vittoria in alcuni stati, ma sembra sempre più probabile che queste elezioni verranno risolte in tribunale.

Per questo motivo, AGENPARL non dichiarerà un vincitore delle elezioni presidenziali né Biden né Trump fino a quando tutti i risultati non saranno certificati e le eventuali controversie legali non saranno risolte.

Aiutaci a diffondere le notizie. Condividi questo articolo con i tuoi amici.

Post collegati

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More