Agenparl
Image default
Home » USA, IL GOVERNATORE DOUG DUCEY: «JOE BIDEN HA VINTO L’ARIZONA»

USA, IL GOVERNATORE DOUG DUCEY: «JOE BIDEN HA VINTO L’ARIZONA»

Usa, Il governatore Doug Ducey: «Joe Biden ha vinto l’Arizona»

(AGENPARL) – Roma, 25 novembre 2020 – Lunedì il governatore dell’Arizona, Doug Ducey, ha riconosciuto che il candidato presidenziale democratico Joe Biden ha vinto gli 11 voti elettorali dello stato, il giorni dopo che Ducey ha dichiarato che avrebbe accettato l’esito della corsa presidenziale solo quando tutti i casi giudiziari presentati dalla campagna di Trump e dal Partito Repubblicano di stato sono stati risolti.

Lo stato deve ancora certificare i risultati delle elezioni e la sua campagna è prevista per il 30 novembre.

Ducey ha detto per la prima volta lunedì che l’ex vicepresidente ha vinto l’Arizona, quando pressato durante un’intervista alla stazione radio di Phoenix KTAR.

«Ho detto più volte: l’Arizona è uno stato di buon governo», ha detto Ducey. «Mi fido del nostro sistema elettorale. C’è integrità nel nostro sistema elettorale. Joe Biden ha vinto l’Arizona».

Inizialmente ha evitato di rispondere direttamente alla domanda e invece ha toccato il processo per finalizzare il conteggio.

«Quindi i passaggi sono, ovviamente, hai il voto, hai la tabulazione, quindi hai la certificazione a livello di contea», ha detto Ducey».  «Questo è stato condotto o è stato completato. Il passo successivo è la certificazione statale. Non c’è motivo a questo punto, con quello che sta succedendo all’interno del sistema legale, che non sarebbe andato avanti, e questa è la mia aspettativa».

Il governatore repubblicano ha detto che si aspettava che l’Arizona certificasse la vittoria di Biden e altri risultati elettorali lunedì 30 novembre.

La campagna Trump non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

L’ultima causa in sospeso relativa alle elezioni in Arizona da parte di due elettori è stata lanciata venerdì da un giudice dell’Arizona. Hanno affermato che i funzionari elettorali non sono riusciti a seguire correttamente le procedure corrette durante le elezioni generali del 2020.

Il 19 novembre, un altro giudice statale ha respinto una causa intentata dal Partito Repubblicano dell’Arizona chiedendo un conteggio manuale dei voti per distretto, al contrario dei centri di voto.

Ducey il 18 novembre ha detto ai giornalisti che non avrebbe chiamato un vincitore per le elezioni fino a quando i casi in tribunale non fossero stati risolti.

«Ci sono rivendicazioni legali che vengono contestate in tribunale, e tutti i partecipanti al ballottaggio hanno determinati diritti di accesso e rimedi, e se vogliono spingerli, possono. Una volta che questi saranno stati giudicati e il processo sarà concluso, accetterò i risultati delle elezioni», ha detto il governatore repubblicano .

Ducey ha detto lunedì a KTAR che qualsiasi potenziale causa futura non avrebbe avuto un impatto sulla campagna dell’Arizona la prossima settimana.

«Quelli passano attraverso i tribunali», ha detto. « Ma la certificazione in termini di Arizona è ciò che accade in una data specifica nello statuto».

Mentre diversi organi di stampa hanno descritto Biden come il presidente eletto e lo hanno dichiarato vincitore, Agenparl non lo ha fatto, in attesa dell’esito delle cause legali e di altri processi necessari per completare le elezioni. Il collegio elettorale voterà il mese prossimo e il Congresso terrà la sua sessione congiunta per contare formalmente i voti elettorali e dichiarare i risultati delle elezioni ufficiali all’inizio di gennaio.

Secondo il conteggio dei voti non ufficiale, Biden è davanti al presidente Donald Trump di circa 11.000 voti in Arizona.

Il team legale della campagna di Trump ha dichiarato martedì che i legislatori statali in Arizona, così come in Michigan e Pennsylvania, terranno udienze pubbliche sulle elezioni del 3 novembre per ripristinare la fiducia nell’integrità elettorale. Il legislatore dell’Arizona terrà le sue udienze il 30 novembre.

– ———————

Dato che sono stati presentati molteplici esposti legali in risposta alle elezioni del 2020, con ulteriori sfide attese ed entrambi i candidati hanno rivendicato la vittoria in alcuni stati, ma sembra sempre più probabile che queste elezioni verranno risolte in tribunale.

Per questo motivo, AGENPARL non dichiarerà un vincitore delle elezioni presidenziali né Biden né Trump fino a quando tutti i risultati non saranno certificati e le eventuali controversie legali non saranno risolte.

Post collegati

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More