Agenparl
Image default
Home » USA, BIDEN SCEGLIENDO HARRIS COME VICE HA DECISO DI ESSERE UN PRESIDENTE DI TRANSIZIONE

USA, BIDEN SCEGLIENDO HARRIS COME VICE HA DECISO DI ESSERE UN PRESIDENTE DI TRANSIZIONE

(AGENPARL) – Roma, 12 agosto 2020 – Il candidato alla presidenza degli USA, il democratico Joe Biden ha detto martedì di aver scelto il senatore Kamala Harris come suo compagno di corsa. Di fatto è la prima donna afroamericana di colore ad essere nominata vice presidente da un importante partito negli Stati Uniti. Harris, 55 anni, che è nata da immigrati indiani e giamaicani, non è riuscita a fare progressi nella sua campagna come candidata alla presidenza, ma si è guadagnata la reputazione di una combattente vera.

Con la sua decisione di nominare Kamala Harris, Joe Biden non ha semplicemente giocato sul sicuro, anche se lo ha fatto ma ha anche iniettato una dose di adrenalina alla sua campagna al cloroformio.

La coppia affronterà il presidente repubblicano Donald Trump, 74 anni, e il vicepresidente Mike Pence, 61, che stanno cercando il loro secondo mandato mentre il paese deve affrontare sfide nell’affrontare i focolai di coronavirus in corso, una recessione indotta da pandemia e una Cina sempre più assertiva

Biden potrebbe essere in testa a Trump di 10 punti nei sondaggi nazionali, ma la sua campagna elettorale si è distinta più per ciò che non fa che per quello che dice. Forse le cose stanno cambiando. Biden è stato forse più intelligente nel mettere in evidenza la sua scelta di nominare vicepresidente la prima donna afroamericana. Ha creato la suspense di cui Trump è un maestro e otterrà diversi giorni di pubblicità da questa nomina.

Harris, che è nato nel 1964, porterà molta energia alla campagna di Biden. È una combattente con il potere delle star che Trump, un acuto giudice di tali questioni, ha commentato con ammirazione durante le recenti primarie democratiche. Si è scagliata contro Biden durante la campagna per lo scuolabus – anche in modo demagogico – ma ha anche mostrato il carattere che Biden necessita in questa campagna elettorale perché è in grado di attaccare Trump con fervore. Essendo una tiepida progressista con un passato da procuratore, molto probabilmente farà appello alle donne elettorali suburbane che entrambe le campagne stanno freneticamente corteggiando.

In qualità di senatore, è già passata al setaccio del pubblico ed è improbabile che abbia altri scheletri nel suo armadio. Karen Bass di El Jefe, al contrario, sarebbe stata un incubo politico. Susan Rice non ha basi politiche. Val Demings non possiede un’esperienza politica. E Stacey Abrams ed Elizabeth Warren sono entrambi marchi del fuoco di sinistra. In una certa misura Biden ha seguito la versione politica del giuramento di Ippocrate: primo, non fare del male.

Trump senza dubbio attaccherà Harris, ma servirà come arma di distrazione da Biden. Più Trump attacca Kamala, meno si concentrerà su quello che dovrebbe essere il suo vero obiettivo. Scegliendo Harris, tuttavia, Biden chiarisce che intende davvero essere un presidente di transizione. Kamala potrebbe metterlo in ombra durante la campagna in molti modi, ma pare che vada bene così. Se avesse scelto un candidato con meno credenziali, avrebbe dato il segnale che avrebbe puntato per due mandati. La scelta di Harris può anche attrarre gli elettori di colore poiché il razzismo è diventato una questione chiave nelle elezioni del 3 novembre.Rivolgendosi a Harris sta solo indicando che il futuro del Partito Democratico è ora.

Biden e Harris saranno ufficialmente nominati presidente e vicepresidente dal Partito Democratico durante la sua convention nazionale di quattro giorni, che inizia lunedì. La convenzione sarà un evento per lo più virtuale nel mezzo della pandemia di coronavirus.

Date le somiglianze nelle loro carriere legali e background di razza mista, Harris è stato a un certo punto soprannominata “la donna Barack Obama” dopo che il democratico è diventato il primo presidente afroamericano nella storia degli Stati Uniti.

Ma la sua offerta per la nomina presidenziale democratica si è conclusa miseramente, con Harris che è uscita dalla corsa nel dicembre dello scorso anno.

Trump ha detto di essere “un po ‘sorpreso” che Biden abbia scelto Harris, citando che ha fatto “male” le primarie.

La storia delle donne scelte come compagne di corsa insieme agli uomini sui biglietti presidenziali del maggior partito negli Stati Uniti risale al 1984.

L’allora membro della Camera dei Rappresentanti Geraldine Ferraro si è candidata alla vicepresidenza sul biglietto del Partito Democratico con Walter Mondale, ma il presidente repubblicano in carica Ronald Reagan ha vinto le elezioni con una valanga di voti.

Per le elezioni del 2008, l’allora senatore John McCain scelse il governatore dell’Alaska Sarah Palin come sua compagna di corsa, rendendola la prima donna a comparire su un biglietto presidenziale repubblicano. I due sono stati sconfitti da Obama e Biden.

Nel frattempo, la prima donna nominata presidente da un importante partito è stata l’ex segretario di Stato Hillary Clinton, una democratica sconfitta da Trump nelle elezioni del 2016.

Post collegati

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More