Agenparl
Image default

USA: ATTO FINALE, SECONDO IL RAPPORTO FOLEY, LA DECISIONE PASSA AI MILITARI

(AGENPARL) – Roma, 11 gennaio – “Chi vota non decide nulla”. Chi conta i voti decide tutto» una citazione sembra di Joseph Stalin, anche se le prove che l’abbia effettivamente detto non ci sono. Negli Usa una frase che riecheggia paradossale visto che il presidente degli Stati Uniti non in effetti eletto dal voto popolare, ma da un collegio degli elettori presidenziali. Domanda: “le legislature statali possono nominare elettori presidenziali per esprimere i loro voti in opposizione al voto popolare”? “Chi chi conta i voti espressi dai medesimi attori? Ripercorriamo il susseguirsi degli eventi.

Foley,  è UN avvocato, un professore un esperto  di diritto delle elezioni alla Ohio University è collaboratore del Washington Post, in un suo scritto di 55 pagine ha  teorizzato il “ Blue Shift”.

 

Il professore descrive  descrive due scenari ipotetici  e pone una domanda elementare,  ma inquietante: Se ci sono due parti che sostengono di essere presidente, quale dei nostri capi militari riconoscono come il vero comandante in capo a mezzogiorno del 20 gennaio a mezzogiorno?

«Se esistesse la situazione a mezzogiorno del 20 gennaio di due rivendicazioni simultanee dello status di comandante in capo di un ex presidente in carica che dichiara di essere stato dichiarato rieletto dal vice presidente uscente, e l’altra dal Presidente della Camera che sostiene di assumere lo status di Presidente ad interim, data la dichiarazione della Camera che non c’è un Presidente eletto perché il conteggio elettorale rimane controverso e incompleto – i funzionari militari, compresi quelli responsabili del controllo delle armi nucleari, che desiderano obbedire al legittimo comandante in capo sanno come decidere chi è il legittimo comandante in capo?».

 

 

Prima parte

Pennsylvania:“ Elezioni 2020, chi vince il Keystone State vince la maggioranza del Collegio Elettorale. Trump è avanti di 20.000 voti, e  twitta “La gara è finita. Altri quattro anni per continuare a fare di nuovo grande l’America”, ma  l’Associated Press (AP) e le reti (MMS) non lo dichiarano vincitore. 20.000 voto sembrano un vantaggio considerevole, ma i numeri possono cambiare prima della certificazione ufficiale e definitiva.

Mattino successivo. Nuovi dati mostrano che il vantaggio di Trump si è ridotto, a mezzogiorno diventa inferiore a 20.000.  Trump convoca una conferenza stampa annunciando:” Ho vinto la rielezione con il 100 per cento dei distretti ottenuti. Per quanto mi riguarda, quei risultati sono ormai definitivi”. “non lascerò che i politici delle macchine di Philadelphia mi rubino la vittoria della mia rielezione – o ai miei elettori!  Le dichiarazioni di Trump sono ignorate gli aggiornamenti elettorali continuano in Pennsylvania, i voti a  suo favore calano prima sotto i 15.000 poi 10,000. e 5.000.

Trump fuori di sé dichiara: “FERMATE SUBITO QUESTO FURTO!!!». «NON LASCIATE CHE VI RUBINO QUESTE ELEZIONI!!!».

Inizio della saga sul controverso risultato delle elezioni presidenziali statunitensi del 2020. La situazione era stata già descritta in un documento di 55 pagine, pubblicato nell’inverno del 2019 dal Loyola University Chicago Law Journal, intitolato “Preparing for a Disputed Presidential Election– Preparazione di un’elezione presidenziale controversa: Un Esercizio in Valutazione e gestione dei rischi elettorali »di Edward B. Foley. Nell’ introduzione del  documento redatta da Foley si descrive un’ipotetica disputa sull’esito delle elezioni presidenziali del 2020, non si parla di interferenze straniere ma solo di un processo ordinario di conteggio delle schede. Il fenomeno viene chiamato  “turno blu“, per cui gli adeguamenti del voto si equivalgono durante la ricerca degli aggiornamenti tendendo ad avvantaggiare i candidati Democratici, era prevedibile che sorgesse una disputa di questo tipo. Gli esempi più eclatanti riguardavano  Pennsylvania e dell’Arizona, due stati suscettibili di spostamenti; l’articolo mostra come la disputa arrivi al Congresso, e ne nasce una crisi istituzionale. Se ciò accadesse?

 

Scenario ipotetico del 20 gennaio 2021, data di inaugurazione del nuovo mandato presidenziale,  militari incerti su chi ha diritto a ricevere i codici nucleari.

Per evitare il rischio, il Congresso dovrebbe modificare il lo statuto, 3 U.S.C. § 15.

 

Edward B. Foley è un avvocato americano, professore di diritto, professore di diritto  laureato a Yale nel 1983 Foley, avvocato alla Ohio University, collaboratore del Washington Post, aveva teorizzato il “ Blue Shift”.

Foley ha identificato le schede elettorali come causa del “Blue Shift”, e ha concluso la sua tesi affermando  che:” ulteriori approfondimenti devono essere supportati da analisi statistici più sofisticati”. Nel saggio teorico di Foley,  si simula e si analizzai un gioco di guerra democratico, che mostra agli lettori immaginariamente cosa accadrà il 20 gennaio.  Foley  nella sua ipotesi fornisce una tabella di marcia elettorale complicata ed accurata, che verrà utilizzata dai Democratici. Il documento di Foley si è già dimostrato notevolmente preveggente (Elizabeth Warren simulerebbe Biden).

Foley ha previsto che le schede provvisorie sarebbero state «certificate come inammissibili al conteggio, così come ogni scheda assente che non sia stata precedentemente contata» nelle parole di Foley, «quando si è in vantaggio e si cerca di mantenere un vantaggio, l’obiettivo è quello di chiudere il processo di conteggio il più possibile» e ha anche anticipato che «i distretti fortemente democratici sarebbero stati attentamente controllati per eventuali irregolarità di voto».

Foley ha anche previsto un possibile scenario sul ruolo che svolto dai tribunali, e osserva che Trump “sarebbe in una posizione più favorevole se un decreto giudiziario bloccasse il conteggio di questi voti extra” o, ancora meglio, se un tribunale ordinasse che il governatore dello stato “certificasse una vittoria popolare per la sua lista di elettori repubblicani”.

Le preoccupazioni di Foley per il ruolo del Vice Presidente Mike Pence.

Foley sostiene che “Trump non ha bisogno di una vittoria in tribunale per portare il suo caso al Congresso”. Finché riesce a convincere il legislatore statale a nominare direttamente i suoi elettori presidenziali, e questi ultimi sottopongono i loro presunti voti elettorali al Presidente del Senato, che è il suo vice presidente, Mike Pence, ha una possibilità di lottare».

Foley afferma che «è imperativo dal punto di vista di Trump che il legislatore statale pretenda di sostituire questo voto popolare con la propria nomina diretta degli elettori presidenziali dello stato – e che Pence riceva dalla Pennsylvania un secondo certificato di voti elettorali, quelli espressi per Trump sulla base di questa presunta nomina legislativa».

L’importanza del ruolo di Pence in questo scenario è materiale.

Foley riconosce che, mentre ci possono essere argomentazioni legali a livello statale in merito all’autorità legislativa (in assenza di un cambiamento nell’attuale legge statale), tali legalità statali sono comunque desunte una volta che questi «elettori inviano i loro voti elettorali al Presidente del Senato e il Presidente del Senato ha questi voti elettorali in mano. Questo è sufficiente perché il Congresso consideri i voti e potenzialmente li accetti come voti elettorali autorevoli».

«Ciò che conta è se il Congresso riceve o meno una presentazione di voti elettorali da uno Stato, non se tale presentazione è legalmente valida secondo qualche standard che il Congresso potrebbe non riconoscere come vincolante».

Foley procede con l’ipotesi che Pence, agendo sia come vice presidente che come presidente del Senato, riceva due serie di voti elettorali da un unico stato – una certificata dal governatore, l’altra dal legislatore:

  Previsione dal 6 gennaio 2021. I due partiti in tv e sui social media argomentano sul perché il loro candidato, abbia diritto ad essere eletto nuovo presidente.

I repubblicani attaccano Mike Pence, in qualità di Presidente del Senato, che ha autorità unilaterale, ai sensi del dodicesimo emendamento, per decidere sulla certificazione  dei voti elettorali in Pennsylvania.

Foley cita il 12° Emendamento : «Il Presidente del Senato, alla presenza del Senato e della Camera dei Rappresentanti, apre tutti i certificati e i voti sono contati”. Foley descrive uno scenario  secondo cui Pence, in qualità di Presidente del Senato, potrebbe decidere quali certificati, e quindi quali voti elettorali devono essere contati”. Foley si chiede chi dovrà effettuare il conteggio e sottolinea  che non vi è alcuna disposizione costituzionale in caso di controversia.

Foley sottolinea l’importanza della leadership repubblicana, in particolare quella del leader della maggioranza del Senato Mitch McConnell (R-Ky.) nel processo decisionale di Pence e postula l’ ipotesi  di un piano in cui “repubblicani rinnegati” (specifica Mitt Romney e Lisa Murkowski) del Senato si uniscono ai Democratici nell’accettare i voti elettorali di Biden dagli stati contestati.

«Mike Pence potrebbe essere tentato di affermare una prerogativa costituzionale per sostituire le disposizioni dell’Electoral Count Act», dichiarando così «autorevoli gli elettori nominati legislativamente».

Ma se McConnell si schiera con i Democratici della Camera, concordando sul fatto che i voti elettorali certificati dai governatori sono quelli validi, Foley ritiene che «sembrerebbe impossibile, in pratica, che Pence possa prevalere sulla sua pretesa costituzionale di avere il diritto di annullare questa determinazione bicamerale (e bipartisan) di quali voti elettorali contare».

Foley promuove l’Invocazione al Congresso della legge sul conteggio dei voti elettorali

Citando i conflitti inerenti alla decisione di Pence sull’esito di un concorso di cui fa parte, insieme a quelle che Foley definisce le «ambiguità che esistono nel testo del Dodicesimo Emendamento», Foley offre al Congresso la possibilità di invocare il suo potere di «emanare uno statuto che prevede un meccanismo alternativo per risolvere una disputa sui voti elettorali di uno Stato».

Foley suggerisce che l’Electoral Count Act del 1887 (ECA), attualmente noto come 3 U.S. Code Section 15 è «un esercizio del tutto appropriato di questo potere Necessario e Corretto come una questione di autorità costituzionale». Non senza coincidenza, l’ECA contravviene direttamente al 12° Emendamento ed elimina il ruolo di Pence come fattore decisivo nelle elezioni.

Oltre a stabilire il ruolo del presidente del Senato, il 12° Emendamento stabilisce una procedura in base alla quale, se nessun candidato presidenziale ha ottenuto la maggioranza dei voti elettorali, la Camera dei Rappresentanti tiene una «elezione contingente», con un voto per Stato per il nuovo presidente. Attualmente è richiesta una maggioranza assoluta di 26 Stati.

L’ECA, a differenza del 12° Emendamento, mette in gioco entrambe le camere del Congresso e sposta il potere elettorale dai legislatori statali costituzionalmente designati ai governatori statali. Elimina anche il ruolo di «elezione contingente» della Camera.

L’ECA è stata oggetto di molte polemiche, con un significativo corpo di analisi che sostiene che l’ECA è incostituzionale. In effetti, una rivendicazione di incostituzionalità è al centro di una causa recentemente intentata dal Rep. Louie Gohmert (ora licenziato per mancanza di prestigio) che sostiene che le disposizioni all’interno dell’ECA «violano la clausola degli elettori e il dodicesimo emendamento della Costituzione degli Stati Uniti».

Come osserva la causa Gohmert, «la legge sul conteggio elettorale sottopone le controversie sul “conteggio” dei voti elettorali sia alla Camera dei rappresentanti che al Senato» e «dà sia alla Camera dei rappresentanti che al Senato il potere di votare, o “decidere”, quale di due o più liste di elettori concorrenti deve essere conteggiato, e richiede il concorso di entrambi per “contare” i voti elettorali per una delle liste di elettori concorrenti».

In particolare, l’ECA si discosta dal 12° Emendamento in tre punti cruciali, come descritto dall’avvocato Stephen B. Meister:

«In primo luogo, mentre il 12° Emendamento non concede alcun ruolo al Senato, l’ECA concede al Senato un controllo paritario sulle obiezioni, in quanto devono passare al Senato e alla Camera».

«In secondo luogo, l’ECA prevede che, in assenza di obiezioni da parte delle Camere, la lista sia certificata dal governatore dei controlli statali. Questo non è previsto dal 12° Emendamento».

«In terzo luogo, prevedendo che le liste certificate dal governatore vengano contate anche se ci sono liste di elettori discordanti – in assenza di obiezioni passate in entrambe le camere del Congresso – l’ECA elimina e sostituisce la procedura di elezione contingente prevista dal 12° Emendamento, perché in virtù del conteggio delle liste certificate dal governatore, la controversia viene risolta (anche se non nel modo stabilito dalla Costituzione, cioè il 12° Emendamento), e non arriva mai alla Camera (per un’elezione contingente)».

L’avvocato Meister sottolinea anche che l’ECA «viola l’articolo II, la clausola degli elettori, perché dà l’ultima parola sugli elettori ad un ramo esecutivo dello stato (il suo governatore), mentre l’articolo II° concede tale potere esclusivamente, e in modo non delegabile (secondo la Corte Suprema degli Stati Uniti), alle legislature statali».

Nonostante le disquisizioni costituzionali materiali inerenti all’attuazione dell’ECA, questa ultima ipotesi è quella scelta da Foley che imposta la soluzione del caso nel  suo docu-scenario, attraverso l’invocazione da parte del Congresso del suo potere Necessario e della Clausola Corretta.

Secondo Foley, le “«difficoltà interpretative dell’ECA sorgono solo se ci sono due o più richieste di voti elettorali contrastanti da parte dello stesso Stato», il che è degno di nota in quanto questo è lo scenario preciso per il quale egli raccomanda l’uso dell’ECA.

In particolare, un pantano interpretativo si verifica se c’è disaccordo tra la Camera e il Senato durante l’impiego dell’ECA.

E se la Camera guidata dalla Pelosi votasse per accettare i voti elettorali per Biden, mentre contemporaneamente il Senato guidato da McConnell vota per accettare i voti elettorali per Trump?

Come possibile risposta, Foley indica ai Democratici la sezione all’interno dell’ECA che richiede che i certificati con le firme dei governatori siano quelli accettati:

«Se le due Camere non sono d’accordo sul conteggio di tali voti, allora, e in tal caso, i voti degli elettori la cui nomina deve essere stata certificata dall’esecutivo dello Stato, sotto il sigillo dello stesso, devono essere contati».

Foley suggerisce (anche) che i Democratici invochino «un articolo completo di revisione della legge post-2000, ‘The Conscientious Congressman’s Guide to the Electoral Count Act of 1887’, che fa sì che il conteggio dei voti elettorali nella presentazione da parte dello Stato che porta la firma del governatore sia la corretta lettura dello statuto».

Al ragionamento legale, Foley vi sono alcune contro-argomentazioni, osservando che “Diversi studiosi, tra cui uno del Congressional Research Service, affermano che quando la presentazione multipla di voti elettorali da parte dello stesso Stato rivendicano tutti la protezione “porto sicuro”, nessuno può essere contato – nemmeno uno che porta un certificato governativo – a meno che entrambe le Camere del Congresso non siano d’accordo su quale presentazione abbia diritto a questo status di “porto sicuro”.

Foley nota che questa interpretazione “è disponibile ad essere sostenuta quando ciò serve ad uno scopo di parte. Non può essere liquidata come inesistente, per quanto si possa desiderare che ciò avvenga».

Ma Foley suggerisce che i Democratici, come mezzo di difesa, potrebbero invocare la frase finale del 3 U.S. Code Section 15, che recita: «Nessun voto o documento di qualsiasi altro Stato potrà essere dato in seguito fino a quando le obiezioni fatte in precedenza ai voti o ai documenti di qualsiasi Stato non saranno state definitivamente eliminate».

In altre parole, sostenendo che il processo di conteggio dei voti è ora “bloccato” negli Stati contestati e che il conteggio dei voti è incompleto, i Democratici potrebbero anche sostenere che “non c’è un presidente eletto”. Poiché non c’è nemmeno un vice presidente eletto, i Democratici potrebbero allora, per quanto possa sembrare sorprendente, affermare che «Nancy Pelosi ha il diritto di servire come presidente ad interim fintanto che la situazione di stallo rimane, in virtù del Ventesimo Emendamento».

Il Ventesimo Emendamento affronta la possibilità che, a mezzogiorno del 20 gennaio, non sia stato ancora scelto nessun presidente. Se la Camera non elegge un nuovo presidente e contemporaneamente il Senato non elegge un nuovo vicepresidente entro le 12.00 del 20 gennaio, entra in gioco il ventesimo emendamento:

«Il Congresso può prevedere per legge il caso in cui né un presidente eletto né un vicepresidente eletto si siano qualificati».

3 U.S.C. Il § 19 prevede che, se non vi è né un nuovo presidente né un vicepresidente, «allora il presidente della Camera dei rappresentanti, alle sue dimissioni da presidente e da rappresentante al Congresso, agisce in qualità di presidente». Presumibilmente, questo presidente ad interim sarebbe la Pelosi, presumendo che sia ufficialmente rieletto come Presidente il 3 gennaio.

I Repubblicani, naturalmente, sosterrebbero che i Democratici non potrebbero semplicemente far scattare il ventesimo Emendamento rifiutandosi di partecipare al processo di conteggio dei voti elettorali e, secondo Foley, invocherebbero il 3 U.S.C. § 16, che recita: «Tale riunione congiunta non sarà sciolta fino a quando il conteggio dei voti elettorali non sarà completato e il risultato non sarà stato dichiarato».

Il conteggio dei voti continuerebbe, «anche se gli unici membri della Camera e del Senato rimasti a guardare sono i Repubblicani». Ma allo stesso tempo, i Democratici ora affermerebbero che il conteggio dei voti elettorali “rimane incompleto” e di conseguenza non ci sarebbe né un nuovo presidente né un vice presidente.

Siamo arrivati a una sorta di impasse, quando i Repubblicani «sostengono che il presidente Trump è stato rieletto, mentre allo stesso tempo i Democratici sostengono che o Biden è stato eletto o, se non lo è, allora nessuno lo è stato (almeno non ancora)».

Ed è questa impasse che sembra essere il fulcro dell’argomentazione di Foley.

Secondo Foley, il ventesimo Emendamento sembra presupporre che un nuovo presidente sia chiaramente selezionato o chiaramente non lo sia. Non prevede, secondo Foley, una disputa sulla selezione presidenziale. In questo caso di ambiguità controversa, Foley sostiene di “delegare” a Pelosi la presidenza.

Vediamo ora lo scenario finale di Foley.

Foley suddivide gli eventi in tre periodi primari: l’immediato periodo post-elettorale dal 3 novembre al 14 dicembre, il periodo dell’elettorato statale dal 14 dicembre al 6 gennaio e il coinvolgimento del Congresso nella scelta del presidente dal 6 gennaio al 20 gennaio.

Gli scenari di Foley dal 6 gennaio in poi prevedono l’uso da parte del Congresso dell’Electoral Count Act, invocato attraverso il potere di Clausola Necessaria e Corretta del Congresso. E in ogni scenario, le Camere del Congresso raggiungono un’impasse, con il risultato che porta Pelosi a diventare Presidente ad interim fino a quando la situazione non sarà risolta.

E qui, nella descrizione di Foley degli eventi di cui alla Sezione III – dal 6 al 20 gennaio – che fornisce il culmine di dove sembra che la sua analisi dello scenario e del gioco di guerra si stia dirigendo:

«Alle 13.00 del 6 gennaio 2021, ai sensi del 3 U.S.C. §15 e del Dodicesimo Emendamento, il Senato e la Camera dei Rappresentanti si riuniscono nella Camera per lo spoglio dei voti elettorali degli Stati. Mike Pence presiede nel suo ruolo di Presidente del Senato, come specificato sia dallo statuto che dalla Costituzione. A partire dall’Alabama, e proseguendo in ordine alfabetico, il conteggio procede senza intoppi fino alla Pennsylvania. Pence annuncia di aver ricevuto due proposte che si propongono come voti elettorali dello Stato e, ai sensi di 3 U.S.C. §15, deve sottomettersi sia al Senato che alla Camera per il loro esame separato. Il Senato si ritira quindi dalla Camera e, come previsto, vota per accettare la presentazione dei voti elettorali degli elettori nominati dal legislatore dello stato, mentre contemporaneamente la Camera vota per accettare la presentazione certificata dal governatore dello stato.

Quando il Senato ritorna alla Camera per la ripresa della sessione congiunta, Pence annuncia che, poiché nessuna delle due candidature è stata accettata come autorevole da entrambe le Camere del Congresso, i voti elettorali di entrambe le candidature non possono essere contati. A questo punto ci sono urla di protesta da parte dei Democratici alla Camera, che chiedono a gran voce che i voti elettorali con il certificato del governatore debbano essere contati secondo i termini espressi dal 3 U.S.C. §15. Dopo molta confusione, Pence riesce a mettere in moto il procedimento per ordinare e ripete che la sua interpretazione del §15, contrariamente alle opinioni espresse dai Democratici, è che nessuna presentazione di voti elettorali dalla Pennsylvania può essere contata a causa dei voti divisi delle due camere del Congresso. Questa è la sua decisione come presidente, ed è pronto a passare al prossimo Stato, il Rhode Island.

I Democratici scoppiano di nuovo a protestare e chiedono l’opportunità di annullare l’interpretazione palesemente errata del § 15 di Pence.

Pence rimette nuovamente all’ordine il procedimento e annuncia che non c’è alcun metodo, ai sensi del 3 U.S.C. §15, o del dodicesimo emendamento, per annullare le sue decisioni e i suoi annunci in qualità di presidente.

Il Senato e la Camera non agiscono congiuntamente come un unico organo congiunto. Ai sensi del 3 U.S.C. §15 e del Dodicesimo Emendamento, il loro ruolo congiunto è esclusivamente quello di osservatori del processo. Ogni Camera ha preso una decisione separata sulla Pennsylvania, e di conseguenza il suo ruolo – afferma Pence – è quello di annunciare le conseguenze di tale decisione. Sulla base della sua comprensione sia dello statuto che della Costituzione, e come consigliato dall’avvocato, egli ha svolto questa funzione necessaria, dichiarando entrambi i contributi della Pennsylvania inammissibili al conteggio, e ora, secondo lo statuto e la Costituzione, deve spostare il procedimento allo stato successivo.

Poi, Nancy Pelosi si alza, chiedendo di parlare. (3 U.S.C. § 16, si siede “immediatamente alla sinistra del presidente del Senato”). Annuncia che la riunione congiunta delle due camere è finita, o almeno sospesa, a meno che e fino a quando Mike Pence non sia disposto a cambiare la sua decisione e ad accettare i voti elettorali della Pennsylvania con la firma del governatore. In assenza di ciò, i senatori non sono più i benvenuti nella Camera. Quando Pence insiste che Pelosi non ha l’autorità di sospendere il procedimento in questo modo, Pelosi dichiara che chiederà il personale della sicurezza della Camera dei rappresentanti di rimuovere con la forza i senatori dalla Camera, a meno che i senatori non se ne vadano volontariamente. Per evitare questo spettacolo, e nella speranza che i repubblicani alla fine trionferanno dopo che il sangue freddo avrà prevalso, Pence accetta a malincuore di condurre i senatori fuori dalla camera della Camera.

Con la Camera ora da sola nella propria camera, e il Presidente Pelosi alla presidenza, la Camera (in una votazione in linea di partito) approva una risoluzione che dichiara che il procedimento congiunto sotto il Dodicesimo Emendamento e 3 U.S.C. §15 è sospeso a meno che e fino a quando il Vice Presidente Pence non annuncia pubblicamente di essere pronto a contare i voti elettorali della Pennsylvania come certificato dal governatore. Fino ad allora la Camera ha ordinato al personale della sicurezza di impedire la ricomparsa di Pence o di qualsiasi altro senatore nella Camera. Pelosi, tuttavia, non si spinge fino al punto di impedire ai membri repubblicani della Camera di lasciare l’aula, e lo fanno.

Con Pelosi e i Democratici che si rifiutano di muoversi, Pence e i Repubblicani decidono di fare il possibile per continuare il conteggio dei voti elettorali, anche se non possono tornare alla Camera. Di conseguenza, Pence invita senatori e rappresentanti ad affollare la sala del Senato per questo scopo. Si presentano solo senatori e rappresentanti repubblicani, ad eccezione di un senatore democratico designato per protestare contro la presunta continuazione del procedimento come illegale ai sensi del 3 U.S.C.§15 e del dodicesimo emendamento. Tra le altre obiezioni, questo senatore democratico sottolinea che il 3U.S.C.C.§15 richiede specificamente che ci siano due “scrutatori” di ogni Camera per partecipare all’apertura e allo spoglio dei voti elettorali degli Stati: «detti scrutatori, dopo aver letto -la presentazione dei voti elettorali degli Stati – alla presenza e all’udienza delle due Camere, devono fare una lista dei voti così come appaiono dai suddetti certificati».

Poiché la Camera dei rappresentanti non partecipa più, come dichiarato nella sua risoluzione formale, non ci sono più due scrutatori della Camera per svolgere questa funzione statutaria. Poiché i due scrutatori della Camera devono essere stati “precedentemente nominati” dalla Camera, secondo i termini espliciti del 3 U.S.C. § 15, non vi è alcuna autorità conferita al Presidente del Senato o altrove per la nomina di scrutatori sostitutivi della Camera.

In altre parole, si afferma che non ci può essere una continuazione del procedimento congiunto ai sensi del 3 U.S.C. § 15 senza la partecipazione istituzionale della Camera, e la Camera ha deciso che istituzionalmente non inviterà il Senato a tornare alle sue Camere per la continuazione del procedimento congiunto a meno che e fino a quando il Presidente del Senato non annuncia che i voti elettorali con il certificato del governatore della Pennsylvania saranno contati, secondo i termini del 3 U.S.C. § 15..Nonostante questa obiezione del senatore democratico, Pence dichiara di procedere al conteggio dei voti elettorali dal Rhode Island al Wyoming. Alla fine, Pence annuncia che Trump è stato rieletto presidente con la maggioranza dei voti, 260 su 518 elettori nominati, perché la Pennsylvania non è riuscita a nominare gli elettori in un modo che il Congresso potrebbe riconoscere come autorevole, date le procedure stabilite in 3 U.S.C. § 15. Più tardi, con Pence e altri repubblicani al suo fianco, tra cui Mitch McConnell, Trump annuncia che sta procedendo a prepararsi per l’inaugurazione di un secondo mandato il 20 gennaio.

Nel frattempo, con Biden e altri Democratici al suo fianco, Pelosi afferma di essere pronta ad essere inaugurata e a prestare giuramento come presidente ad interim, prestando il giuramento presidenziale di cui all’articolo II, servendo come tale fino al completamento del conteggio dei voti elettorali (con i voti della Pennsylvania contati dagli elettori certificati dal governatore dello Stato).

Pelosi chiarisce la sua convinzione che Biden è il presidente debitamente eletto, sulla base di un corretto conteggio dei voti elettorali. Ma è pronta a servire come presidente ad interim, e si aspetta di farlo a partire da mezzogiorno del 20 gennaio, a meno che e fino a Pence prima – e per il resto del suo mandato di vicepresidente, che scade a mezzogiorno del 20 gennaio – annunci il suo riconoscimento di Biden come presidente eletto.

Pelosi dichiara inoltre che, una volta che sarà mezzogiorno del 20 gennaio, con Pence che non sarà più presidente del Senato, spetterà al presidente pro tempore (il senatore Chuck Grassley) dichiarare la sua disponibilità ad accettare Biden come presidente eletto per farle terminare il suo servizio come presidente ad interim.

Mentre l’orologio scorre verso mezzogiorno del 20 gennaio, tutta Washington –ed indirettamente tutta l’America- è in tumulto per quello che accadrà.

Né Trump né Pelosi si tirano indietro. Entrambi insistono che a mezzogiorno del 20 gennaio presteranno il giuramento presidenziale e comincino ad affermare i poteri di comandante in capo. Entrambi chiedono il pieno sostegno e l’obbedienza delle forze armate americane nel prestare il giuramento presidenziale.

Foley descrive  ciascuno dei suoi scenari ponendo una domanda elementare,  alquanto inquietante. Se ci sono due parti che sostengono di essere presidente, quale dei nostri capi militari riconoscono come il vero comandante in capo a mezzogiorno del 20 gennaio a mezzogiorno:

«Se esistesse la situazione a mezzogiorno del 20 gennaio di due rivendicazioni simultanee dello status di comandante in capo di un ex presidente in carica che dichiara di essere stato dichiarato rieletto dal vice presidente uscente, e l’altra dal Presidente della Camera che sostiene di assumere lo status di Presidente ad interim, data la dichiarazione della Camera che non c’è un Presidente eletto perché il conteggio elettorale rimane controverso e incompleto – i funzionari militari, compresi quelli responsabili del controllo delle armi nucleari, che desiderano obbedire al legittimo comandante in capo sanno come decidere chi è il legittimo comandante in capo?».

Post collegati

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More