(AGENPARL) – Roma, 22 settembre 2021 – La mancanza di visite mediche faccia a faccia nel Regno Unito dall’inizio della pandemia del virus del PCC può causare 10.000 morti inutili a causa del cancro, ha affermato un rapporto dell’University College di Londra pubblicato questa settimana.

I ricercatori dell’università hanno affermato che un calo dei rinvii di emergenza da parte dei medici di base nel 2020 in tutto il Regno Unito ha portato a circa 40.000 diagnosi tardive di cancro. I ritardi, combinati con il trattamento più lungo del Servizio sanitario nazionale ( NHS ) a causa della pandemia, significano che migliaia di persone moriranno “significativamente prima” di cancro, secondo il rapporto.

Lo studio ha rilevato che oltre il 60 percento delle persone intervistate dall’università era preoccupato di parlare con il proprio medico di base (GP) di “problemi di salute minori” durante la pandemia. Prima della diffusione del virus del PCC (Partito Comunista Cinese), circa l’80% degli appuntamenti con i medici erano di persona, ma solo il 57% delle consultazioni era faccia a faccia nel luglio 2021, osserva il rapporto.

“L’effetto immediato della pandemia è stato quello di ritardare la diagnosi precoce. Anche prima della pandemia, le prestazioni della Gran Bretagna non erano all’altezza dei migliori al mondo”, ha affermato il coautore del rapporto David Taylor, professore presso l’University College di Londra, secondo The Telegraph.

“Ci sono alcune prove che suggeriscono che ogni mese in cui il trattamento viene ritardato può aumentare il rischio di morte prematura del sette percento”, ha detto. “In parte riguarda i pazienti che non si presentano, preoccupandosi di essere un peso per il loro medico di famiglia, in parte riguarda i problemi di accesso”.

Nell’ottobre 2020, un rapporto della società di analisti sanitari Dr Foster affermava che la guida del SSN secondo cui i residenti dovrebbero “restare a casa, proteggere il servizio sanitario nazionale, salvare vite umane” ha spaventato i pazienti dal cercare cure mediche l’anno scorso.

Il direttore della strategia e dell’analisi del dottor Foster, Tom Binstead, ha dichiarato lo scorso anno del rapporto: “Nel complesso, l’analisi suggerisce che è probabile che gli effetti a lungo termine della pandemia siano di vasta portata, con un futuro picco della domanda possibile a causa di diagnosi mancate. e procedure rinviate”.

“I tumori possono ora richiedere un livello maggiore di trattamento, o addirittura essere incurabili”, ha detto all’epoca, “se non sono stati rilevati o non sono stati trattati a causa della crisi”.

Un portavoce del NHS ha dichiarato martedì a The Telegraph e ad altri organi di stampa che durante la pandemia l’agenzia ha dato la priorità alle persone che cercavano cure per il cancro.

I servizi per il cancro sono a “livelli pre-pandemia”, mentre gli ultimi dati mensili suggeriscono “più di 200.000 persone inviate per controlli e più di 27.000 che iniziano il trattamento”, ha affermato il portavoce.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here