Tucker Carlson (FOX NEWS) sulla transizione di Biden: «Non un’amministrazione presidenziale in arrivo ma un’acquisizione aziendale del paese»

(AGENPARL) – Roma, 13 novembre 2020 – Giovedì, Tucker Carlson di Fox News Channel ha aperto il suo spettacolo spiegando come ha percepito il team di transizione di Biden, che ha iniziato questa settimana nominando Ron Klain il capo dello staff entrante di Joe Biden.

Secondo Carlson, questo segna l’inizio della «presa di potere aziendale» del paese, che fa parte del guadagno per le aziende americane schierandosi con Biden e non dalla parte del presidente Donald Trump durante la campagna.

CARLSON: Allora, cosa ha combinato Joe Biden ultimamente? Ci è stato detto che Joe Biden è il nostro presidente eletto. Presumibilmente, entrerà nella Casa Bianca a gennaio, insieme a qualcosa chiamato mandato.

Se è vero, cosa farà esattamente con questo mandato? Questa è una domanda interessante. Potrebbe valere la pena chiedere. Ma quasi nessuno lo chiede. Invece, i nostri mezzi di informazione sono impegnati ad occuparsi di Rudy Giuliani, un ex sindaco che non ricopre cariche pubbliche da decenni.

Perché? Perché Giuliani ha delle domande su alcune delle votazioni avvenute la scorsa settimana. Pertanto, è una minaccia imminente per la Repubblica. È un colpo di stato. Meglio dargli una copertura totale. Più copertura Giuliani.

C’è una nuova prospettiva, ma qualunque cosa tu faccia, non coprire il ragazzo che affermi sia presidente.

Joe Biden è il presidente e basta. Sta ‘zitto.

Tuttavia, le persone di Biden va bene così. Non vogliono nemmeno avere a che fare con i media. Quindi, non hanno a che fare con i media.

Martedì, Ryan Lizza [di] Politico lo ha notato, citando: «Segni scoraggianti sul team di Biden e accesso alla stampa finora».

Lizza ha scritto: «Nessun briefing di transizione regolare. Nessuna lettura delle chiamate con leader stranieri. Nessun accesso stampa aperto al candidato e al suo popolo. Questa è una rottura con la tradizione».

Beh, ovviamente, è una rottura con la tradizione ed è preoccupante. Ma non sei autorizzato a notarlo. I sostenitori di Biden hanno subito gridato a Ryan Lizza di stare zitto.

Allora, cosa sta succedendo esattamente dietro questo blackout di notizie che nasconde Joe Biden alla vista del pubblico? Bene, più o meno esattamente quello che ti aspetti sta accadendo.

Nel nuovo ufficio ufficiale del presidente eletto, sono impegnati a premiare le forze di repressione che hanno reso possibili questi risultati elettorali. Indovina chi è il primo in linea?

Oh, hai indovinato, i monopoli tecnologici.

Hanno fatto il loro lavoro. Hanno chiuso un lato, protetto l’altro, e ora è il momento della ricompensa. Ed ecco la ricompensa.

In uno dei suoi primi atti come presidente eletto, Joe Biden ha nominato un uomo chiamato Ron Klain come suo capo di stato maggiore. Ora, Klain ha già lavorato per Biden. Questa è la storia che hai letto. Oh, è uno stretto alleato di Biden. Ecco perché ha il lavoro.

Ma non è per questo che ha ottenuto il lavoro. Ron Klain è anche un lobbista per Big Tech. Quattro anni fa è entrato a far parte del braccio di lobbying del Consiglio esecutivo della Silicon Valley a Washington. Oh, comincia ad avere un senso.

Ron Klain non è stato scelto per il successo come dipendente pubblico. Lo sappiamo perché l’anno scorso, ha ammesso che l’amministrazione Obama, dove era un alto funzionario, ha gestito in modo totalmente sbagliato la pandemia di influenza suina, quella che è venuta prima di questa.

Citazione: «È puramente casuale che questo non sia uno dei grandi eventi di vittime di massa nella storia americana». Ron Klain ha ammesso con ammirevole schiettezza dirà, citando, «Non aveva niente a che fare con noi che facevamo qualcosa di giusto. Aveva solo a che fare con la fortuna».

Ok, quindi lo ha ammesso, ma ciò che è sorprendente è che nonostante lo ammetta, gestendo male una pandemia, in qualche modo Ron Klain è riuscito a diventare il consigliere di Joe Biden sulla pandemia di coronavirus. E dal primo giorno ha sbagliato anche quello.

Guarda Ron Klain in televisione quest’anno, alla fine di gennaio, spiegare che il divieto del presidente Trump di viaggiare dalla Cina da dove proveniva il virus era una pessima idea.

(INIZIA VIDEO CLIP)

DOMANDA: Proibireste ai viaggiatori cinesi di arrivare negli Stati Uniti?

RON KLAIN, EX ASSISTENTE DELLA CASA BIANCA SENIOR DI OBAMA: Non lo farei. Penso che sia prematuro, penso che sia molto importante per lo scambio, molto importante per il commercio e il turismo.

(FINE VIDEO CLIP)

CARLSON: È molto importante per lo scambio e il commercio. Oh, il risultato finale della Silicon Valley. Non puoi infastidire o disturbare la Cina. Quella era la posizione di Klain e poi ha continuato.

Il 28 febbraio, ha twittato questa citazione, «Su COVID-19, se vuoi fare qualcosa di utile oggi, vai a Chinatown. Compra un pasto. Andare a fare shopping. Il virus attacca gli esseri umani, non le persone di qualsiasi etnia o razza. La paura sta danneggiando senza fondamento le aziende di proprietà cinese americana. Combattiamo la malattia e combattiamo il pregiudizio».

Ora tieni presente, al momento che ha scritto a febbraio non ci sono stati attacchi contro i cinesi americani a causa del coronavirus. Questo è un paese profondamente dignitoso e non razzista. Allora perché stava dicendo questo?

Divertente, il governo cinese stava dicendo quasi esattamente la stessa cosa. Se sei preoccupato per il coronavirus, sei un bigotto. Fatto.

Ma ancora una volta, non importa se Ron Klain avesse ragione su come gestire il coronavirus. Ciò che conta è che Ron Klain sia dalla parte giusta della Silicon Valley.

Come ti abbiamo detto prima, se vuoi capire cosa sta succedendo ora, tieni presente che questa non è un’amministrazione presidenziale entrante. No, questa è un’acquisizione aziendale del paese.

Hanno pagato per la campagna. Hanno in programma di affermare il pieno controllo.

A questo punto, i consulenti per la transizione di Joe Biden includono dirigenti di Uber, Visa, Capital One, Airbnb, Amazon, la Fondazione Chan-Zuckerberg e anche l’organizzazione no profit gestita dall’ex CEO di Google, Eric Schmidt. Siete sorpresi? No non lo siete.

Secondo un’analisi del Wall Street Journal, almeno 40 membri dei team di transizione di Biden annunciati all’inizio di questa settimana erano o sono lobbisti registrati. Oh.

E a proposito di transizioni, il quotidiano Stars and Stripes riporta oggi che uno dei funzionari chiave del Pentagono di Biden sarà un veterano transgender, scelto per difendere il Paese, forse sulla base dell’identità. Perché nel 2020 il corporativismo è molto sveglio, il più sveglio.

Sperano che la loro attenzione ti distragga dal loro saccheggio, e sta funzionando.

Ora, non rimarrete scioccati mentre il governo cinese osserva tutto questo ed è molto soddisfatto. Un’America debole e divisa ossessionata dalla politica dell’identità narcisistica è un bene per loro e, tra l’altro, molto diversa da loro.

Negli Stati Uniti, ci è stato detto che la tua identità è la cosa più importante. Non lo pensano in Cina. In Cina, pensano che il loro paese sia la cosa più importante ed è per questo che stanno vincendo ed è per questo che sono molto contenti di vedere più parlare di identità – infantile com’è.

La sua stessa infantilità è il suo fascino per i cinesi perché suggerisce che siamo buffoni.

Questa settimana, il quotidiano statale del Partito Comunista cinese, “The People’s Daily”, ha celebrato l’ascesa di Joe Biden prendendo in giro il presidente in carica. “Ah-ah”, ha twittato il giornale, insieme a un’emoji che rideva mentre le reti di notizie lo chiamavano per Biden.

È stato un profondo sollievo vedere questo in Cina. Anche i mercati si sono corretti. Il giorno delle elezioni, i mercati in Cina sono crollati quando i rendimenti hanno mostrato Donald Trump in testa negli stati oscillanti: Pennsylvania, Michigan, Wisconsin.

La valuta cinese è precipitata. Mercoledì mattina presto più dell’1%, 1,4 in realtà, contro il dollaro. È stato il più grande calo di un giorno in quasi tre anni quando pensavano che Trump sarebbe stato rieletto.

E poi, quando la notizia è cambiata, è cambiata anche quella. I mercati cinesi si sono immediatamente ripresi quando hanno iniziato ad arrivare i voti per Joe Biden. C’era una connessione? Puoi scommetterci.

Il governo cinese ora è felice. Dovresti essere felice? Vediamo.

Joe Biden ha annunciato che, in qualità di presidente, non esporterà un solo straniero illegale da questo paese nei primi cento giorni. Non importa chi siano, non importa cosa abbiano fatto. Non importa se sono stati condannati o meno. Ciò includerebbe stupratori e assassini. Letteralmente, potrebbero restare tutti qui.

Questa è un’ottima notizia se sei la Silicon Valley. Hanno spinto per questo. Le aziende tecnologiche lo volevano perché fanno affidamento su manodopera a basso costo. Ma per il resto di noi, qual è esattamente il vantaggio?

E a proposito, se vivi ovunque lungo il confine meridionale, buona fortuna a te. E a proposito, non preoccuparti di chiudere a chiave le tue porte o desiderare un muro di confine, o pensare che le restrizioni all’immigrazione potrebbero migliorare la tua vita perché se lo pensi, sei un bigotto.

Ce lo ha spiegato Joe Biden durante l’estate.

(INIZIA VIDEO CLIP)

JOE BIDEN (D), PRESIDENTE ELETTO DEGLI STATI UNITI: sarò un comandante in capo e mi assicurerò che la nostra Guardia Nazionale e le loro famiglie abbiano il sostegno e le risorse di cui hanno bisogno – nota non uno – non uno che devia più di 1 miliardo di dollari di finanziamenti della Guardia Nazionale per pagare un muro di confine, prelevato dalla Guardia Nazionale per un muro di confine. Non ci tiene davvero al sicuro.

(FINE VIDEO CLIP)

CARLSON: Sì, i militari non dovrebbero essere usati per proteggere il paese. Dovrebbero essere in Siria a fare quello che stanno facendo in Siria. Proteggere l’America? Questo è incostituzionale.

Pensi che sia assurdo? Credi che non possa farlo?

In qualità di presidente, Joe Biden potrebbe farlo il primo giorno con un’azione esecutiva. Non richiederebbe affatto che il Congresso intervenga. Ma se i Democratici finiranno per controllare il Senato, faranno molto di più. Daranno l’amnistia a ogni straniero illegale in questo paese. Sono più di 20 milioni di persone e saranno immediatamente sulla strada della cittadinanza.

Lo sappiamo perché Joe Biden l’ha già chiesto.

(INIZIA VIDEO CLIP)

BIDEN: Entro cento giorni invierò al Congresso degli Stati Uniti un iter verso la cittadinanza per oltre 11 milioni di persone senza documenti e tutti quei cosiddetti DREAMers, quei ragazzi del DACA, saranno immediatamente certificati ancora una volta per poter restare in questo Paese e mettersi in cammino verso la cittadinanza.

(FINE VIDEO CLIP)

CARLSON: Undici milioni. È così che sai che stanno mentendo. Perché nessuno che sappia qualcosa sull’argomento pensa che siano 11 milioni. No, sono oltre 20 milioni. Sono oltre 20 milioni, cittadini in un giorno.

È un grande cambiamento. È il più grande cambiamento della nostra vita, ma è solo l’inizio.

Questo spettacolo ha ottenuto in esclusiva un promemoria dal Glover Park Group. È un lucroso negozio di lobbismo a Washington con legami con Joe Biden. Il promemoria delinea le principali priorità di Biden. Questi includerebbero aiuti finanziari per gli stranieri illegali, un grande aumento nel reinsediamento dei rifugiati, più finanziamenti dei contribuenti per l’indottrinamento della teoria della razza critica. Un bel elenco di priorità. Chi è per questa roba?

Ebbene, le donne ricche e infelici d’America. Sono quelli che hanno fatto eleggere Biden e adorano questa roba. Non è un costo per loro. Li fa sentire virtuosi, quindi lo capiranno. Sono la base di Joe Biden. Adesso hanno il controllo.

Ma aspetta un secondo, ti starai chiedendo, cosa fanno politiche del genere per tutti gli altri? In che modo il reinsediamento dei rifugiati nel paese e la teoria della razza critica rendono la classe media più sicura? Più felice? Più ricca?

Come fa i tuoi figli a finire il college? Non è così. Non fa niente per nessun altro.

Ma a chi importa? Quelle persone non hanno votato per Joe Biden. Non ottengono niente.

———————

Dato che sono stati presentati molteplici esposti legali in risposta alle elezioni del 2020, con ulteriori sfide attese ed entrambi i candidati hanno rivendicato la vittoria in alcuni stati, ma sembra sempre più probabile che queste elezioni verranno risolte in tribunale.

Per questo motivo, AGENPARL non dichiarerà un vincitore delle elezioni presidenziali né Biden né Trump fino a quando tutti i risultati non saranno certificati e le eventuali controversie legali non saranno risolte.

Nonostante diverse testate giornalistiche abbiano proclamato vincitore Biden sabato.

Solo il Collegio Elettorale e gli Stati sono gli organi che certificano un’elezione presidenziale.