Agenparl
Agenparl Italia Social Network Sport

TOKYO 2020 SI, MA NEL 2021. LA VOCE DEI PROTAGONISTI IN PREPARAZIONE PRIMA DEL RINVIO (SECONDA PARTE)

(AGENPARL) – ROMA, gio 26 marzo 2020

Tokyo 2020 si, ma nel 2021.
La voce dei protagonisti in preparazione prima del
rinvio (seconda parte)



ROMA, 26 marzo 2020 – Il secondo appuntamento con le impressioni a caldo degli azzurri del Gruppo
Olimpico relativamente al posticipo al 2021 di Tokyo 2020 vede protagonisti due
senza e quattro senza maschili, le due barche di punta uomini sin qui
qualificate e con le quali si completa il quadro del gruppo Senior maschile.



Giuseppe Vicino (Fiamme Gialle, due senza)

“Due mesi fa nessuno se lo aspettava, eravamo tutti in preparazione, concentrati
in raduno, per preparare al meglio le gare nazionali e internazionali, a partire
da Sabaudia e Varese. Poi il virus ha contagiato tutto il mondo e adesso ne
stiamo pagando, tutti, le conseguenze. Fortunatamente hanno avuto la coscienza
di rinviare Tokyo di un anno, così l’intero Pianeta ha il tempo di organizzarsi
per vincere questa guerra invisibile. E’ bene pensare prima alla salute e poi ai
Giochi. Lo dice la parola stessa, l’Olimpiade è sempre un gioco, anche se noi lo
prendiamo molto seriamente. La vita però è un’altra cosa, quindi bene che Tokyo
2020 sia stata posticipata”.



Matteo Lodo (Fiamme Gialle, due senza)

“Deve essere stata una scelta difficile, però costretta, perché vedendo la
situazione critica nella quale ci troviamo, non solo in Italia ma ormai in tutto
il mondo, non era pensabile disputare l’Olimpiade. La salute infatti viene prima
di tutto, i Giochi sono un qualcosa di stupendo, però vanno affrontati nel
migliore dei modi, e dato che non ci sono i presupposti perché questo accada, è
giusti che li abbiano rinviati. E’ difficile da accettare, eravamo in piena
preparazione con l’obiettivo di andare a Tokyo 2020, però ora l’importante è
liberarsi da questo virus che ha colpito tutti, poi il prossimo anno, in
qualunque momento della stagione decideranno di inserire l’Olimpiade, noi ci
faremo trovare pronti”.



Matteo Castaldo (Fiamme Oro/RYCC Savoia, quattro senza)

“Dal punto di vista della preparazione è sicuramente un problema. Abbiamo fatto
tutto il carico invernale senza avere la possibilità di disputare neppure una
gara, e ora viene il momento più brutto perché chissà quando tempo passerà prima
di scendere nuovamente in acqua a gareggiare. Però rinviare Tokyo al prossimo
anno è stata la scelta migliore, per la salute di tutti e anche dal punto di
vista atletico. Personalmente preferisco avere un anno in più per prepararmi che
non dover rivoluzionare tutti i programmi per gareggiare appena un mese dopo o
al limite a ottobre”.



Bruno Rosetti (CC Aniene, quattro senza)

“Aspetteremo ancora un anno e saremo più pronti, più preparati, più forti.
Dispiace non disputare l’Olimpiade quest’anno, però per come siamo costretti ad
allenarci adesso, in una condizione di arrangiamento che chissà per quanto
ancora dovrà perdurare, è bene che tutto sia rimandato al prossimo anno. Lo
ripeto, saremo più forti perché avremo un anno di allenamento in più”.



Giovanni Abagnale (Marina Militare, quattro senza)

“Devo ammettere che non andare a Tokyo questa estate non mi fa piacere, stavamo
preparando l’appuntamento da quattro anni, non è solo il lavoro di questa
stagione che non viene messo a frutto. La salute però viene prima di tutto,
quindi c’è poco da dire, ci alleniamo e continuiamo a inseguire questo sogno,
ritenendoci fortunati per poterlo ancora rincorrere. Penso a chi non è riuscito
a disputare l’Olimpiade della sua epoca a causa delle guerre (Berlino 1916, Tokyo 1940 e
Londra 1944, uniche edizioni dei Giochi Olimpici annullate e mai più recuperate,
ndr) e mi ritengo un privilegiato ad avere una chance per recuperare
la mia. Nell’attesa di tornare alla normalità, dobbiamo fare ciò che ci dicono,
stare a casa e vedere meno persone possibili. Più stiamo attenti, e prima ne
usciamo. Il ritorno alla quotidianità non sarà comunque semplice, se hanno
rimandato l’evento dell’anno, anzi dei quattro anni, come Tokyo 2020, tutto il
resto dal punto di vista sportivo passa in secondo piano, dunque mi sa che
quest’anno salterà l’intera stagione. Adesso pensiamo però a uscire
dall’emergenza, poi ripartiremo con tutto il resto”.



Marco Di Costanzo (Fiamme Oro, quattro senza)

“In un momento come questo il mio primo pensiero non va all’Olimpiade, ma a chi
è in difficoltà, chi sta lottando per continuare a vivere, perché siamo
coinvolti in una realtà ben diversa dalla nostra normale vita, dunque a loro va
il mio abbraccio, invitando tutti a seguire scrupolosamente le regole che ci
vengono imposte in questo momento. Prima battiamo questo virus e prima torniamo
alle nostre vite. Venendo al rinvio dell’Olimpiade, la notizia era nell’aria, me
l’aspettavo da un momento all’altro. Addirittura ero pronto ad accogliere
persino un rinvio al 2022, perché siamo in una situazione drammatica, in cui è
giusto che lo sport passi in secondo piano. Per rispetto di chi ci ha già
lasciato, di chi sta lottando per guarire e di tutti quelli che sono ancora in
prima linea nonostante l’emergenza, è giusto così. Si fosse disputata
ugualmente, non sarebbe stata l’Olimpiade come tutti la conosciamo. L’Olimpiade
è fatta di atleti che sorridono, della comunità del villaggio olimpico, si
mangia insieme, ci si muove insieme, e a me personalmente l’idea di trovarmi a
vivere i Giochi Olimpici come la quotidianità di oggi, a distanza, senza stare a
contatto con altri atleti, vestendo la mascherina e adottando tutte le
precauzioni che ci vengono giustamente imposte in queste settimane, non mi
faceva piacere, semplicemente perché non sarebbe stata un’Olimpiade. Penso
quindi che sia stato giusto rimandare Tokyo 2020, è normale che per tutti ci sia
un po’ di amarezza a sapere di doverci lavorare ancora per un anno, ma è stata
la scelta migliore che il CIO potesse fare. Speriamo nel 2021 di vivere
l’Olimpiade che tutti conosciamo”.

Fonte/Source: http://www.canottaggio.org/1_news/2020_2news/0326_tokyo2.shtml

Related posts

MACAO CREATING 10-BILLION-PATACA COMMUNITY-SUPPORT FUND AMID COVID-19

Redazione

QATARI GERMAN FOR MEDICAL POSTPONES ITS 2019 ORDINARY AND EXTRAORDINARY GENERAL ASSEMBLY MEETING

Redazione

DA’S ALPAS COVID-19 DISTRIBUTES VEGETABLE SEEDS

Redazione

TAGALOG NEWS: LIMA NA HEALTH WORKERS KABILANG SA 14 KASO NG COVID-19 SA CAGAYAN VALLEY

Redazione

: WHOLESALE AND RETAIL TRADE SALES STATISTICS, 6TH PERIOD 2019

Redazione

: AIR TRANSPORT, Q1 2020

Redazione

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More